PDA

Visualizza versione completa : @@ RASSEGNA STAMPA @@


Pagine : [1] 2 3 4

MariaDehoz
23-03-2006, 11:01
Ciao ^__^ ...

Ho pensato una cosa e vorrei sapere il vostro parere.
Tutti, con il web, abbiamo più o meno accesso alle stesse fonti di notizie. Da quando poi abbiamo la MAGNIFICA LIB il nostro compito è stato notevolmente sgravato perché ci pensa lei con il suo spirito collaborativo e di servizio a raccogliere le notizie e a postarle qui da noi, spesso appena pubblicate :D...
Per questo un THANK's A LOT è d'obbligo [:X]

Cos'è allora che ci distingue ? Il fatto che abitiamo in regioni diverse e che leggiamo giornali diversi. Se ognuno di noi quando gli capita di trovare una notizia finanziaria sul suo giornale ne facesse un riassuntino anche breve andremmo a coprire in modo migliore l'arco della stampa :D

MariaDehoz
23-03-2006, 11:08
Intanto segnalo a chi fosse interessato che oggi IL SOLE 24 ORE regala un DVD, un CD e un libro riguardanti un corso d'inglese per il business. Ce l'ho qui e sembra interessante. Le prime cinque lezioni sono le SOLITE PRESENTAZIONI ma un ripasso non fa mai male, almeno a me che parlo inglese come TOTò & PEPPINO ;)

girocampa
23-03-2006, 20:24
ciao maria,hai ragione ho letto stamattina di alleanza che dara'azioni gratuite ma non ricordo dove.hugo boss,valentino bene marzotto volumi in aumento. azimut in a.h. sta riprendeno:):D[:p][^][:X][:X]

STRONGER
23-03-2006, 20:30
Ciao Maria,
condivido la tua opinione. Penso che il forum sia fatto per questo. Non sono un esperto ma trovo che ci sono persone preparate e proprio da queste potrebbero partire dei buoni consigli.
Per le notizie si quello lo possiamo fare tutti ma poi ci vuole sempre qualcuno che vede oltre la notizia.
Sicuramente una collaborazione di tutti si possono avere dei buoni risultati.
Buona Serata e a presto sia a Maria che a tutti del forum.[8]

girocampa
23-03-2006, 22:00
si potrebbe aprire un 3ad al giorno solo per le notizie di quel giorno .perche' non lo fai te maria quando dai il buongiorno???:)

girocampa
23-03-2006, 22:08
Petrolio: New York; Sfiora i 64 Dollari (+3,5%) In Chiusura

(ANSA) - ROMA, 23 mar - Petrolio in forte rialzo alla chiusura del mercato di New York con le quotazioni che hanno sfiorato i 64 dollari al barile. Il contratto con consegna a maggio ha registrato un aumento del 3,5% a 63,95 dollari al barile. Un rally segnato all'indomani dell'inatteso ridimensionamento delle scorte di greggio negli Usa comunicato dal Dipartimento dell'Energia statunitense: nella scorsa settimana infatti, le scorte di petrolio sono diminuite di 1,3 milioni di barili (-0,39%) a 338,6 milioni di barili. Il dato è in controtendenza rispetto alle stime degli analisti che puntavano su un aumento di 2,8 milioni di barili. In calo anche le scorte di benzina (-1,04%) e quelle dei prodotti distillati (-0,68%). Prezzi del petrolio in corsa anche al mercato di Londra, dove il Brent è salito del 2,4% a 62,97 dollari al barile. (ANSA
:(:([V][V][V]

the doctor
23-03-2006, 22:10
Brent 63.38 0.11 00:08:15
Light Sweet 64.00 0.09 00:06:43

Tenete l'energia

girocampa
23-03-2006, 22:16
Rcs: Bpi Escute Pegno Su Quota Ricucci (2)

(ANSA) - MILANO, 23 MAR - In particolare, Bpi escuterà il pegno costituito da Magiste e Garlsson su complessive 103.548.754 azioni Rcs (pari a circa il 14,1% del capitale di Via Rizzoli). A tal fine, spiega il comunicato, il cda ha conferito mandato all'amministratore delegato Divo Gronchi di procedere alla vendita delle azioni attribuendo allo stesso Gronchi ogni necessario potere, compreso quelle di individuare modalità che assicurino trasparenza e ragionevolezza.
Il consiglio ha inoltre deliberato che la Bpi possa acquistare essa stessa le azioni Rcs, ove necessario per assicurare che le condizioni di realizzo delle medesime e i loro criteri di valutazione risultino ragionevoli sotto il profilo commerciale. (ANSA).
questi si sono dei volponi!!!!:):D[8D][:p][^][:X]

girocampa
23-03-2006, 22:21
PUBBLICITÀ
I SERVIZI DEL SOLE 24ORE
PREMIUM 24: I nuovi servizi di approfondimento on line clicca qui
SMS: per ricevere gli sms del Sole 24 ORE sulla Borsa BORSA ON al 48224



Falck: vendera' per 10 anni energia eolica inglese a Gaz de France
Radiocor - Leeds, 23 mar - Il gruppo Falck ha siglato con la francese Gaz de France un accordo della durata di dieci anni per la fornitura di energia prodotta in Gran Bretagna. La controllata Falck Renewables vendera' al gruppo francese, in questi giorni coinvolto nella partita Suez-Enel, la totalita' della produzione del parco eolico di Earlsburn en Ecosse. Il valore del contratto non e' stato reso noto dai due gruppi. Il parco eolico, attualmente in costruzione, avra' una potenza installata di 35 megawatt, produrra' ogni anno circa 100-120 Gwh di elettricita' e sara' completato entro fine 2007. Obiettivo a lungo termine di Falck Renewables e' costruire una dorsale del vento che dall'Inghilterra vada alla Francia, alla Spagna, all'Italia fino al Marocco.


:):D[8D]

MariaDehoz
23-03-2006, 22:46
'Sera, amici ^__^ ...
Giro, la tua potrebbe essere una buona idea ma io credo che sarebbe forse un filo troppo dispersiva : se invece ognuno quando legge qualcosa d'interessante lo scrive qui sarà poi possibile andare a cercare notizie di due o tre settimane prima, per esempio per vedere chi tra gli analisti o le banche d'affari ci "becca" di più...
Oppure quali sono i giornali con il miglior "record" di buoni consigli [8D]
A presto, Strongy ^_^ ...
Ciao, Doc ^_^ ...

Intanto cominciamo con due consigli del 20 marzo da REPUBBLICA

Citigroup : APPLE da acquistare, il titolo nonostante i recenti cali è destinato a tornare a 82 dollari.
D'accordo anche PIPER JAFFRAY e BEAR STERNS che vede il titolo addirittura a 103 dollari [:o)]

BMW : UBS ha alzato il giudizio da neutral a buy con un T.P. 49 euro.
Il "sentiment" positivo sul 2006 dell'azienda è molto diffuso [}:)]

girocampa
23-03-2006, 23:25
comunque lo facciamo l'importante e' che le notizie le mettiamo, e che ci facciano guadagnare. ma tua mamma come si chiama????:):D

girocampa
23-03-2006, 23:28
Impregilo: a nozze con Astaldi fondendo le finanziarie (Il Messaggero)
Radiocor - Milano, 23 mar - Impregilo e Astaldi andranno a nozze, per formare il quarto polo europeo delle costruzioni con 4 miliardi di euro di fatturato, fondendo le rispettive finanziarie a monte. Lo afferma 'IL Messaggero', spiegando che protagoniste dell'operazione saranno la Fin.Ast srl, finanziaria della famiglia Astaldi, e Igli, la scatola che possiede il 15,5% di Impregilo, destinato a salire fin sotto al 30%. Al termine, la grande Igli, partecipata al 20% a testa da Astaldi, Ligresti, Autostrade, Techint (Rocca) e Gavio, dovrebbe avere il 29,9% del nuovo polo. Le modalita' e i dettagli, aggiunge il quotidiano, sono tutti da definire, specie quelli riguardanti i concambi della fusione tra Fin.Ast e Igli che dovrebbero sfociare, a termine, nella nascita della grande Igli con una governance paritetica tra gli Astaldi e gli altri attuali azionisti forti di Impregilo. Le trattative dovranno anche chiarire se le due societa' operative si fonderanno oppure se resteranno autonome in modo da sfruttare i rispettivi brand. Visto che Impregilo capitalizza tre volte piu' di Astaldi, e' possibile che la famiglia romana debba ricapitalizzare per mantenere la governance paritetica con i soci Impregilo.

girocampa
24-03-2006, 09:09
dal tg3 del 22-03-2006:vertice russo-cino-indiano-giapponese per assicurarsi forniture di gas e petrolio russo:)

MariaDehoz
24-03-2006, 09:50
Giro, si chiama Donatella :D

Dalla Stampa di oggi : ABN AMRO ritiene plausibile un grosso miglioramento dell' economia italiana e del PIL nel caso l' Italia vincesse i mondiali di calcio in Germania [:o)]

FORZA AZZURRI !
Anzi... FORZA ITALIA !! ;)


Dal SOLE del 23 marzo : UNIPOL - Pierluigi Stefanini ha dichiarato che entro due mesi la compagnia deciderà come utilizzare i 4.2 miliardi di liquidità che ha in cassa...

girocampa
24-03-2006, 14:18
ciao maria, ha un bellissimo nome tua mamma,
pensi che la pop. italiana venda la quota rcs????secondo me la incorporano in attesa che salga visto i conti. un [:X][:X] e un'abraccio a tua mamma

girocampa
24-03-2006, 15:26
Eni allunga il passo. Piace l'accordo siglato con il gruppo Piaggio
Di Alberto Susic

ENI (Milano: ENI.MI - notizie) ha siglato un accordo con il gruppo Piaggio per una collaborazione tecnica, commerciale, sportiva e di comunicazione, che riguarderà il marchio della società del cane a sei zampe e tutti i brand della Piaggio. Secondo quanto si legge in una nota, la collaborazione quadriennale svilupperà sinergie in ambito tecnologico, mirate allo sviluppo di prodotti petroliferi per motocicli e scooter.
L'obiettivo è quello di migliorare la competitività e le performances con prodotti orientati alla protezione dell'ambiente, quali lubrificanti e altri prodotti speciali, che il gruppo Piaggio acquisirà da Eni per il primo riempimento di tutti i veicoli prodotti e per i fabbisogni dei propri stabilimenti.
Molto positiva la reazione del mercato che sembra aver apprezzato l'accordo, premiando ENI con numerosi acquisti che stanno permettendo al titolo di registrare un rialzo dell'1,21% a quota 23,33 euro, sui massimi della seduta odierna.
[^][^]:):D[8D]

STRONGER
24-03-2006, 19:48
PER CHI HA BANCA FINNAT


DIVIDENDO 0,010 EURO PIU' CEDOLA STRAORDINARIA 0,003 EURO (IL SOLE 24 ORE RADIOCOR) - ROMA, 24 MAR - UTILE NETTO CONSOLIDATO DI 23.5 MILIONI PER BANCA FINNAT NEL 2005, IN CRESCITA RISPETTO A UN RISULTATO 2004, RICOSTRUITO IN BASE AI PRINCIPI IAS PER RENDERLO CONFRONTABILE, DI 11 MILIONI. LA BANCA CONTROLLATA DALLA FAMIGLIA NATTINO HA REALIZZATO UN MARGINE DI INTERMEDIAZIONE DI 66,4MILIONI (40,6 NEL 2004). LA REDDITIVITA' ESPRESSA DAL ROE SALE AL 16,9% DAL 10,4%. IL CDA PROPORRA' ALL'ASSEMBLEA CONVOCATA PER IL PROSSIMO 28 APRILE UN DIVIDENDO ORDINARIO UNITARIO DI 0,010 EURO NONCHE' UN DIVIDENDO STRAORDINARIO DI 0,003 EURO. L'IMPORTO COMPLESSIVO DI ENTRAMBI I DIVIDENDI CORRISPOSTI SARA' PARI A 4,71 MILIONI. LE CEDOLE SARANNO IN PAGAMENTO DAL 25 MAGGIO. COM-GGZ (RADIOCOR) 24-03-06 19:41:37 (0533) 5 NNNN

MariaDehoz
24-03-2006, 20:57
Ciao ^__^

Giro, abbraccio "consegnato", grazie :D
Ottima la notizia della Piaggio - Eni [:p]
Strongy, Finnat la conosco poco : tu come la valuti ? [8D]

Ecco un interessante articolo che vede Milano a quota 51.000 :D

Busnelli: "Musica d'orchestra sui mercati, per Milano un futuro a quota 51mila"



Il risiko bancario italiano, letteralmente esploso dopo la soluzione degli assetti di Banca Antonveneta (Milano: NTV.MI - notizie) (con Abn Amro (Amsterdam: AABA.AS - notizie) ) e Bnl (con Bnp Paribas (Parigi) ha regalato a Piazza Affari un primo trimestre 2006 d'oro. L'S&P/Mib, partito ad inizio anno a quota 36.000 punti, ha sfiorato qualche giorno fa quota 39.000, con un guadagno su base trimestrale dell'8% circa. “La borsa italiana ha camminato a passo veloce nella prima parte dell'anno, e tutto ciò lascia presupporre che gli obiettivi che mi ero dato per il 2006 (quota 40.000 punti S&P/Mib a fine anno) potranno essere modificati al rialzo” ha commentato il partner di Twice Advice Franco Busnelli, soddisfatto per come sono andate le cose finora. “Per i 40mila punti non penso bisognerà attendere molto, e se non ci saranno eventi particolarmente brutti e inattesi, potremmo agganciarli già quest'estate, magari dopo un periodo di riflessione ad aprile o a maggio. Se alzo l'orizzonte oltre i prossimi 12 mesi vedo invece una vetta importante da raggiungere, posta a quota 51 mila punti, un obiettivo che mi sembra raggiungibile con questo mercato. Anche per il Dax (Xetra: notizie) , il listino guida europeo, il barometro è ancora posizionato sul bello stabile, e quota 8.000 punti non è una chimera con l'attuale impostazione”. Traguardi molto importanti, che però non saranno raggiunti se non attraverso un percorso tortuoso. “Il mese di aprile potrebbe essere incerto a Piazza Affari, condizionata dalle elezioni governative che spero si concludano con un risultato netto per una delle due coalizioni, in modo da non lasciare una coda di perplessità agli operatori. Inoltre, se a prevalere sarà la coalizione guidata da Romano Prodi, bisognerà anche ragionare su come il mercato potrebbe reagire ad un rialzo dell'imposizione su cedole e plusvalenze azionarie, che dovrebbe essere portata al 20% dal 12,5%. Credo che un contraccolpo per il mercato ci dovrebbe essere, ma si ragiona ancora su ipotesi eventuali. Se aprile fosse negativo maggio, il mese tradizionale di stacco dei dividendi, potrebbe anche riservare sorprese positive”. Quali sono i titoli che mantieni in portafoglio? “In Italia la preferenza va al settore energetico, bancario, e media: Capitalia (Milano: CAP.MI - notizie) , Enel (Milano: ENEL.MI - notizie) , Eni (Milano: ENI.MI - notizie) , Snam rete gas (Milano: SRG.MI - notizie) , Unicredito (Milano: UC.MI - notizie) , Sanpaolo, Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) , Generali, Mondadori (Milano: MN.MI - notizie) , Mediaset (Milano: MS.MI - notizie) , affiancate da società industriali come Luxottica (Milano: LUX.MI - notizie) e Finmeccanica (Milano: FNC.MI - notizie) , che rientrano in un portafoglio estero dove sono presenti più titoli industriali”. Quali potrebbero essere le sorprese del futuro prossimo? “In Germania mi piace molto Allianz, impostata tecnicamente per raggiungere anche i 260 euro, mentre negli Stati Uniti guardo con favore Jds Uniphase (NASDAQ: JDSU - notizie) , che ha un obiettivo 'tecnico' a 30 dollari. Al di là del singolo titolo resto ancora convinto che per il Nasdaq (NASDAQ: notizie) il 2006 sarà molto positivo”. Per Busnelli le azioni restano ancora un buon investimento anche guardando ai prossimi anni. “Pensavo che la nuova bolla azionaria potesse arrivare per il 2012. Ho cambiato idea, forse la vedremo già nel 2009”. Franco Busnelli terrà un seminario a Milano presso la sede di Twice advice in piazza Affari 5 il prossimo 12 aprile

Che ne dite ? Certo che a barattare lo STORNO MONDIALE che stiamo aspettando a breve con una bolla nel 2009 ci starei alla grande ;)

girocampa
24-03-2006, 21:30
Bnl:Utile Record,Torna Dividendo;Abete,2006 Sara'Meglio/Ansa

(ANSA) - ROMA, 24 mar - La Bnl torna all'utile ed al dividendo. Il 2005 è stato un anno record per l'istituto di via Veneto che ha conseguito "il miglior risultato nella storia del gruppo", come ha precisato il presidente, Luigi Abete. Dopo un 2004 in rosso (-164 milioni), la banca romana ha chiuso lo scorso anno con un utile netto di 532 milioni di euro ed è tornata a distribuire, dopo cinque anni (non accadeva dal bilancio 2000) un dividendo per le azioni ordinarie pari a 0,06 euro. Con alle spalle questi "ottimi risultati", Bnl guarda con fiducia al 2006: "sarà meglio del 2005. I primi due mesi sono buoni", ha osservato Abete, sottolineando come i conti 2006 risentiranno positivamente dell'uscita dall'Argentina (il closing definitivo avverrà nelle prossime settimane) e dall' Iraq, i cui effetti sono stati solo in parte conteggiati nel 2005.
"Il risultato 2005 è migliore sia di quello previsto nel piano industriale 2003-2005, sia di quello della previsione intermedia fatta in occasione dell'aumento di capitale", ha aggiunto Abete. Bnl comunque "può fare molto di più: abbiamo raggiunto ottimi risultati stand alone con alle spalle una grande confusione - ha sottolineato il presidente -. Ora abbiamo una prospettiva di di cielo sereno, dopo essere stati in un uragano permanente". Il riferimento implicito è alle vicende che hanno caratterizzato la scorsa estate. L'occasione dei conti ha rappresentato per Abete una sorta di rivincita nei confronti di "quei signori a cui faceva comodo descrivere la Bnl come una banca in cui mancava un grande manager, e che per ignoranza e responsabilità dolosa non hanno saputo leggere correttamente i bilanci: questi signori - ha precisato - avranno ora la possibilità di riflettere sulle stupidaggini dette negli ultimi 18 mesi".
Anche essendo oggetto "di vicende complicate, ancora al vaglio delle autorità competenti per responsabilità personali, Bnl ha ottenuto nel 2005 un risultato importante, raggiungendo parametri di riferimento competitivi con altri soggetti di mercato", ha detto con una punto di orgoglio Abete. Il cda che ha approvato i conti 2005 non si è invece soffermato l'opa di Bnp. "Non se n'é parlato - ha detto Abete - Nelle prossime settimane potremo avere con Bnp colloqui più approfonditi sul piano industriale, che è molto importante". Secondo il presidente di Bnl, il progetto industriale dei francesi su Via veneto dovrebbe "salvaguardare il logo Bnl, ma anche il dna e la storia". Al momento, ha assicurato, con Bnp non è stato affrontato il tema dell'occupazione in seguito all'integrazione delle due società.
Parlare dell'opa dei francesi è stato un altro momento per Abete per tornare su quanto accaduto nei mesi scorsi, in particolare per quanto riguarda l'iter autorizzativo. "E' positivo che che Bnp preveda una tempistica rapida. Nei prossimi giorni sarà completato l'iter autorizzativo, poi Bnp formalizzerà le sue proposte. Ricordate - ha sottolineato - la recherche du temp perdu del 2005: parliamo, grazie al cielo, di una storia della lontana della Banca d'Italia, che per qualche autorizzazione era rock e per altre lenta".
Abete, infine, si è detto "dispiaciuto" per il delisting della banca da lui guidata deciso dai francesi. Comunque - ha tenuto a precisare - questo "non è sintomo di un'involuzione, ma significa che Bnp vuole gestire l'impresa. Si tratta, insomma, di una tappa del processo di sviluppo. Resteremo in ogni caso sul mercato perché saremo parte importante del conto economico di Bnp".
Bnl ha archiviato la seduta a piazza Affari in progresso dello 0,2% a 2,956 euro. (ANSA).

girocampa
24-03-2006, 21:37
Saras: Acquista 37 Stazioni Servizio In Spagna Per 32,2 Mln

(ANSA) - MILANO, 24 MAR - Saras energia, società controllata dal gruppo petrolifero Saras (famiglia Moratti) atteso alla quotazione nel prossimo futuro, ha stretto un accordo con la spagnola Caprabo per l'acquisto di 37 stazioni di servizio per un controvalore pari a 32,2 milioni di euro.
L'operazione, si legge in una nota, sarà finalizzata entro la fine del mese di maggio.(ANSA).
[:0][:0][:0][:0]

girocampa
24-03-2006, 21:47
Finmeccanica: Per Ansaldo Sts Prezzo Collocamento 7,80 Euro

(ANSA) - ROMA, 24 mar - E' stato fissato a 7,80 euro per azione il prezzo dei titoli Ansaldo Sts nell'ambito dell'offerta globale di vendita di 52.174.000 azioni ordinarie. La domanda è risultata superiore di oltre otto volte il quantitativo di titoli offerti. Lo rende noto un comunicato della società del gruppo Finmeccanica, aggiungendo che i risultati dell'offerta globale di vendita saranno resi noti con un successivo avviso.
I proventi derivanti dell'offerta globale di vendita, al netto dell'importo delle commissioni riconosciute ai collocatori - si legge nella nota - ammonterà a 397,8 milioni. Nel caso di integrale esercizio dell'opzione di greenshoe, il ricavato dell'offerta globale di vendita ammonterà a 457,5 milioni di euro e le azioni oggetto dell'offerta saranno pari a 60.000.000, equivalenti al 60% del capitale sociale di Ansaldo Sts.
Il prezzo di offerta - prosegue la nota - è stato determinato da Finmeccanica, sentiti i coordinatori dell'offerta globale Mediobanca e Goldman Sachs International e l'advisor finanziario Vitale & Associati, all'interno dell'intervallo di prezzo tra 6,80 e 8,20 euro per azione, tenendo conto della qualità e quantità della domanda e delle condizioni del mercato italiano e internazionale.
Il prezzo di offerta è unico per l'offerta pubblica di vendita e per il collocamento istituzionale. (ANSA).
[:p]:)

MariaDehoz
25-03-2006, 11:08
Ohilà! Che colpo, Giro : il prezzo di Ansaldo pochissimo tempo dopo l'annuncio ^__^ ! Bravissimo :D

Da MILANO & FINANZA di oggi

JP MORGAN : Campari non è più a sconto al prezzo di 7.21 in quanto ha P/E di 16. Comunque a 12 mesi il T.P. è a 7.70 e consigliamo di sovrappesare

RASBANK : Unicredito è l'unica banca italiana con ancora spazi di crescita basati esclusivamente sui fondamentali. Consigliamo di accumulare.
T.P. a 6.2

MORGAN STANLEY : Enel può arrivare a 8.7
Sovrappesare

MariaDehoz
25-03-2006, 11:09
Ohilà! Che colpo, Giro : il prezzo di Ansaldo pochissimo tempo dopo l'annuncio ^__^ ! Bravissimo :D

Da MILANO & FINANZA di oggi

JP MORGAN : Campari non è più a sconto al prezzo di 7.21 in quanto ha P/E di 16. Comunque a 12 mesi il T.P. è a 7.70 e consigliamo di sovrappesare

RASBANK : Unicredito è l'unica banca italiana con ancora spazi di crescita basati esclusivamente sui fondamentali. Consigliamo di accumulare.
T.P. a 6.2

MORGAN STANLEY : Enel può arrivare a 8.7
Sovrappesare

MariaDehoz
25-03-2006, 11:11
Ohilà! Che colpo, Giro : il prezzo di Ansaldo pochissimo tempo dopo l'annuncio ^__^ ! Bravissimo :D

Da MILANO & FINANZA di oggi

JP MORGAN : Campari non è più a sconto al prezzo di 7.21 in quanto ha P/E di 16. Comunque a 12 mesi il T.P. è a 7.70 e consigliamo di sovrappesare

RASBANK : Unicredito è l'unica banca italiana con ancora spazi di crescita basati esclusivamente sui fondamentali. Consigliamo di accumulare.
T.P. a 6.2

MORGAN STANLEY : Enel può arrivare a 8.7
Sovrappesare

girocampa
25-03-2006, 13:52
Milano: 24/03/2006 - 17:20
APULIA. FINANZIAMENTI PIÙ CHE TRIPLICATI NEL I TRIM
Continuano a crescere i volumi di finanziamenti di Apulia che dal primo gennaio al 24 marzo 2006, si attestano a 90,2 milioni di euro, più che triplicati quindi rispetto al primo trimestre del 2005 quando si erano attestati a 26,2 milioni di euro. La società nel 2005 ha registrato un utile netto pari a 5,9 milioni di euro su ricavi totali pari a 13,9 milioni di euro. I finanziamenti al 31 dicembre sono saliti a 403,8 milioni di euro, registrando così un incremento superiore al 50% rispetto ai 269 milioni di euro dello stesso periodo dell'anno precedente. Il Cda ha approvato un dividendo di 0,0187 euro per azione, con un rendimento superiore quindi al 5,7%. Il margine di interesse, sempre nel 2005, ha raggiunto 10 milioni di euro con un margine di intermediazione pari a 10,4 milioni di euro.
(F.S.)

:):D[8D][:p][^][:X][:0]

MariaDehoz
25-03-2006, 17:43
Dal SOLE 24 ore di oggi

DrKW : REDUCE per Alleanza ---> Target Price a 10.10 (io me le tengo e che DRESDENER KLEINWORT & WASSERSTEIN se ne vadano a quel paese [^])

MORGAN STANLEY : OVERWEIGHT per SEAT Pagine Gialle con Target Price a 0.45 euro

MERRIL LYNCH : BUY per UNICREDITO con Target Price a 6.7

girocampa
26-03-2006, 16:54
Reuters - 32 minuti fa

Pubblicità

MILANO (Reuters) - Banca Popolare Italiana (Milano: BPI.MI - notizie) ha convocato in via straordinaria un cda domani per chiedere all'assemblea la delega per un aumento di capitale fino a 800 milioni di euro come parte di un piano per la ristrutturazione del gruppo.

Lo scrivono oggi alcuni quotidiani, mentre il portavoce di Bpi ha confermato la convocazione del cda per domani senza fornire ulteriori dettagli.

Il Sole 24Ore e il Messaggero hanno scritto oggi che il cda chiederà domani la delega per un aumento di capitale fino a un massimo di 800 milioni di euro.

"L'operazione, da effettuare in una o più tranche, prenderà il via in autunno sotto la regia di Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) ed è finalizzata unicamente all'attuazione del piano industriale, non in vista di nuove acquisizioni", scrive Il Sole . "L'importo esatto dell'aumento verrà definito nei prossimi mesi, anche sulla base dell'esito concreto delle dismissioni programmate dal nuovo management".

Il Sole aggiunge che è "confermato per il 29 marzo il cda che dovrà esaminare i conti 2005, con una previsione di un rosso di 700-800 milioni di euro per le pesanti svalutazioni di asset".

Il Messaggero oggi in edicola ha scritto inoltre che Bpi potrebbe mettere all'asta il pacchetto del 14,1% di Rcs di proprietà della Magiste dell'immobiliarista romano Stefano Ricucci il quale, dice il giornale romano, potrebbe vedere domani dissequestrato dalla procura di Milano il suo pacchetto di azioni Antonveneta.

Bpi in una nota del 23 marzo aveva detto che qualsiasi ipotesi sui contenuti del piano industriale che sta mettendo a punto era prematura e a quella data il cda non aveva preso in esame alcun progetto di ristrutturazione societaria del gruppo Bpi.

Lo stesso 23 marzo il cda di Popolare Italiana aveva detto di aver deciso di escutere il pegno costituito sul pacchetto di 103.548.754 azioni Rcs da Magiste e Garlsson.

[}:)][}:)][}:)][:0][:0][:0]

girocampa
27-03-2006, 10:23
NOTIZIE FINANZIARIE



Data Service: chiude 2005 con una perdita netta di 3,7 mln

MILANO (MF-DJ)--Data Service chiude il bilancio consolidato 2005 con una perdita netta di 3,7 mln euro (-21,5 mln nel 2004) e ricavi per 55,8 mln (60,8 mln), al netto delle attivita' destinate alla dismissione.

Il risultato operativo, si legge in una nota, e' negativo per 2,2 mln (-13,6 mln) mentre l'indebitamento finanziario e' pari a 25,5 mln (35,8 mln).Le attivita' in dismissione sono in perdita per 6,7 mln (-8,7 mln).

La capogruppo chiude il 2005 con ricavi per 49 mln (54,2 Mln) ed una perdita netta di 4 mln (20,8 mln.)

Il Cda proporra' all'assemblea l'autorizzazione per un aumento di capitale per un ammontare massimo di 12,95 mln euro mediante emissione di 5 mln di azioni del valore nominale di 2,59 euro per azione entro un termine massimo di 5 anni dalla data di iscrizione della delibera assembleare nel registro delle imprese. com/mur

[:0][:0]

STRONGER
27-03-2006, 12:05
Sul Sole24ore di oggi a pagina 27 trovate un bella pagina su Analisi Tecnica di alcuni titoli. Nello stesso tempo anche giudizio sui titoli del Mib/30.

girocampa
27-03-2006, 21:22
Snia: Hopa ha ricevuto manifestazione interesse per il suo 16,2%
Radiocor - Milano, 27 mar - La finanziaria bresciana Hopa dichiara in una breve nota di aver ricevuto una manifestazione di interesse riguardante l'acquisto di tutta la sua partecipazione, pari al 16,2%, nel capitale di Snia. 'La societa' - affermano - sta valutando con i propri legali i termini e le condizioni di tale manifestazione di interessi'. Il titolo Snia e' oggetto di ordini di acquisto fin dalle prime battute di Piazza Affari ed e' al momento trattato a 0,0925 euro, con un balzo in avanti del 6,32%.
biesse raddoppia l'utile, bel titolo:)[^]

girocampa
27-03-2006, 21:46
Mediolanum: Doris, bene il I trimestre, piu' del doppio la raccolta fondi
Radiocor - Milano, 27 mar - 'Il primo trimestre sta andando molto bene. Stiamo raccogliendo tantissimi fondi comuni, stiamo facendo piu' del doppio rispetto allo stesso periodo del 2005'. Lo ha detto Ennio Doris, a.d. di Mediolanum. nel corso della presentazione dei risultati 2005. Sulle polizze ricorrenti la crescita e' intorno al 35% mentre sulle polizze index linked 'stiamo soffrendo un po'', ha detto Doris. Forte crescita dei nuovi conti correnti che sono stati 26-27mila nei primi tre mesi dell'anno, contro gli 87 mila dell'intero 2005.:):D

genk
27-03-2006, 22:04
Da quest’anno è salita la percentuale detraibile di imposta sul valore aggiunto: dal 10 al 15%
La formula giusta per pagare le tasse
Con il leasing si deduce di più ma il renting è più comodo. E l’auto in proprietà non dà guai con l’Irap

La denuncia dell'auto all'Erario
Ma ai fini fiscali l’auto conviene noleggiarla, prenderla in leasing o acquistarla? Diciamo subito due cose. La prima è che la grande novità di quest’anno è l’aumento della detraibilità Iva dal 10 al 15%, da gennaio: vale per tutte le imprese e i professionisti, e per tutte e tre le formule. «Si applica anche ai contratti di leasing o renting già in corso» dice Stefano Poggi Longostrevi, componente del consiglio dell’Ordine dei dottori commercialisti di Milano.
La seconda è che per i privati si stanno aprendo sia il mercato del leasing sia quello del renting: ma le agevolazioni fiscali sono, ancora, zero. Nessuna detraibilità per l’Iva, naturalmente, né deduzione dal reddito sulle spese di gestione né sull’acquisto (o sul canone). L’unico vantaggio per il signor Rossi è nel noleggio, se non vuole pensieri con la manutenzione, il bollo l’assicurazione: anche se tale semplicità ha un costo. Per il resto, le tasse le paga tutte.
Vediamo dunque la convenienza fiscale delle tre formule per le imprese, con una premessa: se danno l’auto in uso al dipendente con addebito a tariffe Aci possono dedurre sempre al 100%, senza limiti di importo, sia il canone (o il prezzo d’acquisto) sia le spese di gestione, come riparazione, carburante e assicurazione. Se invece l’auto non è data in uso al dipendente, le spese d’esercizio possono sempre essere dedotte a parte, senza limiti d’importo: all’80% da agenti e rappresentanti e al 50% da professionisti e aziende.
Auto in renting. Con il noleggio a lungo termine c’è un limite sul quale fare i calcoli: 3.615,20 euro all’anno. Gli agenti e i professionisti possono dedurre l’80% del canone (e comunque entro questo tetto massimo), le imprese e i professionisti il 50%. Per tutti gli anni di durata del contratto (in genere non più di tre). «Prendiamo ad esempio un’auto da 18 mila euro — dice Poggi Longostrevi—. In questo caso l’importo deducibile annuo è di 1.807,6 euro per le imprese (cioè la metà di 3.615,20) ed è di 2.892,16 euro per agenti e rappresentanti (cioè l’80% di 3.615,20). Replicabile per tutti gli anni di noleggio dell’auto. Per tre anni, quindi, le aziende, nel nostro caso, dedurranno 5.422,8 euro e gli agenti 8.676 euro: sui 18 mila pagati. Se invece si dà l’auto in uso al dipendente, si deducono tutti gli interi canoni pagati. Per un noleggio di tre anni, quindi, 10.845,6 euro. Va aggiunta la deduzione, separata, delle spese di gestione. Senza limiti.
Leasing. Il periodo minimo di durata del leasing è di due anni e il limite di costo dell’auto è di 25.822,84 euro per agenti e rappresentanti, che posssono dedurre l’80%; e di 18.075,99 euro per professionisti e imprese, che possono dedurre il 50%. «Nell’esempio dell’auto da 18 mila euro — spiega Poggi Longostrevi — per imprese e professionisti la deduzione avviene sulla metà di 18 mila euro, quindi 9 mila euro: che divisi sui due anni di contratto fanno 4.500 euro all’anno di deduzione ». Invece ad agenti e rappresentanti è consentito dedurre l’80%, cioè 14.400 euro sui due anni (però il tetto dell’importo sale, si è agevolati anche se si sceglie una macchina più cara): quindi 7.200 euro all’anno.
Auto in proprietà. Per chi acquista l’auto, il periodo normale di ammortamento è di quattro anni. In sostanza, il costo della macchina va spalmato su 48 mesi. E la deduzione anche. Nel nostro esempio di una vettura che costi 18 mila euro, se c’è l’addebito al dipendente l’azienda può dedurre quindi 4.500 euro all’anno (l’intero importo). Altrimenti può dedurre dalla dichiarazione dei redditi la metà di 18 mila euro — quindi 9 mila — divisi su quattro anni: 2.250 euro all’anno. «Invece agenti e rappresentanti deducono l’80% di 18 mila — spiega Poggi Longostrevi —. Quindi 14.400 euro: cioè 3.600 all’anno » (ma il tetto può salire a 25.822,84 euro). Se si applica l’ammortamento anticipato, il periodo di deduzione può essere ridotto a tre anni.
Conclusione: «Con il leasing si deduce un po’ di più — dice Poggi Longostrevi —. Ma il renting è più comodo e attrae le imprese medio-grandi, anche se ha un costo un po’ maggiore. Inoltre, con il leasing i calcoli ai fini dell’Irap sono più complicati, perché bisogna scorporare dal canone totale la quota di interessi impliciti». E nella nota integrativa di bilancio vanno date ulteriori informazioni sui beni in leasing. Non è così per le auto che sono in proprietà: una scelta che «conviene a chi ha un parco macchine sotto i cinque veicoli» dice Pietro Teofilatto dell’Aniasa.
Alessandra Puato
27 marzo 2006

MariaDehoz
28-03-2006, 10:40
Ciao ^_^ ...
Segnalo che oggi con MF è in regalo la seconda puntata del MANUALE dell' INVESTITORE GLOBALE :D

Dalla prima pagina :

CRACK TEST ALLA BCE
Per la prima volta sarà simulato lo scoppio di una grave crisi bancaria nell' area euro

TELECOM : 11.5 milioni di € a Marco De Benedetti per il suo addio

INTESA esce da OLIMPIA e incassa 585 milioni

Rutelli : inutile tassare i BOT

MORETTI : in perdita la SACHER, la sua società...
Si punta tutto sul CAIMANO

:D

genk
28-03-2006, 12:39
Finmeccanica: nel 2005 valore produzione a 11.469 mln (+25%), EBIT +58%

Finanzaonline.com - 28/03/2006 12:22 - Il cda di Finmeccanica ha approvato oggi i dati di bilancio 2005
Il cda proporrà all’assemblea un dividendo di 31 centesimi di euro (+19% rispetto al 2004) più un dividendo straordinario di 19 centesimi di euro relativo alla quotazione di Ansaldo STS
Il valore della produzione, in linea con gli obiettivi di sviluppo del Gruppo, è pari a 11.469 milioni di euro in crescita di 2.311 milioni (di cui circa 400 milioni, pari a un incremento del 4,4%, riconducibili alla crescita organica) rispetto ai 9.158 milioni del 2004. Il risultato è dovuto essenzialmente al consolidamento del 100% di AgustaWestland e alle nuove attività acquisite da BAE Systems nell’avionica. In termini di crescita organica, gli incrementi più significativi derivano dall’Elettronica per la Difesa (+14% circa), dall’Aeronautica (+7% circa, riferito ai programmi militari C-27J ed Eurofighter e quelli civili ATR e A380), e dall’Energia (+6%, grazie alle maggiori attività di service rispetto al 2004).
Il risultato operativo (EBIT) è pari a 735 milioni di euro con un incremento di 270 milioni (+58%) rispetto ai 465 milioni del 2004. La variazione è da attribuire per circa 100 milioni alla crescita organica e per i restanti 170 milioni al diverso perimetro di consolidamento. La redditività operativa del Gruppo sale al 6,4% rispetto al 5,1% di fine 2004. In termini di crescita organica il miglioramento è da attribuire all’andamento positivo dei settori: Aeronautica (+42% per maggiori volumi, maggiore apporto del consorzio GIE-ATR e per le compensazioni ricevute da Boeing a conclusione dei negoziati per la chiusura del programma B757); Elettronica per la Difesa (+23%); Elicotteri (+21% riferibile principalmente alla maggiore attività di supporto prodotto e all’effetto delle azioni di miglioramento della redditività nell’ambito del processo di integrazione delle attività britanniche e italiane); Sistemi di Difesa (+15% per attività a maggiore redditività soprattutto nel comparto missilistico) ed Energia (+95%). Nel settore Trasporti, i comparti Segnalamento e Sistemi, ora confluiti in Ansaldo STS, registrano un aumento dell’EBIT di 21 milioni di euro. Incide invece in modo negativo il risultato di AnsaldoBreda, la cui perdita - pari a 130 milioni di euro - deriva da significativi extracosti relativi ad alcune commesse, spesati nell’ambito del processo di ristrutturazione della società.
L’utile netto è pari a 396 milioni di euro, in diminuzione di 189 milioni rispetto ai 585 milioni del 2004, che beneficiavano di 270 milioni di euro riferiti alla differenza netta tra le plusvalenze derivanti dalla cessione di 93 milioni di azioni di STMicroelectronics (702 milioni di euro) e le svalutazioni e gli accantonamenti di natura non ricorrente (432 milioni di euro). L’esercizio 2004 beneficiava inoltre di un apporto di 107 milioni di euro derivante dalla partecipazione in STM, che invece nel 2005 non ha determinato effetti sull’utile, essendo stata iscritta tra le attività destinate alla vendita con conseguente valutazione a fair value secondo i nuovi principi IFRS/IAS 39 (in vigore dall’1 gennaio 2005). Sul dato 2005 infine, pesano maggiori oneri finanziari per 74 milioni di euro, di cui 40 milioni dovuti al maggior indebitamento medio del Gruppo nel corso dell’anno e 17 milioni dovuti alla maggiore perdita di Avio SpA, nonché una crescita delle imposte di 15 milioni. Nel 2005 la composizione delle imposte risulta la seguente: I.Re.S €mil. 2 (€mil. 42 nel 2004), IRAP €mil. 105 (€mil. 96) ed altre imposte €mil. 93 (€mil. 47).
L’indebitamento finanziario netto è di 1.100 milioni di euro rispetto ai 701 milioni del 2004. Tale livello di indebitamento, pari al 24% del patrimonio netto consolidato, si situa sia al di sotto dei limiti posti da un’attenta e prudente gestione finanziaria, sia all’interno dei limiti massimi indicati dalle principali società di rating. La struttura finanziaria del Gruppo al 31 dicembre 2005 è stata resa ulteriormente solida allungando la vita media residua del debito, che passa da 5 anni a fine 2004 a 10, con una costante minimizzazione del costo, portando il tasso medio di interesse al 3,7% effettivo (4,8% ai finiIAS/IFRS per effetto dell’applicazione del metodo del tasso di interesse effettivo). Il dato 2005 include i riflessi finanziari dei seguenti fenomeni non ricorrenti: l’accordo con BAE Systems nell’Elettronica per la Difesa, il cui impatto complessivo netto sulla posizione finanziaria del Gruppo alla data di definizione degli accordi (29/04/2005) è stato di 718 milioni di euro, ridottosi ad un esborso netto di cassa pari a 528 milioni di euro per effetto del conguaglio corrisposto da BAE; l’esborso di 109 milioni di euro relativo alla costituzione delle alleanze con Alcatel nel settore Spazio; i dividendi relativi all’esercizio 2004 pagati da Finmeccanica S.p.A. per un importo di 110 milioni di euro; l’incasso di 68 milioni di euro, realizzato nel mese di aprile, relativo alla restituzione proporzionale di parte del capitale sociale ai soci Finmeccanica e Carlyle da parte della società Aero Invest 1 SA (società detentrice del capitale azionario di Avio S.p.A.); l’esborso, nel mese di ottobre, di 151 milioni di euro relativo all’acquisizione del 52,7% di Datamat SpA. A tal riguardo si precisa che il pagamento di 89 milioni di euro, relativo all’acquisizione tramite OPA del restante pacchetto azionario della società, è stato perfezionato nel mese di gennaio 2006. Inoltre, nel corso del 2005 la posizione finanziaria ha beneficiato per la prima volta del meccanismo di compensazione derivante dall’applicazione del consolidato fiscale nazionale al quale il Gruppo Finmeccanica ha aderito nel 2004. Ciò ha comportato un minor esborso, nel corso dell’anno 2005, di circa 131 milioni di euro.
Il dato di indebitamento a fine 2005 è stato favorevolmente influenzato da una positiva generazione di cassa (Free Operating Cash Flow) pari a 501 milioni di euro, rispetto a 129 milioni di euro del 2004, che ha permesso di finanziare sia l’erogazione del dividendo sia, in parte, gli investimenti strategici effettuati da Finmeccanica.
Il risultato del 2005 è stato ottenuto attraverso un costante controllo dei fabbisogni finanziari delle aziende e tramite un’articolata attività nei confronti dei clienti e dei fornitori, ma anche grazie a significativi anticipi negli incassi di alcuni contratti realizzati da aziende del Gruppo negli ultimi giorni di dicembre, fatto questo che potrà comportare effetti di segno opposto nel corso dei primi mesi del 2006.
Gli ordini ammontano a 15.383 milioni di euro rispetto ai 10.543 milioni nel 2004 con un incremento di 4.840 milioni (+46%). Del totale ordini oltre il 52% è riferibile al mercato militare rispetto al 50% nel 2004. L’incremento è dovuto essenzialmente al settore Elicotteri, con l’importante commessa per la prima tranche dello US101 destinato al trasporto del Presidente degli Stati Uniti e gli ordini relativi all’elicottero AW139; al settore Elettronica per la Difesa, con l’ordine per il sistema Defensive Aids Sub System (DASS) destinato alla seconda tranche dello Eurofighter e gli ordini per il sistema VTS fase 2 per la Guardia Costiera Italiana; al settore Aeronautica con il primo ordine per le aerostrutture relative al B787, ordini relativi allo Eurofighter e ai velivoli regionali ATR; al settore Energia con l’impianto a ciclo combinato Napoli Levante e il repowering del secondo gruppo termoelettrico della centrale di Moncalieri.
Il portafoglio ordini è pari a 32.114 milioni di euro rispetto ai 24.315 milioni del 2004 largamente dovuto alla crescita organica. Dell’incremento di 7.799 milioni rispetto al 31 dicembre 2004, 2.800 riguardano l’effetto delle attività acquisite da BAE Systems, mentre circa 5.000 sono da ascrivere alle attività già di proprietà del Gruppo. Il portafoglio ordini assicura a Finmeccanica una copertura equivalente a circa due anni e otto mesi di produzione e presenta una consistenza, definita in base alla sua lavorabilità, tale da garantire una copertura pari all’85% della produzione prevista nel 2006.
Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono stati pari a 1.742 milioni di euro rispetto ai 1.381 del 2004 con un importante incremento di 361 milioni (pari al 26%) e rappresentano circa il 15% del valore della produzione. Le principali attività hanno riguardato: nell’elicotteristica lo sviluppo dell’A149 e le varianti dei modelli base dell’EH101, dell’NH90 e dell’A109 LOH/LUH; nell’Elettronica per la Difesa le attività sul programma Eurofighter, i prototipi del sistema UAV/Falco, i sistemi di comando e controllo navali e terrestri, il completamento dello sviluppo di sistemi radar e della rete TETRA; nell’Aeronautica lo sviluppo dei programmi B787, A380, C-27J, Eurofighter e l’addestratore M346; nello Spazio i principali programmi satellitari e le future sperimentazioni nella Stazione Spaziale Internazionale.
L’organico del Gruppo si attesta a 56.603 unità con un incremento di 7.267 persone a fine 2004 (+15%), riconducibile alla conclusione degli accordi con BAE Systems e all’acquisizione di Datamat. Il totale dei dipendenti del Gruppo all’estero è di circa 15.500 unità, di cui oltre 9.100 nel Regno Unito.






Notizie correlate

Per argomento
28/03 Bper: utili 2005 a 184 milioni, dividendo a quota 1 euro
28/03 Trevisan: nel 2005 utile netto pari a 213.000 Euro
28/03 Cremonini: Utile netto consolidato di Gruppo a 40,6 milioni di Euro nel 2005

Per titolo
27/03 Finmeccanica: Ansaldo STS in Borsa a 7,80 euro per azione
22/03 Finmeccanica, Alenia tra le pretendenti a maxi-fornitura per Pentagono
21/03 Finmeccanica: Deutsche Bank consiglia di tenere in portafoglio il titolo

Nel forum
21/03/2006 08:51:50
Ansaldo, ne parliamo qui?
11/03/2006 22:39:54
"Agli azionisti un bonus per l'Ipo di Ansaldo STS"
10/03/2006 13:15:52
ne ho prese un pò (10000 a 18,86).............

girocampa
28-03-2006, 17:37
Fondiaria (Milano: FSA.MI - notizie) -Sai: utili 2005 salgono a 586 mil., cedola ord. 0,95 euro. speriamo in un bel rimbalzo per fondiaria e generali:):D[8D][^]

girocampa
28-03-2006, 17:46
Alleanza: Ruffolo, buyback e dividendo straordinario opzioni per impiego excess capital

Al termine del 2005 il capitale in eccesso di Alleanza Assicurazioni si attestava a 1-1,1 miliardi di euro, come ha confermato l'amministratore delegato della compagnia assicurativa, Ugo Ruffolo, durante l'incontro con i giornalisti per la presentazione del piano strategico 2006-2008. "Abbiamo deciso", ha affermato Ruffolo, "di lasciare le cose come stavano fino a che i tassi di interesse dell'Eurozona sono rimasti bassi. Ma ora lo scenario monetario è cambiato. Valuteremo quindi interventi appropriati sul capitale in eccesso quando i tassi a lungo termine si collocheranno stabilmente al di sopra della soglia del 4%". Rispondendo alla domanda di un giornalista che gli chiedeva quando secondo lui i tassi a lungo dell'Eurozona avrebbe superato stabilmente tale soglia critica, l'a.d. della compagnia assicurativa ha detto "non molto in là nel tempo, anche se sui tassi a lungo esistono scuole di pensiero tra loro molto diverse. Credo proprio prima del 2008, perché in caso contrario dovrebbe verificarsi uno scenario depressivo che non sarebbe favorevole". Rispondendo ad altre domande, Ruffolo ha spiegato che "il buy-back rientra nella rosa di possibilità di impiego del capitale in eccesso" e che anche un dividendo straordinario, per quanto di un'operazione simile al momento non si parli, "nel futuro potrebbe essere un modo per utilizzare l'excess capital".

facci un bel rimbalzone:):D[8D][^]

girocampa
28-03-2006, 18:17
Cina: Tremonti; Ci Sta Mangiando Vivi, Mettiamo Dazi e Quote

(ANSA) - ROMA, 28 mar - I cinesi "ci stanno mangiando vivi.
Dobbiamo mettere dazi e quote". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, intervenendo alla videochat di Corriere.it.
Rispondendo a una domanda sulla protesta di Pechino contro le parole del premier, il ministro ha sottolineato che "il problema del rapporto con la Cina è questo: ci stanno mangiando vivi. Le merci italiane che vanno in Cina hanno i dazi cinesi, mentre le merci cinesi che arrivano in Europa, no". Tremonti ritiene quindi necessario adottare "per molti anni i dazi e le quote nel nostro Paese, fino a che ci saremo riconvertiti dal punto di vista industriale". (ANSA).

VOLEVATE UN MOTIVO PER ANDARE VOTARE??DOPO LA NEUROPA LA CININDIA [8D]

MariaDehoz
28-03-2006, 18:22
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Alleanza: Ruffolo, buyback e dividendo straordinario opzioni per impiego excess capital

Al termine del 2005 il capitale in eccesso di Alleanza Assicurazioni si attestava a 1-1,1 miliardi di euro, come ha confermato l'amministratore delegato della compagnia assicurativa, Ugo Ruffolo, durante l'incontro con i giornalisti per la presentazione del piano strategico 2006-2008. "Abbiamo deciso", ha affermato Ruffolo, "di lasciare le cose come stavano fino a che i tassi di interesse dell'Eurozona sono rimasti bassi. Ma ora lo scenario monetario è cambiato. Valuteremo quindi interventi appropriati sul capitale in eccesso quando i tassi a lungo termine si collocheranno stabilmente al di sopra della soglia del 4%". Rispondendo alla domanda di un giornalista che gli chiedeva quando secondo lui i tassi a lungo dell'Eurozona avrebbe superato stabilmente tale soglia critica, l'a.d. della compagnia assicurativa ha detto "non molto in là nel tempo, anche se sui tassi a lungo esistono scuole di pensiero tra loro molto diverse. Credo proprio prima del 2008, perché in caso contrario dovrebbe verificarsi uno scenario depressivo che non sarebbe favorevole". Rispondendo ad altre domande, Ruffolo ha spiegato che "il buy-back rientra nella rosa di possibilità di impiego del capitale in eccesso" e che anche un dividendo straordinario, per quanto di un'operazione simile al momento non si parli, "nel futuro potrebbe essere un modo per utilizzare l'excess capital".

facci un bel rimbalzone:):D[8D][^]


Giro, hai visto il rimbalzone di Alleanza ? quasi - 5% [:I]
Lo confesso, non riesco a capire : anche se sono dentro relativamente da poco tempo ho deciso d'appendere le azioni al chiodo :D
Io sono una tipa abbastanza logica : in Borsa di logico non c'è niente, non fa per me [^]

girocampa
28-03-2006, 18:25
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Cina: Tremonti; Ci Sta Mangiando Vivi, Mettiamo Dazi e Quote

(ANSA) - ROMA, 28 mar - I cinesi "ci stanno mangiando vivi.
Dobbiamo mettere dazi e quote". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, intervenendo alla videochat di Corriere.it.
Rispondendo a una domanda sulla protesta di Pechino contro le parole del premier, il ministro ha sottolineato che "il problema del rapporto con la Cina è questo: ci stanno mangiando vivi. Le merci italiane che vanno in Cina hanno i dazi cinesi, mentre le merci cinesi che arrivano in Europa, no". Tremonti ritiene quindi necessario adottare "per molti anni i dazi e le quote nel nostro Paese, fino a che ci saremo riconvertiti dal punto di vista industriale". (ANSA).

VOLEVATE UN MOTIVO PER ANDARE VOTARE??DOPO LA NEUROPA LA CININDIA [8D]
X MARIA DEHOZ : UN' INVESTIMENTO PER IL TUO FUTURO ? IMPARA IL CINESE[:X][:X]

girocampa
28-03-2006, 19:33
il rimbalzo lo aspetterei x domani , vediamo come apre

MariaDehoz
28-03-2006, 20:05
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Cina: Tremonti; Ci Sta Mangiando Vivi, Mettiamo Dazi e Quote

(ANSA) - ROMA, 28 mar - I cinesi "ci stanno mangiando vivi.
Dobbiamo mettere dazi e quote". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, intervenendo alla videochat di Corriere.it.
Rispondendo a una domanda sulla protesta di Pechino contro le parole del premier, il ministro ha sottolineato che "il problema del rapporto con la Cina è questo: ci stanno mangiando vivi. Le merci italiane che vanno in Cina hanno i dazi cinesi, mentre le merci cinesi che arrivano in Europa, no". Tremonti ritiene quindi necessario adottare "per molti anni i dazi e le quote nel nostro Paese, fino a che ci saremo riconvertiti dal punto di vista industriale". (ANSA).

VOLEVATE UN MOTIVO PER ANDARE VOTARE??DOPO LA NEUROPA LA CININDIA [8D]
X MARIA DEHOZ : UN' INVESTIMENTO PER IL TUO FUTURO ? IMPARA IL CINESE[:X][:X]


Ci si prova, Giro ^__^ ...

girocampa
28-03-2006, 22:07
Petrolio: a New York Chiude In Forte Rialzo a 66,1 Dollari

(ANSA) - ROMA, 28 mar - Chiusura in forte rialzo, +3%, per il prezzo del petrolio a New York, a 66,1 dollari.

girocampa
28-03-2006, 22:24
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Citazione:Messaggio inserito da girocampa

Cina: Tremonti; Ci Sta Mangiando Vivi, Mettiamo Dazi e Quote

(ANSA) - ROMA, 28 mar - I cinesi "ci stanno mangiando vivi.
Dobbiamo mettere dazi e quote". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, intervenendo alla videochat di Corriere.it.
Rispondendo a una domanda sulla protesta di Pechino contro le parole del premier, il ministro ha sottolineato che "il problema del rapporto con la Cina è questo: ci stanno mangiando vivi. Le merci italiane che vanno in Cina hanno i dazi cinesi, mentre le merci cinesi che arrivano in Europa, no". Tremonti ritiene quindi necessario adottare "per molti anni i dazi e le quote nel nostro Paese, fino a che ci saremo riconvertiti dal punto di vista industriale". (ANSA).

VOLEVATE UN MOTIVO PER ANDARE VOTARE??DOPO LA NEUROPA LA CININDIA [8D]
X MARIA DEHOZ : UN' INVESTIMENTO PER IL TUO FUTURO ? IMPARA IL CINESE[:X][:X]


Ci si prova, Giro ^__^ ...


non mi riferivo alle tue azioni ,ma per avere migliori opportunita'nel lavoro [:X]

girocampa
29-03-2006, 09:45
vitaminic collabora con agrcom(indonesia) . continua l'espansione di vitaminico nei mercati emergenti[8D][^]

girocampa
29-03-2006, 23:07
Energia: Trento, Produzione In Crescita (2)
Di (Waf/Opr/Adnkronos)

(Adnkronos) - Se ne e' parlato a Bruxelles, nel corso di un seminario organizzato dall'Euroregione Tirolo Alto Adige Trentino e nel corso del quale si e' sottolineata la scelta della Provincia autonoma di Trento di sostenere un distretto di ricerca, che conta oggi sul lavoro di 1.600 ricercatori e finanziamenti pari al 2,5% del Pil provinciale; sulla collaborazione con una Universita' tra le piu' quotate d'Italia e sui rapporti con centri di ricerca pubblici e privati tra i piu' avanzati al mondo, come Microsoft, Fiat, Ducati Energia.

:)

girocampa
30-03-2006, 00:05
Agricoltura: Zuccherificio Del Molise Produrra' 115mila Tonnellate Annue
Di (Acb/Pn/Adnkronos)

Campobasso, 29 mar. - (Adnkronos) - Lo Zuccherificio del Molise, l'azienda saccarifera ubicata nei pressi di Termoli (Campobasso) fra le sei in Italia a restare in attivita', potra' produrra' 115 mila tonnellate di zucchero l'anno. Lo ha stabilito il Comitato interministeriale Bieticolo-Saccarifero nel corso del quale e' stato firmato, tra gli interlocutori privati e pubblici interessati, l'accordo sulla produzione saccarifera naziona:)

Juggler
30-03-2006, 08:55
Pop.Verona-Novara

Websim - 30/03/2006 08:56:03

Pop.Verona-Novara (BPVN.MI) lancia messaggi di alleanza a Cattolica Assicurazioni. Quest'ultima poi si candida a rilevare una quota di Banca Lombarda. (Corriere della Sera p 28)

the doctor
30-03-2006, 09:02
La Magiste di Ricucci sull'orlo del crac (30/03/2006 8.01.38)

MILANO (Finanza.com) - Da La Repubblica: Un gruppo sull'orlo del fallimento. In pieno disequilibrio patrimoniale e finanziario, causato da almeno quattro motivi. Una perdita sui cambi con la Popolare Italiana da 62 milioni di euro. La riduzione del valore delle azioni Rcs. Il sequestro dei titoli (e quindi delle plusvalenze) Antonveneta. E la scarsa capitalizzazione del gruppo, il cui patrimonio netto è pari a soli 1,2 milioni di euro. Sono queste le premesse con le quali si apre il fascicolo riservato di 43 pagine sul gruppo Magiste preparato dagli advisor della Vitale & Associati che oggi sarà sul tavolo dell'incontro con i vertici della Popolare Italiana. E' una prima fotografia scattata lo scorso 31 ottobre del castello di società che fanno a capo a Stefano Ricucci. Società che molti revisori non hanno voluto certificare o non sono riusciti ad analizzare fino in fondo.

girocampa
30-03-2006, 09:02
Oggi Cda su risultati di bilancio di Acotel (Milano: ACO.MI - notizie) , Aem Torino (Milano: AET.MI - notizie) , Amga, Banco Sardegna, Benetton, Buzzi Unicem (Milano: BZU.MI - notizie) , Caltagirone (Milano: CALT.MI - notizie) , Digital Bros (Milano: DIB.MI - notizie) , El.En., Engineering (Milano: ENG.MI - notizie) , Fidia (Milano: FDA.MI - notizie) , GranitiFiandre (Milano: GRF.MI - notizie) , Ifil, Lavorwash (Milano: LAV.MI - notizie) , Pininfarina (Milano: PINF.MI - notizie) , Premafin, Risanamento, Sicc (Milano: SIC.MI - notizie) , Snai (Milano: SNA.MI - notizie) , Snia (Milano: SN.MI - notizie) , Tamburi, Tiscali (TIS.MDD - notizie) , Tod's:)

the doctor
30-03-2006, 09:04
Si diceva della qualità degli imprenditori

Ricucci!!!! Non ci capisce più niente nessuno!!!!

girocampa
30-03-2006, 10:46
Piaggio: vinti 15 dei 36 premi di 'Moto dell'Anno 2006'
MILANO (MF-DJ)--Su 36 premi messi in palio da Motociclismo per la 'Motodell'Anno 2006',15 sono stati appannaggio di veicoli del gruppo Piaggio(Immsi (Milano: IMS.MI - notizie) ). Aprilia in particolare, si legge in un comunicato, e' risultato ilmarchio con il maggior numero di affermazioni, ben quattro, completate daun terzo posto. Da un lato i lettori di Motociclismo hanno eletto Apriliaregina incontrastata nel settore due tempi con i modelli RS50 e RS125, inperfetta sintonia con quanto avviene nei circuiti del mondiale. DominioAprilia anche nel settore Offroad, con la vittoria sia nel segmento endurocon la RXV, sia in quello Supermotard con la SXV, oltre al terzo postodella Pegaso Strada nella categoria Supermotard. Per quanto riguarda Piaggio, Vespa GTS 250 i.e. si e' imposta tra gliScooter fino a 250 cc, e il Beverly 250 al terzo. Medaglia di bronzo al'fratello maggiore' Beverly 500 tra i maxiscooter, il secondo posto diGilera Nexus (Xetra: 522090 - notizie) 500 sempre nella categoria 'maxi', e il 3* posto di Vespa LXtra i veicoli 50 cc. In casa Moto Guzzi Griso 1100 e' stata votata al secondo postonell'ambitissima categoria 'Naked', con la Norge 1200 che prima ancora diarrivare ai concessionari insidia nella categoria 'Gran Turismo' (2*posto) la BMW RT 1200, e con la sempreverde California Vintage, terza trale 'Cruiser'. Il marchio spagnolo del Gruppo, Derbi, ottiene infine due riconoscimenticon il secondo posto dello sportivo GPR Racing Replica 50, e con il terzoposto del GPR Racing Replica 125. L'amministratore delegato del Gruppo Piaggio, Rocco Sabelli, in Indiacon il presidente Roberto Colaninno, ha espresso grande soddisfazione peri numerosi premi vinti, dai diversi marchi del gruppo, al prestigiosoPremio 'Moto dell'Anno 2006' indetto dalla rivista Motociclismo. 'Questisuccessi -afferma Sabelli- premiano i grandi sforzi compiuti da tutti idipendenti del Gruppo e ribadiscono la grande qualitÖ e il continuosviluppo tecnologico dei nostri prodotti'.com/zav

vogliamo gli scooter elettrici se no li fanno gli altri www.vectrixeurope.com

girocampa
30-03-2006, 14:00
Mondo H.E.: costituisce Mondo TV France

ROMA (MF-DJ)--Il gruppo Mondo H.E. ha costituito Mondo TV France Sas per la co-produzione di serie televisive animate per il mercato francese.

La nuova societa', si legge in una nota, ha sede a Parigi ed e' guidata dal direttore generale Eve Baron, che vanta un'esperienza di oltre 15 anni nel mondo televisivo rivolto ai giovani con incarichi di responsabilita' presso Canal J, France 3 e la EBU.

Mondo Tv France e' interamente controllata da Mondo H.E. e al raggiungimento degli obiettivi del piano triennale di sviluppo Eve Baron acquisira' il 10% del capitale. com/mur
:):D[8D][:p][^][:X]

girocampa
30-03-2006, 16:57
*Digital Bros: utile pretasse 1* sem 05/06 sale a 4,614 mln :)

girocampa
30-03-2006, 20:18
Milano: 27/03/2006 - 12:06
PARMALAT. SOLTANTO REALIZZI
Solo realizzi su Parmalat. Dopo la corsa delle ultime sedute arrivano le prime vendite, ma a detta degli operatori si tratta soltanto di realizzi. La restituzione di un'importante cifra dalle banche appare sempre più vicina. Il prossimo 4 aprile è attesa la sentenza da parte della Corte Costituzionale sull'ammissibilità delle revocatorie avviate da Enrico Bondi. Il commissario straordinario ora amministratore delegato della società, ha chiesto 7,5 miliardi di euro. Secondo le banche d'affari almeno 750 milioni dovrebbero finire nelle casse della società di Collecchio e tale situazione dovrebbe ripercuotersi positivamente sul patrimonio della società. Intanto la società nei primi due mesi dell'anno ha registrato un Ebitda in crescita del 18,4% a 45 milioni, con ricavi a 613 milioni di euro a +9%.


[^]

girocampa
31-03-2006, 17:05
Cambi: Fang Xinghai, Sganciamento Da Dollaro Sara' Graduale

(ANSA) - CERNOBBIO (COMO), 31 MAR - Il distacco dello yuan dal dollaro avviato dal governo di Pechino negli scorsi mesi, proseguirà, in futuro, in modo graduale. A sostenerlo a margine del workshop Ambrosetti è Fang Xinghai, vice direttore generale dell'ufficio servizi finanziari di Shanghai.
"Per noi - ha osservato a chi gli chiedeva un commento sui rapporti tra la valuta cinese e quella americana - lo sganciamento dal dollaro è già iniziato. Abbiamo adottato un percorso graduale, lo sta facendo anche la Banca centrale americana. I tassi di cambio - ha aggiunto - sono importanti e il processo sarà lento. L'America - ha concluso - vorrebbe un maggior sganciamento e più rapido, ma sarebbe inapplicabile e una follia per l'economia cinese". (ANSA).

girocampa
01-04-2006, 17:08
Conti Pubblici: Cesa, Dati Mi Sembrano Positivi
Di (Abr/Pe/Adnkronos)

Torino, 1 apr. (Adnkronos) - I dati della trimestrale ''mi sembrano positivi, mi pare che l'Italia si trovi in una situazione di media tranquillita', il governo sta facendo tutti gli sforzi possibili per il rilancio dell'economia, ma sono processi lunghi''. Lo ha detto il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa commentando la trimestrale a margine di una manifestazione elettorale a Torino.

girocampa
01-04-2006, 17:43
Ipse: Mercoledi' Assemblea,Piccoli Azionisti Su Piede Guerra

(ANSA) - ROMA, 1 apr - Torna a scaldarsi la vicenda Ipse, l'operatore con licenza Umts che non ha mai avviato l'attività e al quale è stata per questo ritirata la licenza dal ministero delle Comunicazioni. Mentre continua la guerra legale con lo Stato sia al Tar che al Consiglio di Stato, si apre adesso un fronte di conflitto interno tra il socio forte Telefonica e un plotone di piccoli azionisti italiani che, dopo aver investito nell'impresa circa 20 miliardi di vecchie lire, si ritrovano con un pugno di mosche in mano e vogliono riavere indietro almeno qualche soldo.
Teatro del probabile scontro saranno le prossime assemblee degli azionisti, una lunga serie di appuntamenti che comincia mercoledì prossimo, 5 aprile (in seconda convocazione il 10).
Gli azionisti sono stati chiamati in sede ordinaria per deliberazioni in merito ad alcune nomine e in sede straordinaria per una proposta di modifica dello statuto inerente l'emissione di strumenti finanziari partecipativi. L'appuntamento successivo é fissato per il 26 aprile (in seconda il 28) e si prefigura come un passaggio chiave per il futuro della sfortunata società telefonica: all'ordine del giorno figurano infatti tutti i punti irrisolti (contenzioso con lo Stato e con i dipendenti, bilancio 2005) e le possibili conseguenze, come l'eventuale aumento di capitale sociale o l'ipotesi di mettere in liquidazione la società.
Ogni possibile passo, tuttavia, viene visto con allarme dai piccoli azionisti che non hanno sottoscritto la transazione con i soci forti: un accordo che, in cambio dell'impegno a non citare in giudizio Telefonica per il mancato avvio delle attività, prevede la possibilità di ottenere un corrispettivo solo in caso di vendita della licenza, delle frequenze o dell'intera società. "Attendiamo - afferma Giampiero De La Feld, presidente di Res Non Verba, il gruppo di investitori privati del Mezzogiorno all'epoca sollecitati a partecipare in quanto presenza italiana e che finora hanno investito in Ipse circa 20 miliardi di vecchie lire - di conoscere dall'assemblea cosa si intende fare: puntare al contenzioso con lo Stato ci sembra una strada senza speranze, vista l'inadempienza totale della società". Certamente, i piccoli imprenditori non intendono però scucire altri soldi: "Al punto in cui siamo - prosegue De La Feld - vogliamo invece che ci sia riconosciuta parte del nostro investimento. La transazione, che porta qualcosa solo nel caso di una vendita ormai impossibile, ci riconosceva sì e no il 5%. Se invece si vuole continuare così andremo per vie legali".
Res Non Verba è una holding che detiene lo 0,33% di Ipse: è stato l'unico soggetto, insieme ad alcune municipalizzate, a non firmare l'accordo di transazione raggiunto dai soci di maggioranza con quasi tutto l'esercito di piccole aziende chiamate a partecipare all'impresa (nel cui capitale figurano anche colossi come Sonera, Capitalia, Acea) negli anni del boom delle tlc. (ANSA

girocampa
01-04-2006, 17:45
Made In Italy: Urso; Export Galoppa, Bene Moda e Hi-Tech

(ANSA) - ROMA, 1 apr - "Il peggio è passato. Il Made in Italy ha rialzato la testa e oltre a chiudere un 2005 in netta ripresa per le nostre esportazioni (+5,2%), il primo trimestre dell'anno testimonia che l'export sta trainando la ripresa economica anche sul fronte interno". E' quanto afferma Adolfo Urso, vice ministro alle Attività Produttive con delega al Commercio Estero.
"I primi due mesi del 2006 - prosegue Urso - si sono chiusi con un balzo in avanti delle esportazioni (+17,6%) nei paesi extra Ue, con un boom in Cina (+21,5%) e Russia (+22%) e segnando +18,7% nel mercato comunitario dove ha ripreso a marciare il nostro export in Germania (+5%), nostro principale partner commerciale. Anche per marzo si prospettano segnali più che incoraggianti che ci fanno essere ottimisti su quest'anno che si potrebbe chiudere con un export superiore al 7%".
A trainare la ripresa delle esportazioni, precisa il vice ministro in una nota, sono i settori hi-tech della meccanica e dell'alimentare e, dopo una lunga afasia, anche il comparto del tessile e dell'arredamento. Buone, inoltre, le performance dei settori delle calzature, oltre che di occhialeria e oreficeria.
"Se nel 2005 - aggiunge Urso - il nostro export ha superato quota 62 miliardi (+0,4% sul 2004), un valore toccato l'ultima volta nel 2001, quest'anno potremmo tagliare il traguardo dei 65 miliardi".
"I paesi dove si dirige il nostro made in Italy - conclude Urso - sono sempre più quelli dell'Est Europa, Russia, Romania e Polonia. Nel 2005 l'Italia è diventato il secondo paese esportatore, subito dopo la Germania in Turchia, Cina e India, con un recupero fondamentale in America Latina dove il nostro export ha raggiunto il 7,5%". (ANSA).

girocampa
02-04-2006, 16:00
MILANO (Reuters) - La seconda utility italiana, Edison (Milano: EDN.MI - notizie) , ha scoperto un giacimento di gas da 100-120 miliardi di metri cubi nel deserto algerino . Lo ha detto oggi al Corriere della Sera l'amministratore delegato Umberto Quadrino.

"E' un giacimento da 100-120 miliardi di metri cubi", ha detto Quadrino in un'intervista pubblicata oggi.

"E' un'ottima cosa in un mercato dove i grandi consumatori come noi puntano ad assicurarsi la materia prima".

Edison, che secondo Quadrino si posizione al settimo o ottavo posto nel mercato del gas europeo, si aspetta di crescere più velocemente del mercato e punta a raddoppiare i volumi nei prossimi 10 anni.

"Ecco perché dovremo diversificare le nostre forniture e aumentare la capacità di importazione, costruendo tra l'altro nuovi gasdotti, alternativi a quelli Eni (Milano: ENI.MI - notizie) ", ha detto.

L'ad di Edison ha aggiunto di aspettarsi una decisione finale su un nuovo gasdotto tra l'Algeria e l'Italia entro un anno.

"La decisione definitiva sulla realizzazione sarà presa entro un anno..., una volta risolti i problemi tecnici e ovviamente quello fondamentale del prezzo del gas".

Quadrino ha detto che Snam Rete Gas (Milano: SRG.MI - notizie) potrebbe essere coinvolta nel progetto per quel che riguarda il collegamento del gasdotto nel tratto tra la Sardegna e la terraferma italiana.

L'ad di Edison ha smentito le voci di una possibile fusione tra Eni e il gruppo elettrico Enel (Milano: ENEL.MI - notizie) .

"Non vedo nessun grande gruppo internazionale presente nella ricerca e produzione di petrolio e gas che si occupi anche di generazione elettrica", ha detto:)

ha detto lui,

girocampa
02-04-2006, 16:12
uscito il 34 sulla ruota di cagliari.:)

girocampa
02-04-2006, 16:27
Pubblicità

ROMA (Reuters) - Romano Prodi ha detto oggi che nella sua campagna elettorale c'è stato un "errore di comunicazione" nel capitolo fiscale e ha promesso che il ripristino delle tasse di successione varrà soltanto per patrimoni di "parecchi milioni di euro".

"Abbiamo reagito d'istinto su domande che non ti aspetti", ha detto Prodi alla trasmissione "In mezz'ora" su Rai Tre, rispondendo alla conduttrice Lucia Annunziata che gli chiedeva conto della diversa soglia oltre la quale far scattare la tassa di successione fornita da lui e dal leader del Prc Fausto Bertinotti, rispettivamente 250.000 e 180.000 euro.

"E' stato un errore di comunicazione", ha aggiunto con riferimento alla cifra di 250.000 euro.

"C'è un'intesa di tutta la coalizione nel dire che l'imposta sarà applicata solo a fortune di parecchi milioni di euro", ha aggiunto.

Prodi ha ribadito che il ripristino della tassa non si applicherà agli imprenditori agricoli con terreni o ai commercianti con negozi o agli imprenditori che hanno un'azienda

che confusione ! che cofusione!

girocampa
02-04-2006, 16:44
MOSCA (Reuters) - La banca francese Bnp Paribas (Parigi: FR0000131104 - notizie) è vicina all'acquisto di oltre il 25% della russa Investsberbank (Isb) . Lo scrive oggi l'edizione russa di Forbes, senza dire quale sia la fonte dell'informazione.

Isb ha detto l'anno scorso di essere alla ricerca di un investitore strategico e ha nominato Troika Dialog come consulente.

Il mese scorso, il presidente di Isb, Pavel Boiko, ha detto a Reuters che la banca ha ricevuto un'offerta, ma che non c'era la corsa a firmare un accordo.

Isb non ha rivelato la sua proprietà completamente, ma documenti ufficiali mostrano che tra i suoi azionisti c'è la casa editrice Olma-Press, il porto di Novorossiisk e la compagnia di navigazione di Novorossiisk. Isb possiede a sua volta un terzo delle azioni del porto.

La banca sta andando verso la fusione con due rivali, Omskpromstroibank e Promfinservisbank. La fusione dovrebbe essere completata in agosto o settembre e dovrebbe rendere Isb una delle prime 30 banche russe.

Bnp Paribas, la seconda banca francese, ha già tentato di acquistare azioni in due banche russe, Russian Standard e KMB-Bank. Ma il primo accordo è fallito e Bnp è stata battuta per poco da Banca Intesa (Milano: BIN.MI - notizie) , spingendola ad affermare di voler tentare di costruire il suo business russo in modo organico.

girocampa
03-04-2006, 10:41
Borsa: galassia Fiat in luce, dopo Exor si scommette su nuove mosse
Radiocor - Milano, 31 mar - Le attese sulle immatricolazioni di marzo e le ipotesi di accorciamento della catena di controllo del gruppo mettono in fermento la galassia Fiat. I titoli Fiat sono saliti del 3,15% a 10,394 euro ai livelli del 17 settembre 2002 con oltre 22,5 milioni di pezzi passati di mano, pari al 2% del capitale. In luce anche le privilegio che hanno chiuso a 8,413 euro con un progresso del 3,48% e le risparmio in rialzo del 3,44% a 9,1 euro. Le Ifi privilegio hanno messo a segno un balzo del 4,35% a 17,757 euro, sui massimi dal giugno 2002. Forti anche le Ifil salite dell'1,79% a 4,834 euro e ai massimi dal dicembre 2001. Balzo dell'1,79% a 4,834 euro per le Ifil risparmio. Fiat oggi ha superato il prezzo di conversione di 10,28 euro a cui le banche hanno convertito 3 miliardi di debito in azioni del gruppo del Lingotto. A fine gennaio hanno venduto la propria partecipazione Mps e SanPaolo, rispettivamente a 8,25 euro e a 8,08 euro. Restano tra le banche azioniste Intesa con il 5,5%, Unicredito con il 5% e Capitalia con il 3,4%. Alla base del rinnovato interesse del mercato per i titoli del gruppo ci sono diversi fattori. Innanzi tutto l'attesa per i dati sulle immatricolazioni auto di marzo, che saranno diffusi lunedi'. L'a.d. Sergio Marchionne aveva dichiarato che i primi 20 giorni di marzo erano andati bene per le vendite, in linea con i primi due mesi dell'anno. A febbraio la quota di mercato era pari al 30,8% e le immatricolazioni erano salite del 12,4% contro un mercato in crescita del 6%. 'I dati saranno postivi - afferma un analista di una primaria sim milanese - e segneranno la conclusione di un trimestre di decisa ripresa per il settore auto ma anche per tutto il gruppo. Ci aspettiamo che la quota di mercato sia ben superiore al 30%'. L'interesse sulla galassia, comunque, deriva anche dal ritorno delle ipotesi di un accorciamento della catena di controllo. 'Ifi oggi ha annunciato la vendita della quota in Exxor alla stessa Exxor - spiega un altro analista - cioe' l'unico asset oltre a Ifil, quindi di fatto ora e' quasi una scatola vuota. Inoltre Ifi ha ridotto il debito e questo e' un fattore molto positivo. Sicuramente e' in atto una ristrutturazione all'interno della galassia Fiat e la vendita di Exxor potrebbe essere propedeutica all'accorciamento della catena'. Con la cessione della quota del 29,3% di Exxor l'indebitamento di Ifi passa da 305 a circa 100 milioni di euro. Ifi detiene il 65% di Ifil che ha sua volta ha in mano il 30% di Fiat. Ifi inoltre ha anche approvato il bilancio 2005 che si chiude con un utile consolidato di 676 milioni contro i 120 del 2004. L'utile verra' destinato a riserva. 'C'e' stata un po' di delusione per il mancato dividendo - afferma ancora l'analista - ma anche questo puo' voler dire che la liquidita' potrebbe essere utilizzata in operazioni straordinarie'. Nei giorni scorsi, infine, 'molte case d'affari estere hanno alzato i target price e i rating su Fiat, cosi' come avevano fatto gli analisti italiani gia' in precedenza e questo sta favorendo il sentiment positivo sul titolo'. Jp Morgan ieri ha pubblicato un report in cui ha alzato il target price a 11 euro e ha ipotizzato anche la scissione del settore auto, che potrebbe realizzarsi nel secondo semestre 2007, che porterebbe a un ulteriore upside del prezzo obiettivo di 2 euro

girocampa
03-04-2006, 11:10
Bpi: contabilizza posizioni Magiste a sofferenza per 673 mln
Radiocor - Milano, 03 apr - Le posizioni su Magiste e Garlsson di Bpi 'sono contabilizzate a sofferenza per residui 673 milioni di euro e sono assistite da pegno su azioni Rcs Mediagroup (103.548.754)'. E' quanto si legge nel bilancio 2005 della banca consultato da Il Sole 24 Ore Radiocor. Esistono anche 5.234.116 azioni Rcs e 8.253.146 azioni Capitalia pure in pegno, ma assoggettate a provvedimento di sequestro da parte della Procura di Roma. 'Tale posizione - si legge - e ulteriormente garantita da pegno sul 100% del capitale sociale di Tundra S.r.l. e del 40% sul capitale di Magiste Real Estate S.p.A'. 'Si ha motivo di ritenere che l'accantonamento a conto economico, pari a 150 milioni di euro, sia sufficiente a fronteggiare i rischi della banca' concludono gli amministratori. La posizione su Magiste e Garlsson di Bpi e stata costituita in mora e contabilizzata a sofferenza nel gennaio 2006. I contatti con gli advisor di controparte sono da tempo in corso ma, vista l'infruttuosita' di giungere ad una soluzione valida, in marzo 2006 si e proceduto a escutere i pegni su azioni Mps e Capitalia. A fine marzo il Consiglio di Rcs ha deliberato di escutere il pegno su azioni Rcs, dando mandato all'ad di provvedere.

MariaDehoz
03-04-2006, 12:14
‘Giorno ^__^ …

Ecco un prospettino interessante tratto dal Corriere della Sera di oggi :
Si tratta dei titoli più sensibili alle elezioni ormai prossime e che potrebbero trarre beneficio dalle stesse, secondo UBS …

UNICREDITO buy t.p. 7.1
INTESA buy t.p. 5.8
FONDIARIA buy t.p. 40
AUTOSTRADE buy t.p. 24.7
ENEL buy t.p 7.5
ENI neutral t.p. 24
SNAM neutral t.p. 3.7
TERNA neutral t.p. 2.2
MEDIASET buy t.p. 11.6
ESPRESSO buy t.p. 5.1
CIR buy t.p. 3

Pare che secondo gli svizzeri il Mercato accoglierà con favore una vittoria del centro-sinistra…
Bah, se lo dicono loro…

C’è da rimarcare che anche il Corriere, dopo IL RIFORMISTA, segnala che i primi titoli che trarranno vantaggio da PRODI e compagnia sono UNICREDITO & INTESA…

Ciao, Giro : vedo che ti sei preso "cura" del post :D

moschicida
03-04-2006, 15:45
http://img97.imageshack.us/img97/1323/maria0lb.png

MariaDehoz
03-04-2006, 16:52
Ehi ?! Che carina la gallinella in "negativo" ^__^ !
Grazie, Mosky :D ...

yabadabaduuu
03-04-2006, 17:18
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

‘Giorno ^__^ …

Ecco un prospettino interessante tratto dal Corriere della Sera di oggi :
Si tratta dei titoli più sensibili alle elezioni ormai prossime e che potrebbero trarre beneficio dalle stesse, secondo UBS …

UNICREDITO buy t.p. 7.1
INTESA buy t.p. 5.8
FONDIARIA buy t.p. 40
AUTOSTRADE buy t.p. 24.7
ENEL buy t.p 7.5
ENI neutral t.p. 24
SNAM neutral t.p. 3.7
TERNA neutral t.p. 2.2
MEDIASET buy t.p. 11.6
ESPRESSO buy t.p. 5.1
CIR buy t.p. 3

Pare che secondo gli svizzeri il Mercato accoglierà con favore una vittoria del centro-sinistra…
Bah, se lo dicono loro…

C’è da rimarcare che anche il Corriere, dopo IL RIFORMISTA, segnala che i primi titoli che trarranno vantaggio da PRODI e compagnia sono UNICREDITO & INTESA…

Ciao, Giro : vedo che ti sei preso "cura" del post :D

perchè proprio questi dovrebbero traree beneficio?ad esempio unicredito. [?][?]

MariaDehoz
03-04-2006, 17:38
Buon pomeriggio, Yaba ^__^ ...
Allora, vediamo di mettere assieme una risposta : per il Riformista Unicredito e Banca Intesa
dovrebbero salire perché "vicine" a Prodi e compagnia...
Invece secondo UBS dietro ci sarebbe i temi del consolidamento e della ristrutturazione del settore
bancario. Visto che il centro-sinistra ha stretti rapporti sia con le fondazioni azioniste che con
il mondo sindacale è considerato in grado di favorire entrambi i processi..."
Sì, direi che trovo il tutto abbastanza plausibile :D

girocampa
03-04-2006, 20:29
BORSA: commento di preapertura
MILANO (MF-DJ)--Chiusure deboli a fine ottava per tutti gli indici borsistici dove il solo Nasdaq e' riuscito a mantenere i livelli della vigilia, mettendo pero' a segno una performance settimanale dell'1,17% e del 6,1% nel primo trimestre, un guadagno che ricorda quello dello stesso periodo del 2000 prima della scoppio della bolla internet. A preoccupare i mercati, ancora i probabili rialzi dei tassi Usa e Bce a breve e il prezzo del petrolio, che stamattina sfiora i 67 dollari (66,81) dopo la notizia che l'Iran ha sperimento con successo un nuovo missile sottomarino.Il rialzo del Nikkei (+1,6%) dovrebbe consentire una apertura positiva alle euroborse.
A piazza Affari, dove venerdi' ha brillato il solo Tech Star, attesa per le nuove immatricolazioni di auto Fiat, previste in rialzo, e per un possibile riassetto di Ifil/Ifi, con questa ultima che ha ceduto la quota in Exor alla stessa Exor, un' operazione che svuota Ifi e fa pensare ad una prossima fusione tra le due holding della famiglia Agnelli. Attenzione anche a B.Antonveneta, che sara' cancellata dalla Borsa il 6 aprile mentre il giorno prima Alitalia prendera' il suo posto sullo S&P/Mib. Sempre per quanto riguarda l'istituto ormai tutto olandese, Milano Finanza parla di un'eventuale integrazione tra Capitalia e B.Antonveneta, che non sarebbe ostacolata dall'ad Matteo Arpe e che riaprirebbe tutti i giochi del risiko bancario. Focus anche su Edison, che ha annunciato la scoperta di un importante giacimento in Algeria e su quelle societa' che si presenteranno a New York in un incontro organizzato da Borsa Italiana e tra le quali figurano oggi blue chips del calibro di Mediobanca, Cattolica Ass., Toro Ass., Safilo e Tod's.

girocampa
03-04-2006, 21:34
ciao maria vedo che sei tonata,spero non sia successo niente di grave[:X][:X]

girocampa
03-04-2006, 21:43
Lunedì 3 Aprile 2006, 20:19


Fiat:Marchionne,Acquisterei Titoli Anche a Questi Prezzi

(ANSA) - NEW YORK, 3 APR - L' ad di Fiat, Sergio Marchionne, acquisterebbe ancora titoli del Lingotto anche agli attuali prezzi di mercato raggiunti in Borsa. Questo "per la validità dei target del gruppo".
Parlando a margine dell' Italian Investor Conference 2006 di Borsa Italiana, Marchionne ha anche ricordato che le banche azioniste "hanno già guadagnato il 2%" dalla prevista conversione di settembre.
Sul parziale disimpegno di alcuni istituti di credito, il numero uno del gruppo torinese ha rilevato che "si tratta di scelte personali". Quanto all' andamento del gruppo, Marchionne ha osservato che le relazioni degli analisti "al luglio 2004 davano del gruppo una visione completamente contrastante e negativa".
Il compito, ora, "é rieducare il mercato su quello che è il nostro potenziale che vede un trimestre buono certamente in linea con quello annunciato a luglio 2004, con l' Auto che dà segnali di ripresa". (ANSA).

girocampa
03-04-2006, 22:11
Antitrust: Verdi;Ok Richiamo;Ciampi Non Firmi Codice Appalti

(ANSA) - ROMA, 3 apr - "Non cada nel vuoto il richiamo dell'Antitrust ad aumentare la concorrenza nella legge Merloni.
Anzi, denunciamo che con le novità previste dal nuovo Codice Appalti le distorsioni sono destinate ad aggravarsi". Lo afferma la responsabile nazionale mobilità ed infrastrutture dei Verdi, Anna Donati, che invita il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, a non firmare il nuovo codice sugli appalti.
"Con l'appello odierno a cambiare la cosiddetta Merloni ter, l'Antitrust ha messo in luce l'importanza di regole per garantire concorrenza, trasparenza nel nostro mercato.
Purtroppo, però, le attuali distorsioni, indicate dall'Autorità, sono destinate ad accentuarsi ulteriormente con il nuovo Codice in materia di appalti, forniture e servizi, che aumenterà un ricorso, fuori controllo, alla trattativa privata - ha aggiunto Donati -. Il governo Berlusconi ci sta portando nella direzione diametralmente opposta a quelle regole di concorrenza opportunamente invocate oggi".
"Per queste ragioni - ha concluso l'esponente del Sole che Ride - i Verdi rivolgono un appello al Presidente della Repubblica, Ciampi, affinché non firmi il nuovo Codice Appalti: un testo che non rispetta le prescrizioni contenute nel parere del Consiglio di Stato e su cui grava anche un parere negativo della Conferenza Stato-Regioni".(ANSA).

girocampa
03-04-2006, 22:19
Lunedì 3 Aprile 2006, 21:01


Bpi: Gronchi Presenta Piano, a Fiorani 1,7 Mln Nel 2005/Ansa

(ANSA) - MILANO, 3 APR - La riorganizzazione profonda dell'assetto del gruppo, la cessione delle attività non più strategiche e l'abbandono della finanza creativa a favore di una banca federativa saldamente legata al territorio che possa tornare a fare utili dopo le forti perdite del 2005.
Dopo i duri mesi di uscita dall'emergenza e di pulizia straordinaria dei conti, la Bpi può così delineare il prossimo futuro con il piano redatto dal direttore generale Franco Baronio grazie all'ausilio di Mediobanca. Discusso oggi dal cda sarà presentato domani mattina alla comunità finanziaria. Un piano frutto anche dell'esperienza maturata in questi mesi dall'ad Divo Gronchi che, poco per volta, ne ha svelato i tratti e le linee guida fondamentali e che, ancora una volta, ribadirà il concetto di autonomia e indipendenza della banca.
La Bpi non ascolta quindi, almeno per ora, i canti di sirena che giungono dalle altre popolari ma va per la sua strada di risanamento. Una volta che i conti saranno in ordine allora forse potrà ritornare nel risiko con un rinnovato ruolo di predatore e non di preda.
Già all'indomani dell'uscita di Fiorani (che secondo il bilancio ha ricevuto 1,7 milioni di euro nel 2005 prima di essere interdetto), Gronchi aveva imposto un cambiamento di rotta a 180 gradi abbandonando la finanza creativa della precedente gestione e recuperando il rapporto con i clienti/soci che pure aveva creduto molto nell'ex ad. Un cambiamento verso la trasparenza che ora, passata l'emergenza, deve affrontare la prova della quotidianità.
La Bpi del futuro vedrà così, in un modello federale, una capogruppo che definisce le linee strategiche e il controllo della gestione, mentre alle banche rete sarà affidato il presidio del territorio. Previste anche società prodotto e strumentali. L'organigramma del gruppo sarà così modificato cancellando quei comparti che erano necessari alla politica di finanza aggressiva di Fiorani. L'operazione comporterà il ritiro dalla quotazione delle due controllate Bipielle Investimenti e Reti Bancarie Holding e che sarà resa possibile anche dall'aumento di capitale fino a 800 milioni di euro. Il delisting comunque, come già emerso nelle scorse settimane, avverrà probabilmente ad autunno una volta assestati i conti.
Via quindi alla cessione degli immobili non strumentali, che tanta parte avevano avuto nelle operazioni con Gnutti e Ricucci, nell'ambito di un generale ripensamento del comparto immobili.
La valutazione al 31 dicembre su tutti gli immobili del gruppo - spiega il bilancio - evidenzia una plusvalenza implicita come differenza tra il valore contabile e quello di perizia, pari a oltre 110 milioni di euro.
Sempre meno peso anche per i prodotti ad alto rischio come hedge e alternative funds, dove la precedente gestione aveva preso posizioni su hedge e alternative funds per un ammontare di ben 925 milioni di euro. Dopo le dismissioni realizzate da Gronchi d'urgenza le posizioni sui derivati di Bpi che a settembre 2005 ammontavano a 1,9 miliardi di euro, si sono ridotte a marzo a 447 milioni di euro.
Infine la cessione dei crediti per circa 1 miliardo di euro e che non dovrebbe comportare ulteriori accantonamenti, mentre non dovrebbero arrivare sorprese dalla svalutazione del portafoglio titoli dopo la maxi pulizia del 2005.(ANSA).

girocampa
03-04-2006, 22:49
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

‘Giorno ^__^ …

Ecco un prospettino interessante tratto dal Corriere della Sera di oggi :
Si tratta dei titoli più sensibili alle elezioni ormai prossime e che potrebbero trarre beneficio dalle stesse, secondo UBS …

UNICREDITO buy t.p. 7.1
INTESA buy t.p. 5.8
FONDIARIA buy t.p. 40
AUTOSTRADE buy t.p. 24.7
ENEL buy t.p 7.5
ENI neutral t.p. 24
SNAM neutral t.p. 3.7
TERNA neutral t.p. 2.2
MEDIASET buy t.p. 11.6
ESPRESSO buy t.p. 5.1
CIR buy t.p. 3

Pare che secondo gli svizzeri il Mercato accoglierà con favore una vittoria del centro-sinistra…
Bah, se lo dicono loro…

C’è da rimarcare che anche il Corriere, dopo IL RIFORMISTA, segnala che i primi titoli che trarranno vantaggio da PRODI e compagnia sono UNICREDITO & INTESA…

Ciao, Giro : vedo che ti sei preso "cura" del post :D

ciao Maria,vedo che sei tornata, spero non sia successo nulla di grave[:X][:X]

girocampa
04-04-2006, 00:43
In Italia la busta-paga più leggera
Di Miaeconomia.it


Agli ultimi posti anche per i salari.
L'Italia infatti si piazza solo al 23esimo posto nella classifica dei Paesi più industrializzati stilata dall'Ocse, l'organismo economico internazionale, e che conferma lo scarso potere d'acquisto degli stipendi tricolori.
In pratica, la busta-paga italiana ha meno valore di quella tedesca, ma anche della francese, giapponese, americana, spagnola e persino greca.


L'organizzazione dei Paesi industrializzati ha infatti calcolato ''la media annuale delle retribuzioni per una persona single senza figli"; i salari, calcolati sia al lordo che al netto, sono espressi dall'Ocse in dollari e valutando la parità del potere di acquisto.


Convertendo i valori in euro, si evince senza troppi dubbi che un italiano guadagna in media 16.242 euro netti all'anno, vale a dire circa 1.350 euro al mese compresa la tredicesima.


Confrontati al resto della classifica, uno stipendio italiano vale il 42,1% in meno dei coreani, che occupano il primo posto della classifica insieme agli inglesi.
La differenza con la busta-paga di un tedesco è del 23,5%, con quella di un francese del 17,6%.


Prima degli italiani in questa classifica si trovano dunque anche la Spagna, la Grecia, l'Irlanda.
Per non parlare poi dell'area scandinava, di Usa e Canada, o di Paesi in cui da sempre gli stipendi sono più sostanziosi, come in Svizzera e in Giappone.


I soli sette Paesi dove, a parità di potere d'acquisto, i salari risultano inferiori a quelli del nostro Paese sono il Portogallo, la Turchia, la Repubblica Ceca, la Polonia, il Messico, la Slovacchia, l'Ungheria.


Nella media dei Paesi Ocse lo stipendio è maggiore del 12,4% rispetto a quello di un italiano; la differenza sale se si considera l'Europa a 15.
In questo caso le nostre buste-paga sono mediamente più basse del 18,7%.


L'Ocse fornisce anche la stessa classifica nelle valute in corso nei vari Paesi, non tenendo conto dunque della parità del potere di acquisto.
Mentre per gli altri Paesi si registrano cambiamenti di rilevo (in testa alla classifica salgono la Svizzera e la Norvegia, mentre la Corea scende al sesto posto), l'Italia resta comunque ad un ventiduesimo posto, davanti sempre ai soliti sette Paesi, riuscendo a sorpassare in più, ma di misura, solo la Grecia

FORSE L'EURO C'ENTRA QUALCOSA!!!!

girocampa
04-04-2006, 01:26
La Svezia dice addio all'oro nero
Di Miaeconomia.it


L'obbiettivo è molto ambizioso e il risultato sarebbe altrettanto sorprendente: ma le premesse per la sua realizzazione ci sono tutte.
La scorsa settimana il governo svedese ha ufficialmente comunicato che, da qui al 2020, intende sostituire tutti i combustibili fossili con energie rinnovabili prima che il cambiamento del clima danneggi le economie e la crescente scarsità di petrolio conduca a nuovi rialzi del suo prezzo.
Di fatto oggi la Svezia già conta un posizione molto favorevole rispetto alle altre nazioni: nel 2003 solo il 26% di tutta l'energia consumata proveniva da fonti rinnovabili, mentre in Europa tale media era ancora solo del 6%.
Sull'altro fronte invece, quella della dipendenza, sempre nel 2003 solo il 32% di consumi energetici svedesi proveniva dal petrolio, mentre nel 1970 era il 77%.
"La nostra dipendenza dal petrolio dovrebbe finire entro il 2020 – ha spiegato il ministro per lo sviluppo sostenibile Mona Sahlin - ci saranno alternative migliori al petrolio, il che significa che nessuna casa dovrebbe aver bisogno di petrolio per il riscaldamento, e che nessun automobilista dovrebbe avere come unica risorsa la benzina".

Un addio di fatto di Stoccolma all'oro nero e porte aperte alle fonti rinnovabili e pulite che parte con una base certa.
E che trova compatti anche tutti gli operatori economici: dagli industriali agli agricoltori, dai ricercatori ai dipendenti pubblici.
Già sono stati avviati i tavolo di confronto e lo stesso esecutivo sta lavorando con i costruttori nazionali di automobili per sviluppare auto e camion che bruciano etanolo e altri combustibili biologici, mentre i proprietari di case vengono già incoraggiati a ridurre i consumi grazie a specifiche 'tasse verdi'.

Progetto che però non è il primo nella sua categoria.
Già l'Islanda ha fatto sapere di voler alimentare entro il 2050 tutto il suo parco di auto e navi con l'idrogeno prodotto da fonti rinnovabili, in particolare geotermia e idroelettrico.
Anche il Brasile entro 5 anni intende alimentare l'80% delle sue navi da trasporto con l'etanolo derivato principalmente dalla canna da zucchero.


LE SCELTE INTELLIGENTI E LUNGIMIRANTI CHE DOVEVAMO FARE 30 ANNI FA!!

girocampa
04-04-2006, 10:40
BORSA: i temi del giorno
MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:
Autostrade: Vito Gamberale sta per essere confermato come a.d. del gruppo. La decisione sara' ufficializzata il 7 aprile.
Bnl: Bnp Paribas ha depositato in Consob il prospetto dell'Opa. L'offerta, secondo le indiscrezioni, potrebbe partire il 20 aprile per concludersi prima del 22 maggio.
B.P.Italiana: il nuovo Piano industriale prevede la fusione per incorporazione di Reti B.H. e Bipielle Inv. e dismissioni per 1,5 mld.
Capitalia: Credit Agricole, Sanpaolo Imi e Deutsche Bank sarebbero entrate nel capitale della banca romana con delle partecipazioni inferiori al 2%.
Enel: la Commissione Ue va verso l'apertura di una procedura d'infrazione contro la Francia per l'operazione Suez-Gdf.
Eni: intende chiedere un risarcimento dopo che i pozzi di Dacion in Venezuela sono passati alla compagnia di stato Pdvsa.
Fiat: la quota di mercato nel mese di marzo e' salita al 30,6% rispetto al 28,11% dello scorso anno. L'a.d. Marchionne ha affermato che nel 2* trim. potrebbe essere firmato un accordo per Iveco in Cina nonche' la vendita della quota Fidis.
Ifi/Ifil: la holding Agnelli & C. non ha in progetto alcun riassetto delle partecipazioni.
Finmeccanica: e' pronta a trattare nell'eventualita' che Alcatel rafforzi la sua partnership con Thales nel settore satellitare.
Mediobanca: nelle prossime settimane potrebbe collocare un bond legato all'11,7% detenuto nella Ferrari.
Parmalat: si riunisce oggi la Corte Costituzionale per discutere le norme che hanno consentito le azioni revocatorie nei confronti delle banche.
Roncadin: si dovrebbe tenere oggi il Cda che definira' il futuro del bond in scadenza a giugno.
Snia: prevista a breve la cessione del 16,2% detenuto da Hopa alla Enerchem. La societa' bergamasca avrebbe avviato dei colloqui per rilevare anche il 6,5% in mano a B.Mps. Allo studio un piano di rilancio ed un aumento di capitale da 75 mln. fus

girocampa
04-04-2006, 10:44
BORSA: commento di preapertura
MILANO (MF-DJ)--Buona performance delle euroborse ieri per la prima seduta di aprile mentre il Dow mette a segno solo un modesto apprezzamento e il Nasdaq registra una lieve flessione per prese di beneficio. Sempre sostenuto il prezzo del greggio che si avvicina ai 67 dollari, sia per il Brent che per il Wti di prima consegna mentre l'oro rivede le sue quotazioni di 25 anni fa, a 589 dollari l'oncia. Attesa per oggi un' apertura interlocutoria sulla scia delle chiusure a Wall Street e sulla flessione di Tokyo (-0,23%).
A piazza Affari, dove ieri sia il Midex che il TechStar hanno ritoccato i loro massimi, in evidenza ancora Fiat, per i dati sulle nuove immatricolazioni ancora migliori delle previsioni, che consentono al Lingotto di avvicinarsi ad una quota di mercato del 31%.Il titolo ha sfiorato in chiusura quota 11 euro, un valore che potrebbe incitare le banche ancora presenti nel capitale a chiudere la partita con una plusvalenza. Malgrado le smentite, il mercato scommette ancora su una fusione Ifi/Ifil. Focus anche su B.P.Italiana, che conferma in una nota appena giunta la dismissione di asset non strategici per circa 1,5 miliardi e stima un Roe nel 2009 al 13,1%. Attenzione anche Parmalat mentre la Consulta incomincia ad esaminare la legittimita' delle revocatorie richieste da Bondi. Malgrado la fiammata del petrolio, Eni potrebbe soffrire oggi lo stop dello sfruttamento dei giacimenti in Venezuela ed Enel, in attesa delle decisioni odierne di Bruxelles su Suez/Gdf, l'interesse di Edf per gli stessi asset ambiti da Conti. Fv

girocampa
04-04-2006, 11:07
Quando il Parmigiano è made in Usa
Di Miaeconomia.it


Oggi l'agroalimentare italiano, oltre ad essere apprezzato in tutti i continenti, è anche sinonimo di qualità e garanzia.
E per questo quando si parla d'Italia è chiara l'associazione: Fedagri-Confcooperative ha condotto un'indagine su un campione di cittadini di Cina, Svezia, Usa e Russia dalla quale emerge che la tavola italiana risulta sempre presente tra le prime immagini evocate del BelPaese.
Tra tutti i mercati poi, particolare rilevanza negli Stati Uniti dove quasi un intervistato su due (46%) all'immagine dell'Italia associa l'evocazione dei cibi e dei vini del nostro Paese.
In Svezia, tale risultato arriva al 40%, in Cina raggiunge il 15% e in Russia il 12%.

Particolare rilevanza che tuttavia si accompagna anche un alto tasso di contraffazione.
Un caso fra tutti quello dei sughi per pasta all'italiana.
secondo i dati forniti dall'Ufficio Ice di New York e dalla Camera di Commercio di Parma, ben il 97% di questi prepararti venduti sul mercato nordamericano sono pure e semplici imitazioni, così come il 76% dei pomodori in scatola.
Poi ci sono i Parmesan, i Reggianito (in gran parte grattuggiati) e il Parma Ham (quasi sempre affettato) che con i Dop emiliani non hanno nulla da spartire.

Dati alla mano, l'agroalimentare italiano vale oltre 6 miliardi di dollari, ma solo 2 miliardi sono fatturati con veri prodotti italiani ricorda l'Ice.
"Una situazione - ha commentato Andrea Zanlari della Camera di Commercio di Parma - che richiede misure di contrasto perché il danno per il sistema Made in Italy è davvero colossale".

Numeri a cui fanno eco quelli forniti dalla Coldiretti, secondo cui 9 volte su 10 sulle tavole delle case, dei ristoranti o delle pizzerie statunitensi si trovano falsi Parmigiano e Grana.
"Negli ultimi venti anni – spiega la Coldiretti - si è registrato un vero boom dei 'falsi' formaggi italiani negli Stati Uniti dove la produzione di parmesan, ricotta, provolone, mozzarella e romano cheese rigorosamente Made in Usa è quasi triplicata e oggi le importazioni dall'Italia dei prodotti originali sono in quantità appena il 2% delle imitazioni realizzate localmente

girocampa
04-04-2006, 12:22
PUBBLICITÀ
I SERVIZI DEL SOLE 24ORE
PREMIUM 24: I nuovi servizi di approfondimento on line clicca qui
SMS: per ricevere gli sms del Sole 24 ORE sulla Borsa BORSA ON al 48224



Germania: Merkel, 30 mld investimenti entro 2012 da societa' energia
Radiocor - Berlino, 04 apr - Si e' concluso con la promessa di investimenti aggiuntivi per 30 miliardi in infrastrutture e nuovi impianti nell'energia dalle societa' del settore entro il 2012 il vertice straordinario ieri tra il cancelliere tedesco, Angela Merkel, e le grandi societa' tedesche produttrici e fornitrici di energia. Agli investimenti per 30 miliardi nelle fonti energetiche tradizionali, ha spiegato Merkel, vanno aggiunti altri 33-43 miliardi a favore delle fonti rinnovabili che andranno a completare il piano per la riorganizzazione e l'ammodernamento dell'energia tedesca. L'obiettivo e' diminuire la dipendenza dalle forniture estere e contenere il caro-tariffe. Il Governo contribuira' con un aumento della spesa per la ricerca nel settore del 30% a 2 miliardi entro il 2009. Merkel si e' impegnata, a nome del Governo, a preparare entro la fine dell'anno prossimo un nuovo piano energetico nazionale che servira' da guida fino al 2020. Gli idrocarburi resteranno la prima fonte di energia (36% del fabbisogno), seguiti dal gas (22,7%, di cui un terzo fornito dalla Russia), mentre sul nucleare si e' discusso di possibili fonti alternative in vista dell'uscita dal settore prevista entro il 2020.

amministratori lungimiranti[^][^]

girocampa
04-04-2006, 12:27
monti ascensori aquisisce contratto al s.raffaele per 2,2mln eu.[^][^]

girocampa
04-04-2006, 12:29
L'angolo del trader
4.4.06 - 08:44Alla reggia sabauda in questi giorni c'è gran fermento. Al mercato che ama vivere sulle scommesse piace pensare che qualcosa al Lingotto stia bollendo in pentola. E così anche di fronte a uno scarno comunicato d'ordinanza - richiesto dalla Consob e diramato dalle società torinesi a monte della catena di controllo, la Giovanni Agnelli & C. Sapa e la Ifi – che recitava con "non si dispone di notizie utili a spiegare l'andamento delle quotazioni", i dubbi non sono peccato e permettono di disegnare agli operatori una nuova geografia di Fiat. Due gli scenari possibili: la fusione tra le due holding e l’acquisto delle minorities di Ifil che ancora oggi tratta al 30% di sconto. Gli analisti cosa ne pensano? Gli esperti di mercato votano per la seconda opzione perché con un successivo break up la famiglia potrebbe incrementare la sua quota in Fiat per un ulteriore 11% con un forte sconto implicito nei prezzi. E anche il mercato dà la sua benedizione: il gran tran tran in questi giorni sul titolo Fiat ne è la prova più concreta della fiducia degli operatori. Ieri l'azione della quattro ruote torinese ha guadagnato il 3,87% salendo a quota 10,796 euro, ben oltre i 10,28 euro cui era stato convertito il prestito delle banche ovvero Banca Intesa, Capitalia, Unicredit e Bnl. Un particolare che lascia pensare. Qualche analista tecnico non esclude che su questa soglia Fiat possa tirare il freno – l'impennata del titolo ha ormai portato in nero il conto con questi istituti amici e quindi qualche mano forte interessata in azione ultimamente potrebbe esserlo un po' meno d'ora in avanti…. Chissà? Oggi resta comunque il fatto che quando si parla di riassetto industriale di partecipazioni e della struttura di controllo di un grande gruppo come Fiat, le antenne non possono che essere drizzate. E dato che in merito alle voci circolate sul mercato di un possibile accorciamento della catena di controllo, Giovanni Agnelli & C. Sapa e Ifi hanno semplicemente precisato che "da molto tempo ci sono studi, anche di terzi, che concernono varie ipotesi di riassetto ma nessuno di essi ha acquisito concretezza o ha dato luogo a iniziative" la partita sembra ancora tutta da giocare. Per il momento l'unica certezza è infatti il trend delle immatricolazioni di marzo che hanno confermato le attese ottimistiche su Fiat, con una quota di mercato al di sopra degli obiettivi per l’intero 2006. Quindi occhio al titolo e a dove andrà ad attingere benzina. Buon trading da Momo la Girlzilla

girocampa
04-04-2006, 13:40
Fiat Deutschland: conti verso l'attivo nel 2006 (autoblog.it)
Radiocor - Milano, 04 apr - Dopo le favorevoli performance in Italia e in Francia rese note nella vigilia, il gruppo Fiat ha buone speranze anche per le attivita' in Germania. Secondo autoblog.it, infatti, che cita il responsabile di Fiat Deutschland, Werner H. Frey, i conti del Lingotto in Germania dovrebbero chiudere in attivo nel 2006 dopo che nel primo trimestre le consegne in terra tedesca sono balzate del 52% a 19.150 unita' rispetto ai primi tre mesi del 2005.
:):D[8D][:p][:0][^][:X][:X][:X][:X][:X][:X]

MariaDehoz
04-04-2006, 14:15
Buon pomeriggio ^__^ ...
Ciao, giro :D

Da REPUBBLICA

CITIGROUP punta forte su INTERPUMP : ha alzato il T.P. da 6.5 a 7.75. La crescita continuerà grazie a nuove acquisizioni (già fatte 11 operazioni in 9 anni). Inoltre la società ha fatto intendere di voler crescere quest'anno anche nei paesi emergenti [:p]

girocampa
04-04-2006, 17:49
ciao Maria,spero non sia successo nulla di grave [:X]:)



Fiat: Accordo Per Il Desktop Management Con Hp
Di (Red-Bab/Lr/Adnkronos)

Milano, 4 apr. - (Adnkronos) - Siglato accordo per i servizi di desktop management tra Fiat e HP Italiana. Il patto prevede, da parte di HP, la gestione per almeno un triennio di circa 16.000 postazioni di lavoro e delle relative attivita' di manutenzione, inventario e assistenza tecnica on site. Attraverso la consociata HP DCS, HP acquisisce l'azienda di PDL Services - societa' del Gruppo Fiat dedicata alla gestione delle postazioni di lavoro - con le competenze dei 60 dipendenti che ne fanno parte.

Il contratto, specifica la nota, consentira' a Fiat di ottenere significative riduzioni dei costi legati alle prestazioni e di focalizzare competenze e risorse sul proprio core business.

L'operazione, approvata dall'Autorita' Antitrust Italiana, e' pienamente efficace dal 6 Febbraio 2006

girocampa
04-04-2006, 18:02
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

Buon pomeriggio ^__^ ...
Ciao, giro :D

Da REPUBBLICA

CITIGROUP punta forte su INTERPUMP : ha alzato il T.P. da 6.5 a 7.75. La crescita continuerà grazie a nuove acquisizioni (già fatte 11 operazioni in 9 anni). Inoltre la società ha fatto intendere di voler crescere quest'anno anche nei paesi emergenti [:p]




sembra che il gruppo fiat sia tornato in salute. ce lo fara un rally??? elezioni pemettendo . un bacio e un'abbraccio a te e a tua mamma[:X]

girocampa
04-04-2006, 18:37
Veneto Banca: Utile Netto Consolidato Di 68,2 Mln
Di (Red - Bab/Lr/Adnkronos)

Milano, 4 apr. (Adnkronos)- Utile netto consolidato di 68,2 milioni nel 2005 per il Gruppo Veneto Banca, in crescita del 28,1% rispetto al 2004. Questi i dati approvati dal cda, che saranno sottoposti all'Assemblea dei soci fissata per il prossimo 29 aprile a Montebelluna, insieme alla proposta di un dividendo di 0,55 euro per azione. Il ROE si attesta al 10,7% ed il rapporto cost/income al 68%.

io abito a circa 2 km da questa villa veneta http://www.antichedimore.com/Villatacchi/index.htm

girocampa
04-04-2006, 18:41
Occhialeria: Marcolin Presenta Nuova Collezione Ferrari
Di (Red-Dac/Zn/Adnkronos)

Belluno, 4 apr. (Adnkronos) - Giovedi' 6 aprile alle ore 18, negli spazi del Ferrari Store di Piazza del Liberty a Milano, Marcolin presentera' in anteprima la nuova collezione Ferrari Eyewear. Jean Todt, Direttore Generale Ferrari, e Maurizio Marcolin, Ceo Style&Licencing del Gruppo Marcolin, daranno il benvenuto alla stampa invitata per il debutto della linea eyewear, atteso dal maggio 2005, in seguito all'accordo per il design, la produzione e la distribuzione in esclusiva mondiale di montature da vista e occhiali da sole Ferrari.

girocampa
05-04-2006, 10:20
BORSA: i temi del giorno

MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:

Aedes: entro giugno lancera' il quarto fondo immobiliare.

B.Intesa: secondo quanto indicato dalla stampa Credem e la famiglia Amenduni avrebbero delle partecipazioni inferiori al 2% del capitale della banca.

B.Stabili: prosegue il riassetto. La Beni Stabili Gestioni, societa' di fiduciaria del gruppo, sara' messa in liquidazione al fine di semplificare l'assetto societario.

Bnl: S&P ha alzato i rating di breve e lungo termine ad A/A-1 da A-/A-2.

Eurofly: il Cda ieri ha dato l'ok alla lettera di intenti per l'acquisto di Livingston.

Cdb Web Tech: dovrebbe essere depositato oggi in Consob il filing per la quotazione del fondo M&C.

Eni: avrebbe presentato l'offerta piu' alta (900 mln di dollari) per i pozzi ad alta profondita' in Angola.

L'Espresso: la controllata Rete A ha ottenuto dal Ministero delle Telecomunicazioni la licenza per le trasmissioni sul digitale terrestre.

Finmeccanica: non ha intenzione di bloccare gli accordi tra Thales ed Alcatel.

Generali Ass.: Maurizio Dallocchio potrebbe entrare nel Cda della compagnia.

Impregilo: potrebbe essere siglata a breve l'intesa tra la famiglia Ligresti ed Efibanca per l'ingresso di Imm.Lombarda in Ingli.

La Gaiana: ha sottoscritto un contratto preliminare per l'acquisto di un portafoglio immobiliare di provenienza Reale Mutua.

Luxottica: ieri l'a.d. Andrea Guerra ha affermato che nel 1* trimestre il fatturato e' salito del 20%.

Parmalat: nel 2006 potrebbe aspirare ad un mol pari all'11% dei ricavi. Previsto il lancio di 15 nuovi prodotti nel 2006.

Unicredito: si riunisce oggi la Commissione di vigilanza (Knb) della Banca centrale polacca per trovare una soluzione alla questione Pekao-Bph.

Unipol Ass.: la controllata Unipol Merchant ha intenzione di crescere nel capitale di Hera e Igd. Per il 2006 previste 4-6 acquisizioni di piccole/medie imprese a piazza Affari.

V.Ventaglio: proseguira' nella ricerca di possibili partnership dopo la scadenza dell'impegno in esclusiva con One Equity Partners II che fa capo a Jp Morgan. f

girocampa
05-04-2006, 11:01
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

BORSA: i temi del giorno

MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:

Aedes: entro giugno lancera' il quarto fondo immobiliare.

B.Intesa: secondo quanto indicato dalla stampa Credem e la famiglia Amenduni avrebbero delle partecipazioni inferiori al 2% del capitale della banca.

B.Stabili: prosegue il riassetto. La Beni Stabili Gestioni, societa' di fiduciaria del gruppo, sara' messa in liquidazione al fine di semplificare l'assetto societario.

Bnl: S&P ha alzato i rating di breve e lungo termine ad A/A-1 da A-/A-2.

Eurofly: il Cda ieri ha dato l'ok alla lettera di intenti per l'acquisto di Livingston.

Cdb Web Tech: dovrebbe essere depositato oggi in Consob il filing per la quotazione del fondo M&C.

Eni: avrebbe presentato l'offerta piu' alta (900 mln di dollari) per i pozzi ad alta profondita' in Angola.

L'Espresso: la controllata Rete A ha ottenuto dal Ministero delle Telecomunicazioni la licenza per le trasmissioni sul digitale terrestre.

Finmeccanica: non ha intenzione di bloccare gli accordi tra Thales ed Alcatel.

Generali Ass.: Maurizio Dallocchio potrebbe entrare nel Cda della compagnia.

Impregilo: potrebbe essere siglata a breve l'intesa tra la famiglia Ligresti ed Efibanca per l'ingresso di Imm.Lombarda in Ingli.

La Gaiana: ha sottoscritto un contratto preliminare per l'acquisto di un portafoglio immobiliare di provenienza Reale Mutua.

Luxottica: ieri l'a.d. Andrea Guerra ha affermato che nel 1* trimestre il fatturato e' salito del 20%.

Parmalat: nel 2006 potrebbe aspirare ad un mol pari all'11% dei ricavi. Previsto il lancio di 15 nuovi prodotti nel 2006.

Unicredito: si riunisce oggi la Commissione di vigilanza (Knb) della Banca centrale polacca per trovare una soluzione alla questione Pekao-Bph.

Unipol Ass.: la controllata Unipol Merchant ha intenzione di crescere nel capitale di Hera e Igd. Per il 2006 previste 4-6 acquisizioni di piccole/medie imprese a piazza Affari.

V.Ventaglio: proseguira' nella ricerca di possibili partnership dopo la scadenza dell'impegno in esclusiva con One Equity Partners II che fa capo a Jp Morgan. f


DA NOTARE ENI CHE STA INVESTENDO IN ACQUE PROFONDE DOVE DIFFICILMENTE I PAESI NAZIONALISTI POTRANNO INTROMETTERSI.I CINOINDIANI QUANDO SI ACCORGERANNO CHE IL PETROLIO POTREBBE ESSERE USATO COME ARMA DI RICATTO CHE FARANNO????
1)COSTRUIRANNO IL LORO SVILUPPO USANDO SOLO ENERGIE RINNOVABILI
2)TENTERANNO DI ALLEARSI CON I PAESI PRODUTTORI ANCHE SAPENDO DI POTER ESSERE RICATTATI
3)ACQUISIRANNO O FARANNO ALLEANZEE CON AZIENDE CHE VANNO A ESPLORARE SITI DOVE DIFFICILMENTE GLI STATI NAZIONALI POSSONO INTERFERIRE

SPERO + NEL 1° PUNTO E NELLA LUNGIMIRANZA DEGLI AMMINISTRATORI CINOINDIANI ALTRIMENTI LO SVILUPPO CHE AVREMMO SARA'MOLTO MOLTO MOLTO LIQUIDO

girocampa
05-04-2006, 16:54
Trimestrale Cassa: Cgil, a 4 giorni dal voto ancora non presentata
Radiocor - Roma, 05 apr - 'A quattro giorni dalle elezioni, il Governo non ha ancora presentato la Trimestrale di Cassa e l'aggiornamento della Relazione previsionale e programmatica per il 2006'. Lo denuncia la Cgil, definendola 'un'inadempienza gravissima' perche' 'impedisce di verificare la coerenza dei dati presentati sabato dal ministro dell'Economia con le stime del fabbisogno e le previsioni del 2006'. Per Beniamino Lapadula, responsabile economico della Cgil, 'invece di fare promesse elettorali da finanziare con la vendita del patrimonio pubblico, il ministro Tremonti dica agli italiani come stanno esattamente le cose e smetta di occultare i conti veri rendendo noti solo quelli taroccati. Invece di sprecare il tempo inventare nuove promesse, si sforzi di entrare nella testa degli italiani che sanno bene che, una volta che si e' venduto il patrimonio di famiglia consumandolo per le necessita' quotidiane, a loro non resta piu' nulla, e che la stessa cosa vale per il Paese'

girocampa
05-04-2006, 18:04
Fiat: da Governo ok a cassa in deroga per Mirafiori
Radiocor - Roma, 05 apr - Il Governo ha dato il via libera alla cassa integrazione in deroga per gli 856 lavoratori di Mirafiori (struttura centrale Fiat Auto). L'intesa e' stata raggiunta questa mattina al ministero del Welfare. 'Abbiamo deciso - dice il sottosegretario al Welfare, Roberto Rosso - di far fronte all'accordo siglato a fine marzo tra sindacati e azienda'. L'intesa siglata prevede un prolungamento della cassa integrazione fino a fine anno: degli 856 lavoratori in esubero, 370 usciranno dall'azienda nei prossimi 3 anni con un percorso di mobilita' ordinaria.


PERCHE' INVECE NON ORGANIZZANO UNA "FIAT ENERGIE RINNOVABILI":):)

girocampa
05-04-2006, 19:15
Finpart: Facchini patteggia tre mesi per accusa insider trading
Radiocor - Milano, 05 apr - Gianluigi Facchini, ex presidente di Finpart, accusato di insider trading e manipolazione di mercato dalla Procura di Milano, ha patteggiato oggi la pena di tre mesi. Secondo l'accusa Facchini, 'in possesso di informazioni privilegiate che derivavano dalle sue cariche acquistava e vendeva warrant connessi al prestito obbligazionario Finpart spa, dal 1998 al 2005, realizzando un profitto di 749mila euro'.
[8D]

girocampa
06-04-2006, 11:27
Alto Adige: Settore Legno, Il Can In Viaggio Studio In Canada
Di (Waf/Gs/Adnkronos)

Bolzano, 5 apr. - (Adnkronos) - Il Canada, le sue enormi risorse in materia di legno e il loro impiego sono al centro del viaggio di studio che il cluster ''Legno tecnica'' del Can Alto Adige -l'iniziativa promossa dall'Assessorato provinciale all'Innovazione- ha in programma dal 6 al 13 maggio.

La meta del viaggio degli addetti ai lavori dell'Alto Adige e' la Columbia britannica, quell'area del Canada in cui l'industria del legno rappresenta un comparto economico fondamentale. Sette soci del cluster ''Legno tecnica'' - assieme a colleghi di Svezia, Lettonia, Austria, Germania e Ungheria - parteciperanno a una serie di visite e incontri incentrati sull'economia forestale e la lavorazione del legno in Canada, con esempi famosi quali Whistler o ''100 Mile House'', Vancouver, Sunshine Coast, con tappa finale alla University of British Columbia.

regioni autonome investono nella filiera del legno[^][^][^]

girocampa
06-04-2006, 13:38
UNICREDITO:BANCA BELGA GIA PRESENTE IN POLONIA INTERESSATA A DISMISSIONI FORZATE UNICREDITO:)

girocampa
06-04-2006, 13:44
AZIMUT::):DAzimut H.: 683,6 mln raccolta complessiva 1* trim. (+108,4% a/a)[8D][:p][^][:X][:0]

girocampa
06-04-2006, 19:40
Energia: Up; Domanda In Aumento,In 2012 Gas Sorpassa Greggio(2)

(ANSA) - ROMA, 6 apr - Il calo dell'utilizzo del petrolio è dovuto anche alla flessione della domanda di carburanti. "La benzina - scrive l'Unione petrolifera - risulta in sistematica e incisiva contrazione": in particolare dalle 13,4 milioni di tonnellate del 2005 si dovrebbe passare nel 2020 a 8,4 milioni di tonnellate.
La domanda complessiva di gasoli è prevista invece in costante crescita fino al 2010 e in marcata discesa nel periodo successivo "per l'ipotizzato trasferimento di un certo quantitativo di merci dalla strada alla ferrovia o alla nave".
E dovrebbe proseguire, continua l'associazione dei petrolieri, anche la contrazione del gasolio da riscaldamento, che sarà progressivamente sostituito dal metano.
La sostituzione del petrolio con il gas naturale, insieme all'ipotizzato sensibile ulteriore miglioramento dell'efficienza e al previsto contributo crescente delle energie rinnovabili, tenderanno a frenare progressivamente la crescita delle emissioni di CO2. Tuttavia, nel 2020, saranno ancora superiori del 14% rispetto a quelle del 1990 (da 396 milioni di tonnellate del 1990 a 452 milioni previste nel 2020).
Ecco una tabella con le ultime stime dell'Unione petrolifera sulla domanda energetica italiana da qui al 2020. I dati sono in milioni di tonnellate equivalenti di petrolio.
2005 2006 2010 2015 2020 ---------------------------------------------------------------- Solidi 17,1 17,3 17,3 17,4 17,5 Gas naturale 71,1 71,9 75,3 80,4 83,5 Import elettrico 9,8 9,9 9,3 9,2 8,8 Petrolio 85,1 83,8 80,6 75,7 74,3 Fonti rinnovab. 12,1 12,9 17,3 19,6 20,4 ---------------------------------------------------------------- TOTALE DOMANDA 195,2 195,9 199,8 202,4 204,5 (ANSA).

girocampa
06-04-2006, 19:57
Mediaset: assemblea Telecinco approva bilancio e dividendo 1,18 euro


Radiocor - Milano, 05 apr - L'assemblea degli azionisti
di Telecinco (gruppo Mediaset), tenutasi oggi a Madrid, ha
approvato il bilancio 2005 e ha deliberato la distribuzione
del 100% dell'utile netto. Il dividendo per azione
ammontera' a 1,18 euro. Tutti i principali dati 2005 sono
gia' stati comunicati dal gruppo Mediaset il 1 marzo 2006 in
occasione del consiglio di amministrazione di Telecinco e il
14 marzo con l'approvazione del bilancio consolidato del
gruppo Mediaset.
:)[^][:p]

girocampa
06-04-2006, 20:08
Vinitaly: Beccalossi, Con Partito Del Vino Nessuna Par Condicio
Di (Red-Gio/Lr/Adnkronos)

Milano, 6 apr. - (Adnkronos) - ''Il partito del vino sarebbe assoluto protagonista alle imminenti elezioni. E' stato sufficiente incontrare oggi al Vinitaly esponenti del centrodestra e del centrosinistra per avere la conferma che in materia di vino prevale una posizione bipartisan e non sia necessaria alcuna par condicio''. Viviana Beccalossi, vicepresidente della Regione Lombardia, interviene cosi' alla inaugurazione della 40esima edizione del Vinitaly oggi a Verona. ''Tutti i partiti, nessuno escluso - prosegue Viviana Beccalossi- sono d'accordo nel ritenere che il nostro vino e' il migliore del mondo e che quindi va tutelato in ogni sede nazionale ed internazionale'

MariaDehoz
06-04-2006, 20:34
Ciao, Giro :D
Stiamo un po' "così" : mia madre ha avuto uno "sprofondo" settimana scorsa e anche se adesso s'è un po' ripresa lo stress è notevole, specie di notte :(...
Ma tiro avanti [8D]

Pubblichiamo qualche idea per il trading :,-) ...

Erg (Milano: ERG.MI - notizie) : dopo aver toccato un massimo storico a
23.74 a settembre 2005, ha avviato un movimento triangolare di
consolidamento al di sopra del supporto statico a quota 19.00, per
fuoriuscirne nelle ultime sedute supportato da alti volumi. Per le
prossime settimane, eventuali correzioni non dovrebbero portare le
quotazioni al di sotto di 22.00 pena una diminuzione delle pressioni
rialziste sul titolo che ha come obiettivi per i prossimi mesi
29.00-30.00. Il segnale rialzista verrebbe negato con la violazione di
21.00, poco probabile, ma un segnale negativo si avrebbe al di sotto di
20.00, improbabile al momento.


Aem (Milano: AEM.MI - notizie) : Il titolo è inserito in un canale
rialzista dal marzo 2003 e, dopo essersi portato al test di 1.950 a inizio
2005 si è avviata una fase laterale di riaccumulazione fra 1.550-1.600 e
1.850. Nelle ultime settimane le quotazioni stazionano in una fase
laterale compresa fra 1.720-1.740 e 1.850 che dovrebbe consentire prossimi
mesi il superamento dei massimi dell'anno e quindi la ripresa del
movimento rialzista di fondo con primo obiettivo a 1.950 e quindi l'area
di resistenza 2.100-2.200. La possibile ripresa del rialzo verrebbe negata
da un prossimo ritorno delle quotazioni di sotto di 1.700, al momento
prematuro, riproponendo 1.600 e possibili estensioni a 1.550. Molto
negativo la violazione di 1.550, poco probabile.


Alleanza (Milano: AL.MI - notizie) : Il titolo è inserito in un canale
laterale/moderatamente rialzista che negli ultimi mesi ha portato le
quotazioni al test di 11.00, dove sono scattate pesanti vendite. Per le
prossime settimane il tono permane debole ed appare probabile la
continuazione della discesa in atto nelle ultime sedute verso l'importante
area di supporto compresa fra 9.400 e 9.500, la cui tenuta è fondamentale
consentire nuovi spunti rialzisti verso 10.500, quindi 11.000. Negatività
al di sotto di 9.100-9.200, con obiettivo 8.700, quindi 8.500.


Autogrill: Il titolo da oltre due anni si muove in un canale laterale
compreso fra l'area di supporto statica 10.50-11.00 e la resistenza
statica 13.00/20. Negli ultimi mesi è in atto un movimento moderatamente
positivo che sta lentamente portando le quotazioni verso la resistenza
sopra indicata. Il superamento di 13.20 consentirebbe una rapida salita
verso 13.50, quindi i massimi storici del titolo in prossimità di 14.00.
Il tono peggiorerebbe nelle prossime settimane al di sotto di 11.80-12.00,
al momento prematuro.


Autostrade (Milano: AUTO.MI - notizie) : Il titolo, dopo il movimento
rialzista che ne ha caratterizzato l'andamento dal 2002 al 2004, ha
avviato un ampio movimento laterale compreso fra l'area di supporto
18.50-19.00 e 22.50-23.00. Da inizio anno è in atto una fase laterale fra
20.00 e 22.50 che dovrebbe durare anche nelle prossime settimane. Un
segnale positivo si avrebbe con il superamento di 22.50 che riproporrebbe
23.00, con possibile estensioni a testare il massimo storico a 23.17.
Viceversa la violazione di 20.00, al momento poco probabile,
determinerebbe una diminuzione delle pressioni a rialzo per il titolo,
riportando le quotazioni al test di 19.00, con possibili estensioni a
18.50.


Banche Pop. Unite: Il titolo è inserito in un canale rialzista che ha
recentemente portato le quotazioni ad un massimo storico di 21.79, per poi
correggere verso 20.00. Per le prossime settimane finché le quotazioni
stazionano al di sopra di 20.00/20 permangono intatte le pressioni a
rialzo con obiettivi 21.50, 22.00, quindi 22.50. Viceversa al di sotto di
20.00 è probabile la ripresa della correzione verso l'importante supporto
statico a 18.50 19.00, dove sono attesi nuovi acquisti.


Banca Fideuram (Milano: BFI.MI - notizie) : Il titolo da inizio anno si
muove in un canale laterale/moderatamente rialzista sostanzialmente
compreso fra 4.600 e 5.050- 5.150. Per le prossime settimane appare
necessario un movimento di consolidamento fra 4.700 e 4.900/950, prima di
tentare nuove salite verso la parte alta del movimento sopra indicato.
Positiva la rottura di 5.150, al momento prematura, che aprirebbe spazi di
apprezzamento verso 5.450-5.600. Debolezza al di sotto di 4.600.


Banca Intesa (Milano: BIN.MI - notizie) : Continua la fase positiva per il
titolo che da metà ottobre scorso ha messo a segno una salita del 40 %
circa. Per le prossime settimane finché le quotazioni stazionano al di
sopra di 4.800- 4.850 il tono permane rialzista con obiettivo 5.400, forte
resistenza per la continuazione della salita. Le spinte a rialzo
diminuirebbero con la violazione di 4.800, al momento prematuro,
determinando l'avvio di un movimento correttivo con obiettivo 4.400-4.500.
Il tono peggiorerebbe nelle prossime settimane solo al di sotto di tali
livelli.


Banca Montepaschi: Il titolo nel corso degli ultimi 12 mesi ha effettuato
una salita di oltre 90 punti percentuali, portando le quotazioni da 2.500
euro al test del massimo storico a 4.880 (settembre 2000). Per le prossime
settimane appare possibile un movimento di consolidamento fra 4.50/55 e
4.85/90, prima di tentare il superamento del massimo storico che
fornirebbe un ulteriore segnale di forza per i prossimi mesi, con primo
obiettivo ravvicinato a quota 5.00. Le spinte rialziste diminuirebbero nei
prossimi mesi al di sotto di 4.250-4.300.


MIDEX

Acea (Milano: ACE.MI - notizie) : Il titolo nelle ultime settimane è
fuoriuscito dal movimento di accumulazione compreso fra 8.00 e 9.90 durato
12 mesi circa. Il segnale è positivo e, in caso di superamento di 10.50, è
attesa un'accelerazione del movimento a rialzo verso 11.50. Per i prossimi
mesi gli obiettivi della salita sono a quota 12.00, quindi 12.50 euro. Le
pressioni rialziste per le prossime sedute diminuirebbero solo al di sotto
di 9.85- 9.95, ma il segnale rialzista verrebbe negato solo al di sotto di
9.40, poco probabile.


Pirelli Real Estate: Il titolo è inserito in un canale rialzista da alcuni
anni e, dopo la fase di accumulazione che ha caratterizzato la seconda
metà del 2005, è ripresa con forza la salita portando le quotazioni in
accelerazioni in prossimità di 60.00. L'obiettivo dell'impulso rialzista
in atto è 65.00, livello intermedio 60.00. Eventuali correzioni nelle
prossime sedute non dovrebbero portare le quotazioni al di sotto di
55.00-56.00 pena la necessità di un movimento di riaccumulazione al di
sotto di 60.00. Le pressioni a rialzo per i prossimi mesi diminuirebbero
con la violazione di 52.50, poco probabile.


Tenaris (Milano: TEN.MI - notizie) : Il titolo ha effettuato una salita
del 450 % circa negli ultimi 16 mesi, portando le quotazioni ad un massimo
storico di 16.80 nelle ultime sedute. Per le prossime settimane la salita
dovrebbe continuare con obiettivi 17.50, quindi 20.00, dove sono possibili
prese di beneficio. Le spinte rialziste diminuirebbero per le prossime
sedute al di sotto di 15.30-15.50, ma finché le quotazioni stazionano
sopra 13.75- 14.00 il tono rimane rialzista.


MIBSTAR

Actelios (Milano: ACT.MI - notizie) : Il titolo dopo aver toccato un
massimo storico a 11.46 nel settembre scorso, ha avviato un movimento
triangolare con estremi la resistenza statica a 10.50/75 ed una trendline
rialzista attualmente in transito a 9.00. Tale fase si delinea come un
consolidamento prima di nuove salite: un segnale in tal senso si avrebbe
con il superamento di 10.75, aprendo spazi di apprezzamento verso 12.50.
Il tono peggiorerebbe in caso di ritorni al di sotto di 9.00, determinando
una discesa verso la media mobile a 200 gg in transito in prossimità di
8.00.


Banca Pop Etruria e Lazio: Il titolo ha effettuato una fase di
consolidamento fra 13.50 e 15.50 fra settembre 2005 e febbraio scorso, per
superare 15.50 ed avviare una salita momentaneamente arrestatasi a 18.08.
Per le prossime settimane, finché le
quotazioni stazionano al di sopra dell'area di supporto compresa fra 15.80
e 16.00 il tono permane rialzista con possibili obiettivi rialzisti a
19.00, quindi 20.00

:D

girocampa
06-04-2006, 22:32
CIAO MARIA ,HAI VISTO IL SITO DI QUELLA VILLA VENETA VICINO A CASA MIA ? VOLEVANO FARCI UNA STRADA IN MEZZO AL PARCO.




Fiere: Verona, Successo a Vinitaly Delle Bottiglie 'Made In Abruzzo'
Di (Aab/Zn/Adnkronos)

Pescara, 6 apr. - (Adnkronos) - ''Il vino 'made in Abruzzo' conquista sempre nuovi mercati, soprattutto esteri, grazie al suo appeal di un prodotto di grande qualita' a un prezzo contenuto''. Lo ha evidenziato oggi l'Assessore regionale abruzzese all'agricoltura, Marco Verticelli, commentando il risultato ottenuto dalle case produttrici presenti a ''Vinitaly'', una delle piu' importanti rassegne ecologiche europee in corso di svolgimento a Verona sino al prossimo 10 aprile.


[:X][:X]

girocampa
07-04-2006, 09:34
MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:

Aedes: la famiglia Castelli diventera' il primo azionista della societa' grazie all'esercizio delle stock option. Nel frattempo il gruppo prosegue con il piano industriale e guarda i primi dossier in India e nell'Est Europa.

B.P.Milano: ha smentito le indiscrezioni sulla cessione di Selma a B.Italease.

Erg: Gazprom e' in pole position per rilevare la Tamoil ma la societa' italiana spera ancora.

Eni: la russa Gazprom sarebbe interessata ai diritti di trasporto del gas via Austria del gruppo italiano.

Fastweb: si e' definitivamente aggiudicata la gara Cnipa.

Fiat: entro l'anno potrebbe essere rafforzata l'alleanza con Severstal. I russi sarebbero infatti pronti a produrre nuovi modelli per la casa torinese.

Italcementi: secondo la stampa ha siglato un accordo con la West Virginia per un cementificio ad alta tecnologia.

Parmalat: si ritorna a parlare di una possibile aggregazione. Intesa, dopo il congelamento dell'asse con Granarolo, resta alla finestra mentre Bondi punterebbe ancora sulla Barilla. Secondo le indiscrezioni la recente decisione della Consulta non avrebbe dissipato i dubbi sulla validita' delle revocatorie. Attesa per le motivazioni.

Permasteelisa: prevede per fine anno un miglioramento della marginalita' e ricavi in linea a quelli dello scorso anno.

Roncadin: ha varato un maxi-aumento di capitale da 243 mln di euro che permettera' di ristrutturare il bond in scadenza. Dante Di Dario conservera' la maggioranza dell'azienda.

Save: la Marco Polo, che controllata il 38% del gruppo, ha confermato il patto di sindacato con gli altri azionisti.

Snam R.G.: la golden share del Tesoro appena entrata in vigore e' gia finita sotto la lente della Commissione Ue. Ritorna l'ipotesi di fusione tra Snam e Terna, con il Tesoro al 30% dopo il merger.

Sogefi: ha chiuso il 2005 con un utile netto record a 44,7 mln (+48,7%).

Telecom I.: ha riscontrato un esito positivo dagli incontro tenuti a New York con alcuni investitori istituzionali.

Zucchi: la famiglia Zucchi, dopo l'uscita dei Marzotto e l'ingresso del fondo Amber, ha siglato un nuovo patto di sindacato. fus


ENERGIA SEMPRE PIU' IN PRIMO PIANO. :)

girocampa
07-04-2006, 09:41
Il "blitz" di Gazprom. E rispunta Mentasti


Quotazioni

Omv Ag
OMV.VI
55.25
+0.91%



MIB 30 Migliori & Peggiori

Dal Corriere della Sera: La partita che ha come posta il business della vendita del gas russo in Italia si è trasformata in caccia grossa. Nel mirino 146 "piccoli indiani" che si sono accaparrati ciascuno un pezzetto della capacità di trasporto tra le frontiere dei due Paesi attraverso l'Austria. Un affare da 6-700 milioni di euro ogni anno per venti anni, che vede tra i "cacciatori", a sorpresa, la stessa Gazprom. Secondo indiscrezioni di mercato all'opera ci sarebbe anche la Central Energy, società partecipata da Bruno Mentasti di cui Gazprom è direttamente e indirettamente azionista. Oggetto del contendere 3,2 miliardi di metri cubi di metano l'anno, il frutto del potenziamento del gasdotto che dal confine austro-slovacco di Baumgarten arriva a quello italiano, di proprietà per l'89% dell'Eni International e per il restante 11% dell'austriaca Omv (Vienna: OMV.VI - notizie) . Su pressione dell'Antitrust, Paolo Scaroni a novembre ha messo a gara questa "capacità addizionale". Un diritto di trasorto che scatterà dal primo ottobre 2008 e durerà fino al 2028. Le garanzie finanziarie da presentare erano del tutto contenute, 200mila euro più una frazione legata alla capacità richiesta. Risultato, 146 dei 149 partecipanti si sono visti assegnare lo scorso febbraio 22,5 milioni di metri cubi a testa. La lista comprende di tutto, dallo speculatore alla grande multinazionale, tra le quali Central Energy, circostanza non smentita ne confermata da un portavoce di Gazprom a Mosca. E il mercato secondario della capacità di trasporto si è messo subito in movimento. Secondo alcuni operatori del settore si sarebbe già assistito a qualche passaggio in forma di "subleasing" per valori che si aggirano sui 500mila euro per blocco con indiscrezioni che segnalano come molto attivi consorzi come Gas Intensive, Blugas, Spigas nonchè la stessa Gazprom tramite il braccio commerciale Gazexport


QUANTO INTERESSE PER IL MERCATO DEL GAS ITALIANO:)

genk
07-04-2006, 10:52
Italcementi ancora sotto i riflettori, nuovi investimenti negli Usa

Finanzaonline.com - 07/04/2006 10:32 - Acquisti sul titolo Italcementi che viaggia nelle posizioni di testa dell'S&P/Mib a quota 20,74 euro, in progresso dell'1,57% dopo aver toccato in mattinata un nuovo massimo storico intraday a 20,89 euro. A muovere nuovamente denaro verso Italcementi è stata la notizia dell'investimento da 320 milioni di dollari nell'impianto di Martinsburg in West Virginia. Ieri è stato lo stesso governatore dello stato, Joe Munchin, a dare il via libera in una cerimonia nella sua residenza e alla quale era presente anche il numero uno di Italcementi, Carlo Pesenti. L'investimento permetterà la creazione di 250 nuovi posti di lavoro in due anni e per questo sono stati concessi al gruppo italiano incentivi fiscali soprattutto in materia di tassa locale sulla proprietà. Carlo Pesenti ha sottolineato che "chi oggi vuole essere all'avanguardia non può non essere presente negli Usa".

girocampa
07-04-2006, 11:40
Il tempo, mai come oggi, gioca a favore del gruppo italiano. A scapito di Suez e del governo francese. Il matrimonio con Gaz de France, ammesso che passi l'esame di Bruxelles, per andare in porto richiede infatti la correzione della legge sulle società pubbliche che pochi mesi fa ha fissato al 70% la soglia azionaria sotto la quale lo Stato francese non può scendere. La strada per modificare queste norme però, complice un clima sociale particolarmente surriscaldato, oggi si presenta più che mai in salita: sia l'opposizione che i sindacati d'Oltralpe sono contrari e anche tra le file della maggioranza c'è chi storce il naso. Difficile dunque pensare ad un altro strappo. E nel frattempo, nonostante i proclami, della nuova legge in Parlamento non c'è traccia.

A fronte di tante variabili è logico che ai piani alti del quartier generale dell'Enel prevalga la prudenza. «Per l'Opa è tutto pronto, ora si tratta solo di capire quando sarà il momento migliore per procedere - spiega una fonte -. Poi vediamo cosa si riesce a portare a casa, se tutto il piatto oppure solo una parte».



TUTTA O IN PARTE L'OPA SU SUEZ PROBABILMENTE CI SARA'.POI CI ARRIVERA LA BOLLETTA [V][V]

girocampa
07-04-2006, 13:28
ENEL:APPALTO IN NICARAGUA PER SFRUTTAMENTO GEOTERMICO [:0]BRAVI ,:)MA L'ETNA E IL VESUVIO NON SONO PIU' VICINI

MariaDehoz
07-04-2006, 13:44
Giorno Giro / Giorno Genk (ammappa quante "G") [^] !
Quindi siamo al redde rationem con i francesi : bene bene ...
Certo che se l' OPA andasse bene potremmo avere un calo ma nel medio lungo il valore aggiunto porterebbe benefici ad ENEL anche in termini di prezzo [:p]...
D'altra parte ormai sono anni che stiamo tra il sei e il sette : bisogna sparigliare le "carte" ;)

girocampa
07-04-2006, 14:35
CIAO MARIA,PER L'ENEL SEMBRA SOLO QUESTIONE DI COSA POTRANNO FARE
Agos: Crescono Utile (+42%) Ed Erogazioni Dirette (+14,3%)

(ANSA) - MILANO, 7 APR - Agos, attiva nel credito al consumo, ha chiuso il 2005 con un utile netto in crescita del 42% a quota 62 milioni di euro. Lo si apprende da una nota. In progresso pure la produzione complessivamente gestita, che ha sfiorato i 5,5 miliardi di euro (+45,6%), mentre le erogazioni dirette hanno raggiunto quota 3.753,2 milioni (+14,3%).
Nel settore auto e moto targate, i finanziamenti erogati sono stati pari a 1,32 miliardi (+8%), mentre l'area cosiddetta 'non auto' ha raggiunto quota 1,78 miliardi (+ 15,3%). I prestiti personali hanno fatto registrare finanziamenti per 1,05 miliardi (+36,5%) mentre il settore carte di credito è cresciuto del 26,5% con erogazioni per 645,2 milioni.(ANSA).

CI VOGLIONO INDEBITATI

girocampa
07-04-2006, 15:07
Ansaldo Sts: con Ansaldo Breda commessa da 300 mln per metro Salonicco


Quotazioni

AEGEK SA
903330
n/a
n/a



MIB 30 Migliori & Peggiori

E' stato formalizzato e firmato oggi il contratto per la realizzazione della metropolitana di Salonicco. Ansaldo STS fornirà il sistema tecnologico ed Ansaldo Breda i veicoli. Lo comunica la società in una nota, spiegando che l'importo della commessa per le due società è pari a complessivi 300 milioni di euro, di cui 180 milioni spettanti ad Ansaldo STS e 120 milioni ad Ansaldo Breda. In particolare - precisa il comunicato - l'impianto tecnologico fornito da Ansaldo Sts ricalcherà il disegno della metropolitana automatica di Copenhagen, mentre per quanto riguarda i veicoli realizzati da Ansaldo Breda saranno articolati a quattro casse per un totale di 450 passeggeri trasportabili, con una velocità massima di 80 km/h e dotati di impianto di condizionamento dell'aria. Ansaldo STS e Ansaldo Breda fanno parte di una joint venture italo greca con Aegek (Stoccarda: 903330 - notizie) , Impresilo e Seli.
:):D[8D][:p][^][:X]

MariaDehoz
07-04-2006, 17:55
Buone notizie per ANASALDO, quindi ^__^ !
Peccato non me le abbiano aseegnate :(
Vabbé : non fa niente [8D]

BCE: SORPRESE MA NON TROPPO...



Come era nelle previsioni, la Bce nella riunione di ieri ha lasciato i tassi ufficiali al 2,5%, ma come il mercato invece non si aspettava affatto il Governatore della Banca Centrale Europea Trichet ha lasciato intendere che probabilmente non opererà alcun rialzo neanche nella prossima riunione prevista nel mese dimaggio.



Le prime ripercussioni delle parole di Trichet si sono riflesse sulla moneta unica che ha perso bruscamente terreno, passando da 1,23 a 1,22 nel cross contro dollaro Usa ed anche sul prezzo dell'oro, da sempre considerato bene rifugio anti inflazione, che è arrivato a sfiorare i 600$ l'oncia ( valori che non toccava dal lontano 1981).

Per quanto riguarda il mercato del reddito fisso, dopo una prima reazione positiva del future sul decennale tedesco, le quotazioni hanno subito una brusca flessione, continuando il trend negativo che da alcune sedute sta caratterizzando l'intero settore (hanno prevalso quindi i timori inflazionistici implementati da un ritardo nell'azione di politica monetaria restrittiva).

Secondo il nostro punto di vista, anche supportato dall'analisi tecnica che ci segnala un forte ipervenduto, il future sul bund potrebbe essere arrivato ad un punto in cui è possibile effettuare operazioni di trading veloce, ma rischioso, improntate al rialzo (il rendimento del 4% toccato nella giornata di ieri ci sembra nel breve periodo un punto d'arrivo)

[8D]

girocampa
08-04-2006, 20:30
CIAO MARIA, SONO BELLE NOTIZIE PER ANSALDO, ANCHE PER IMMSI
[:X]
Immsi: Colaninno Vince Mega-Contratto In Oman Per Rodriguez

(ANSA) - ROMA, 8 apr - Mega contratto in Oman per Rodriquez Cantieri Navali (Gruppo Immsi) per la costruzione di cinque catamarani, che saranno consegnati entro fine 2008. L'accordo, siglato a Roma questa mattina, ha un valore di 90 milioni di dollari e rappresenta una delle maggiori commesse di fast-ferries.
"Oltre ad essere orgogliosi per l'importante gara internazionale vinta siamo convinti che questi primi importanti risultati provino la correttezza del piano di rilancio avviato per il Gruppo Rodriquez, la cui opera di riorganizzazione non è ancora finita", ha detto il presidente di Immsi, Roberto Colaninno, sottolineando che la commessa ottenuta "é particolarmente importante per Messina, dove sono situati i cantieri della Rodriquez e dove saranno realizzati i catamarani, che si assicura così due anni di lavoro ed una prospettiva di sviluppo per i prossimi anni".
A firmare il contratto sono stati Colaninno ed il ministro dell'economia dell'Oman, Ahmed Macki, al quale il presidente di Immsi ha regalato una Vespa 250, la più grande nella storia del marchio e che "é un successo clamoroso", ha sottolineato l'amministratore delegato della Piaggio, Rocco Sabelli.
Rodriquez Cantieri navali si è aggiudicata il mega contratto vincendo una gara internazionale, nella quale ha "primeggiato davanti ai più importanti concorrenti mondiali, confermando quindi le capacità progettuali, il know how tecnologico e la continua ricerca verso soluzioni innovative raggiunti in oltre 100 anni di attività". I cinque fast ferries che saranno realizzati da Rodriquez avranno lunghezza di 52 metri e saranno costruiti interamente in alluminio.
"E' un accordo molto importante. Mi auguro che sia solo il primo passo per avviare lunghe relazioni fra Immsi ed Oman.
Visiteremo presto l'Omanper valutare dove è possibile investire. AQuesta è una buona occasione per iniziare un'amicizia", ha aggiunto Colaninno.
"Siamo orgogliosi che questo importante cliente abbia scelto la Rodriquez Cantiaeri navali per la realizzazione di queste imbarcazioni - ha evidenziato l'amministratore delegato del gruppo, Marco Ragazzini -. Si conferma così che la grande esperienza e l'elevata tecnologia, che caratterizza sempre le navi Rodriquez, è vincente anche nei momenti di difficoltà del settore fast ferries. Questa commessa sarà il perno del rilancio di Rodriquez Cantieri Navali e del nostro cantiere di Messina". (ANSA).

girocampa
08-04-2006, 20:36
Dal “ giornale di VICENZA” : l’alta velocita passera’ per vicenza
Dopo essere stato bocciato il percorso a sud della citta’(galleria sotto i COLLI BERICI con devastazione ambientale e fabbisogno di ulteriori opere di collegamento)ebbene si passera’ per VICENZA l’alta velocita,ma non con il progetto che prevedva 18km di tunnel da MONTEBELLO a LERINO costo circa 900 mln eu. , con la stazione di VICENZA sotterranea, ma solo i primi 4 km saranno in tunnel da MONTEBELLO a TAVERNELLE , per il momento dice l’assesore CICERO . ma allora perche’ spendere 600 mln eu. per la VALDASTICO SUD quando tutta EUROPA sta investendo in ferrovie. Fra qualche anno quando il petrolio navighera’ sopra i 100$ e il trasporto su gomma non sara’ piu tanto conveniente cosa ci racconterete ?
:(:(:(:(:(:(

girocampa
08-04-2006, 20:44
Effetti climatici: dal Tg la7 delle 6,30
Dopo l’uragano di un paio di settimane fa l’AUSTRALIA e’ stata colpita da una alluvione . i coccodrilli sono a spasso per la citta’

Dal tg3 delle 11,30: uragano e tornado nel TENNESSEE con parecchi morti

Cosa aspettarci nel prossimo futuro ? sicuramente un aumento delle frane e delle alluvioni, anzi suggerirei di investire in un canotto abbastanza grande e robusto da poter caricare l’auto con la famiglia e viveri visto che le nostre auto non sono anfibie . ho l’impressione viste le premesse che il 2006 sara’ un brutto anno per gli eventi climatici che dovremmo subire.[:0][:0][:0]

girocampa
08-04-2006, 20:53
Domani da PADOVA partira’ “IL TRENO IN BICI” raggiungera’ CASTELFRANCO e da li in bici le risorgive del SILE da cui si snodera’ il percorso lungo le rive del medesimo:):D[8D][^]

girocampa
08-04-2006, 21:06
ADN Kronos - Ven 7 Apr

Pubblicità
Bologna, 7 apr . (Adnkronos) - Gli 870 mila euro che Romano Prodi e la moglie Flavia hanno consegnato ai due figli per l'acquisto della casa quando si sono sposati appartengono a una donazione legalmente registrata dal notaio nel 2003, come prevedono le norme in materia. A chiarirlo la moglie del candidato premier dell'Unione, oggi a Bologna, in una conferenza stampa indetta proprio per chiarire la questione e fugare ogni dubbio di illiceità presunta, come sottolineato da alcuni quotidiani.

''Sono amareggiata che una nostra corretta decisione di genitori sia usata per spaventare le famiglie italiane dicendo loro bugie'', ha dichiarato Flavia Prodi, sottolineando che ''tre anni fa, nel 2003, dopo che i miei figli si sono sposati, abbiamo dato loro il denaro per comperare i loro due appartamenti. Circa 430 mila euro a testa. Per questo, quando si tratta di non modiche cifre, è la legge che richiede di fare un atto pubblico di donazione di fronte a un notaio, come abbiamo fatto''.

In sostanza, la moglie del leader dell'Unione ha voluto fugare ogni dubbio circa la volontà del centrosinistra di reintrodurre tasse di successione, a differenza di quanto questa mattina ha di nuovo ribadito il premier Silvio Berlusconi. ''La maggioranza della gente - ha aggiunto la signora Prodi - non sa di dover fare donazioni, quando si tratta di non modiche cifre''. In realtà, come nel caso dei suoi figli che fanno i ricercatori, l'atto notarile si rende necessario perché ''chi ha bassissimi redditi - ha detto - non può dimostrare da dove prende i soldi per comprare casa''.

''Il ministro Tremonti ieri sera a 'Otto e mezzo' ha lui stesso riconosciuto che abbiamo rispettato la legge. Siamo stati casomai particolarmente scrupolosi nel farlo. Tra l'altro le cifre in questione sono lontanissime da quei parecchi milioni di euro indicati come soglia oltre la quale il centrosinistra propone di introdurre l'imposta sulle successioni e sulle donazioni''. La famiglia si riserva di querelare il quotidiano 'Libero' che nell'articolo pubblicato oggi ipotizza il reato di evasione fiscale.

(Adnkronos)
[:0][:0][:0]

MariaDehoz
08-04-2006, 21:11
'Sera, Giro :D

ABAXBANK : OUTPERFORM su CAMPARI e TP da 6.7 a 8.1

CREDIT SUISSE : NEUTRAL da OUTPERFORM ma TP fermo a 0.43

S&P : alza il rating su BNL a A / A - 1

DB : BUY su AUTOSTRADE e TP a 26.5

Report dal SOLE 24 ore di oggi

girocampa
08-04-2006, 22:39
Quotazioni

Teleunit SpA
TLU.L
11.50
+4.55%



MIB 30 Migliori & Peggiori

Tlc: Accordo Azienda Umbra Per Mobile Vas In Turchia
(AGI) - Perugia, 8 apr. - Loghi, suonerie, sfondi, notizie e servizi viaggeranno da un cellulare all'altro in Turchia, grazie ad un accordo siglato tra l'azienda umbra di Tlc Teleunit (Londra: TLU.L - notizie) , operatore nazionale italiano (e' quotato all'Aim di Londra dal maggio 2004) che vuol lanciare servizi ad alto valore aggiunto (VAS) sul mercato Turco. Un trasferimento di tecnologia e di creativita' dall'Italia alla Turchia che coinvolgera' i ragazzi, un segmento particolarmente interessante dove il 50% della popolazione e' al di sotto dei 25 anni. La collaborazione tra la Teleunit (societa' fondata a Perugia nel 1997 con il nome di Telephonica, diventato operatore di Tlc con propria rete infrastrutturale; dal febbraio 2005 e' sul mercato dei Voip Retail) ed il principale operatore turco di telefonia mobile, prevede il sostegno dell'iniziativa con tutte le soluzioni innovative sviluppate dall'azienda in relazione al Mobile Vas. Il marchio si chiama "Dito Mito" ed ha uno stile tutto italiano, estremamente di tendenza in Turchia. "Questo accordo con la Turchia e' il primo passo per diffondere i nostri prodotti, ma anche il nostro modo d'intendere la telefonia nei vari aspetti, nei mercati internazionali - ha detto l'amministratore delegato di Teleunit Francesco Cimica -. I turchi sono in testa alle classifiche europee per l'utilizzo dei cellulari; il mercato della telefonia mobile ha una crescita annua di oltre il 25%". (AGI)

:):D[8D][:p][^][^][^][:X][:X]

girocampa
09-04-2006, 01:10
Dal tg3 veneto
Apertura a PADOVA zona industriale di una vendita all’ingrosso cinese . cosi dopo TREVISO anche PADOVA ha il suo “TUMORE GIALLO”. In ogni dove i gialli arrivano si accaparrano i commerci e le attivita’ .stiamo diventando una colonia cinese e la NEUROPA DI PRODI che fa??? Ci mette il marchio CE (CHINA EXPORT)
PENSATE ANCHE A QUESTO QUANDO ANDATE A VOTARE
:(:(:(:(:(


E DOMANI TUTTI AL VINITALY
[^][^][^][^][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p][:p]

girocampa
09-04-2006, 08:35
OSLO (Reuters) - In un progetto energetico d'avanguardia, che punta a recuperare calore dalle fognature, i cittadini di Oslo contribuiscono a riscaldare le proprie case semplicemente tirando lo sciacquone in bagno.

Enormi macchine blu al termine di un tunnel di 300 metri in una centrale ai piedi delle colline ad Oslo usano la tecnologia di refrigerazione per risucchiare calore dalle fognature e trasferirlo ad una rete di condutture dell'acqua calda, alimentando così migliaia di radiatori e caloriferi attorno alla città.

"Crediamo che questo sia il sistema di riscaldamento più grande del mondo capace di usare acque di scarico", ha detto a Reuters Lars-Anders Loervik, direttore della società energetica di Oslo Viken Fjernvarme, che gestisce l'impianto, aperto questa settimana.

La pompa di calore, un sistema di compressori e condensatori, costa circa 11,5 milioni di euro ed ha una potenza di 18 megawatt (MW), abbastanza per riscaldare 9.000 appartamenti e risparmiare 6.000 tonnellate di combustibile all'anno.

Secondo gli esperti le fognature potrebbero essere sfruttate ovunque.

"La tecnologia è quella, così se pure l'infrastruttura è quella, c'è una soluzione flessibile per molte città in tutto il mondo", dice Monica Axell, a capo del centro pompe calore dell"International Energy Agency, che fa da consulente a 26 Paesi industrializzati . A suo giudizio in Svezia c'è un impianto ancora più grande, con una capacità di 160 MW che recupera calore dalle acque reflue trattate. Mentre in Finlandia un impianto simile da 90 MW tratta le acque di scarico.

AdOslo, acque di scarico non trattare, da gabinetti, bagni, fognature ed acqua piovana, finisce nel sistema attraverso un filtro che blocca corpi grossi, come i topi morti.

Gli scarichi delle fognature scorrono nel sistema ad una temperatura di 9,6 gradi centigradi, uscendo ad una temperatura di 5,7 gradi dopo che il calore è stato sottratto con il sistema usato nei refrigeratori.

L'energia ricavata scalda l'acqua di una sistema di tubi di 400 chilometri, che riscalda uffici ed abitazioni.

girocampa
09-04-2006, 08:50
Playboy: gli 80 anni di Hugh Hefner
Pioniere rivoluzione sessuale, convive con tre conigliette
(ANSA) - NEW YORK, 8 APR - Hugh Hefner, il creatore dell' impero Playboy, compiera' 80 anni domani, perpetuando il suo mito di grande libertino. L'anziano playboy convive nella sua reggia di Beverly Hills con tre giovani conigliette, che insieme non raggiungono i 76 anni. La 'Playboy Mansion' - un castello di stile Tudor con 31 stanze - continua ad ospitare sontuose feste piu' o meno 'spogliate'. L'impero Playboy, che vale quasi mezzo miliardo di dollari, e' in mano a sua figlia Christine Hefner. [^][^][^]

girocampa
09-04-2006, 09:16
DALL'ANSA:INCENTIVI ALL'ENERGIA ALTERNATIVA INDIPENDENTE DALLA RICHIESTA. E' MEGLIO COMPRARE EOLICA EUROPEA CHE PETROGAS RUSSO-ARABO

MA VA:):D[8D]

girocampa
09-04-2006, 09:20
7/29 APRILE - VICENZA: SOLAREXPO
- Vicenza: tutto il sole minuto per minuto a Solarexpo dal 27 al 29 aprile
[^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^]

girocampa
09-04-2006, 09:23
7/29 APRILE - VICENZA: SOLAREXPO
- Vicenza: tutto il sole minuto per minuto a Solarexpo dal 27 al 29 aprile

girocampa
09-04-2006, 09:27
27/29 APRILE - VICENZA: SOLAREXPO
- Vicenza: tutto il sole minuto per minuto a Solarexpo dal 27 al 29 aprile

girocampa
09-04-2006, 09:30
27/29 APRILE - VICENZA: SOLAREXPO
- Vicenza: tutto il sole minuto per minuto a Solarexpo dal 27 al 29 aprile

girocampa
09-04-2006, 09:43
ECO-ENERGIA: BIOETANOLO A MARGHERA; INCONTRO CACCIARI-GMI
(ANSA) - VENEZIA, 7 APR - ''Vogliamo dimostrare che lo sportello unico per le imprese su Marghera funziona'': l'assessore alle attivita' produttive del Comune di Venezia Giuseppe Bortolussi ha espresso oggi l'impegno dell'amministarzione comunale veneziana a realizzare il progetto di industria dei biocarburanti presentato da Grandi Molini Italiani per la zona industriale veneziana. Oggi, presso il municipio di Mestre (Venezia), si e' svolto un incontro previsto tra il sindaco di Venezia Massimo Cacciari e il presidente di Grandi Molini Italiani su quello che nel prossimo futuro dovrebbe essere ''il primo impianto in Italia per la trasformazione di cereali in bioetanolo''. Grandi Molini Italiani ha infatti depositato il 30 marzo scorso disegni, calcoli, relazioni scientifiche e domanda di costruzione e ora attende il compimento dell'iter burocratico. Assieme a Cacciari, oltre a Bortolussi, anche Laura Fincato, assessore alla pianificazione e sicurezza del territorio. Costato, assieme al prof.Bertucco, direttore del dipartimento dei principi di ingegneria chimica dell'universita' di Padova e consulente scientifico nello sviluppo del progetto, ha illustrato ai rappresentanti del Comune l'unicita' dell'impianto. L'iniziativa, hanno detto, ''rappresenta un' occasione unica di sviluppo per il territorio il disposto della legge 81 del 2006, licenziata solo qualche settimana fa''. (ANSA). BE

girocampa
09-04-2006, 10:09
Secondo la Fiper, i comuni delle zone alpine, con un numero di abitanti compreso tra i 3000 e i 5000, cosi' come quelli prealpini ed appenninici non ancora raggiunti dalla metanizzazione, potrebbero accogliere dai 300 ai 500 nuovi impianti di teleriscaldamento o cogenerazione con potenze comprese tra i 5 e i 10Mw termici e con possibile ulteriore produzione elettrica di 1-2MW per impianto. Questo comporterebbe 1 milione di gasolio risparmiato e ben 3 milioni di tonnellate di co2 evitate in


DOPO 40 ANNI DI ENEL-ENI SIAMO COSCIENTI CHE QUELLO NON E'IL MODO DI PRODURRE ENERGIA . MA ADESSO CI DARANNO I GIUBBOTTI SALVAGENTE???????????

girocampa
09-04-2006, 10:25
BRASILE :VEVE LEADER MONDIALE PRODUZIONE BIOETANOLO

ENERGIE ALTERNATIVE: NON SOLO PER GRANDI IMPRESE

genk
09-04-2006, 11:50
Citigroup, S&P e Barclays accusate di concorso in bancarotta



* Consulta: legittime le richieste di Bondi alle banche. Balzo del titolo

La Procura di Parma ha chiuso le indagini per i filoni d'inchiesta relativi a Citibank (Citigroup), S&P e Barclays: l'ipotesi di reato, riferiscono fonti giudiziarie a Il Sole 24 Ore Radiocor, è di concorso in bancarotta; gli avvisi spediti venerdì 7 aprile riguardano sette manager di Citigroup e nove di Standard and Poor's e Barclays.
Clicca qui!

Tra i sette manager di Citigroup ci sono anche Sergio Ungaro e Paolo Botta. Le indagini sono state coordinate dalla Pm Antonella Ioffredi che lascerà la procura il 9 maggio prossimo per trasferirsi al civile. Il coordinatore dell'inchiesta a quel punto sarà il sostituto procuratore Vincenzo Picciotti. I manager a cui è stato inviato l'avviso di fine indagine avranno a disposizione un tempo di 20 giorni per chiedere di essere interrogati. Trascorso questo lasso di tempo i magistrati titolari dell'inchiesta potranno chiedere il rinvio a giudizio.

Immediata la replica della banca statunitense, a ruota quella dell'agenzia di rating. «Citigroup - si legge in una nota - è in realtà anch'essa una importante vittima della truffa Parmalat e ad oggi nessuno ha prodotto la benché minimaprova contraria. Citigroup è soddisfatta di poter finalmente presentare una corretta ricostruzione dei fatti da contrapporre alle accuse unilaterali e prive di prove che sono contestate. Citigroup e i suoi collaboratori - conclude il comunicato - hanno sempre agito in modo corretto».

Quanto a S&P, le accuse presentate dalla Procura di Parma sarebbero «infondate». In una nota l'agenzia sottolinea che le ipotesi di reato avanzate dai magistrati «ignorano che S&P è stata vittima di una frode enorme e sistematica» iniziata ben prima che S&P assegnasse un rating a Parmalat. Uno degli obiettivi della frode - sostiene la nota - era infatti di ingannare gli analisti sulle reali condizioni finanziarie delle società di Collecchio. S&P ribadisce infine che la formazione delle opinioni di credito richiede la piena e onesta collaborazione della società emittente e nel caso di Parmalat l'agenzia è stata «ripetutamente fuorviata dalla società e dai suoi advisor».

naslap
09-04-2006, 13:12
Genk non ti pare perlomeno strano che non abbiano trovato un legame, piccolo piccolo anche insignificante, con Berlusconi? Sti magistrati o non sanno fare il loro lavoro o sono fascisti e remano contro.

genk
09-04-2006, 14:46
Un invito di non kagare in tutti i miei commenti non sono una feccia... la tua rifessione si commenta da soli non ho nessuna empatia nei tuoi confronti.
La magistratura è libera non deve essere imbavagliata.
Evita di rispondere non risponderò alle tue provacazioni.

POCACICCIA
09-04-2006, 15:09
Citazione:Messaggio inserito da genk

Un invito di non kagare in tutti i miei commenti non sono una feccia... la tua rifessione si commenta da soli non ho nessuna empatia nei tuoi confronti.
La magistratura è libera non deve essere imbavagliata.
Evita di rispondere non risponderò alle tue provacazioni.



Dove hai imparato IL TALIANO ?
Scuola Antonino De Petrus !

genk
09-04-2006, 15:12
scusate ancuni errori di grammatica

naslap
09-04-2006, 20:39
Ti leggo solo ora e ti rispondo come meriti: evita di profondere materia fecale in tutti i tuoi commenti strampalati e a senso unico e vedrai che non perderò più un solo secondo del mio tempo a cercare di farti capire quanto sia insulsa la tua mania di cercare d'offrire una tua immagine d'uomo capace di una visione raffinata e superiore delle cose.

Empatia, usi il vocabolo in un contesto improprio, mi fai dubitare che tu ne conosca l'effettivo significato.
Io cerco d'avere comprensione empatica nei tuoi confronti ma il quadro che mi si manifesta è piuttosto scoraggiante.
Coraggio, prevenire non si può più ma curare si.

girocampa
10-04-2006, 10:00
BORSA: i temi del giorno

MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:

Asm Brescia: secondo la stampa sta esaminando il bando di gara per la gestione dei rifiuti in Campania.

Autogrill: Compass ha ceduto Ssp a Macquerie e la famiglia Wallenberg. La societa' italiana potrebbe candidarsi come partner dei nuovi proprietari.

B.Mps: si riunisce oggi la Fondazione per scegliere i 5 membri nel Cda della banca senese.

B.P.Sondrio: l'assemblea ha approvato i risultati dell'anno 2005, chiuso con una crescita dell'utile del 15,3% a 95,5 mln e un dividendo in salita a 0,19 euro contro i 0,17 euro del 2004.

B.P.Spoleto: punta ad aumentare la redditivita' in autonomia senza ricorrere a fusioni o aggregazioni.

Capitalia: Bollore' sarebbe pronto ad entrare con altri partner nel capitale della banca romana come sostegno alle strategie difensive del Cda.

Enel: il governo slovacco ha dato il via libera al decreto sul nucleare. Si tratta dell'ultimo passo necessario per permettere alla societa' italiana di chiudere l'acquisto di Slovenke Elektarne.

Fastweb: continua a puntare sulle tecnologie. Adesso il gruppo sta per lanciare i nuovi telefonini Uma che integrano rete fissa e rete mobile.

Fiat: l'a.d. si dice convinto che la quota di mercato in Europa abbia raggiunto l'8% nel 1* trimestre. Marchionne e' stato nominato presidente di Cnh e ha escluso il delisting della stessa controllata americana.

Immsi: la controllata Rodriquez ha ottenuto un contratto da 90 mln di dollari per la costruzione di cinque catamarani in Oman.

Mediobanca: si riunisce oggi il Cda per esaminare la situazione di Cesare Geronzi, presidente di Capitalia e vice-presidente di Piazzetta Cuccia.

Mediaset: ha smentito le indiscrezioni di stampa su un'operazione di fusione con Telecom I..

Pirelli & C.: ha incrementato la partecipazione in Telecom dallo 0,7% del capitale all'1,36%.

Sicc: punta sul mercato americano per aumentare il giro d'affari del 15% entro il 2008.

girocampa
10-04-2006, 10:05
italcementi :continua l'espansione verso INDIA e area MEDITERRANEA

MariaDehoz
10-04-2006, 13:46
Buon pomeriggio ^__^ …

Vediamo secondo un’ analisi di MEDIOBANCA & BANCA IMI le azioni che saliranno a seconda di chi vincerà le elezioni …

CENTROSINISTRA

AEM MILANO
AEM TORINO
HERA
SNAM
BANCA ITALEASE
MONTEPASCHI
TELECOM
UNIPOL

CENTRODESTRA

ENEL
ENI
MEDIOLANUM
FINMECCANICA
BANCA ITALEASE (l’unica a salire con entrambe)
IMPREGILO
BANCHE POPOLARI
MEDIASET

Dalla STAMPA di oggi [^]

girocampa
10-04-2006, 15:01
dal tg2:bufera di neve in GRAN BRETAGNA, interrotte linee elettriche e autostrade chiuse[:0][:0]

girocampa
10-04-2006, 17:53
Milano: 10/04/2006 - 09:01
BORSA: LA REAZIONE ALLA POSSIBILE VITTORIA DELLA SINISTRA



In questo inizio di anno le borse mondiali hanno sostanzialmente migliorato ma quella Italiana ha performato in modo deciso allungando il passo rispetto agli incrementi degli indici europei e americani.

Se consideriamo che l’Italia ha il rapporto debito/PIL peggiore di quello rilevato in tutte le nazioni della zona Euro e inoltre il trend di crescita è praticamente vicino allo zero, non si può proprio dire che la crescita sostanziosa dell’indice SP&MIB sia figlia di una situazione economica favorevole.

Il merge & acquisition che ha caratterizzato il trend di crescita oltremodo sostanziosa del nostro mercato in questi 3 anni e mezzo ha prodotto pochi risultati di rilievo e fra questi citiamo per esempio quello che ha visto la fusione di Unicredito con HBV mentre al contrario ha fatto emergere situazioni di difficoltà nel portare a termine in modo lecito e non (ad es. il caso RCS è sintomatico) i processi di acquisizione sulle principali società quotate.



Certi apprezzamenti incomprensibili oltre certi limiti di certi titoli, ad esempio citiamo Banca Italease su tutte ma anche Banca Apulia che guarda caso operano ambedue nel settore del credito al consumo, non sono logicamente giustificabili né con l’analisi fondamentale e neppure con le valutazioni macroeconomiche (effetto tassi). Anche l’ormai evidente vistoso calo della domanda nel settore degli immobili, e non solo in Italia, fa riflettere su come sia possibile che Società pure forti e solide come Pirelli RE possano arrivare a segnare prezzi al di là di ogni più rosea previsione quando solo un anno fa la loro quotazione era di circa il 50% inferiore. Erano sbagliati i prezzi allora (già in crescita del 100% rispetto a quelli dell’anno precedente) o sono assurdi quelli di oggi?

In ogni caso il mercato segna ciò che la domanda e l’offerta rappresentano in un momento e dunque oggi si deve dire che la domanda è (è stata?) forte e risoluta.



La scommessa su chi è il compratore principale, o meglio sul profilo del compratore di questi mesi, si fa strada da tempo il sospetto che siano i fondi USA ad avere condotto quest’ultimo rialzo e ciò dovuto al fatto che la posizione dell’Italia come alleato nell’ambito Europeo e come testa di ponte per il mercato medio orientale è strategico per gli USA. Se si considera inoltre che investire nel nostro mercato è veramente poco costoso rispetto ad esempio al finanziamento di un rialzo dei corsi in un mercato più forte come quello tedesco, possiamo capire che questo pensiero ha una sua base di logicità. È chiaro po che se il mercato Italiano sale anche gli altri europei salgono di converso. Tra l’altro questo non sarebbe un modello nuovo in quanto si è già verificato più volte nel passato tutte le volte che c’erano motivi per sostenere gli interessi d’oltre oceano nel vecchio continente. Dunque finanziare il rialzo dei corsi in Italia è un buon investimento rispetto ai possibili risultati.

Se così fosse perché i fondi americani, che con le loro agenzie di rating ogni giorno ci hanno indicato target price di questo o quel titolo, avrebbe mantenuto questa strategia fino ad ora?



Una spiegazione logica sarebbe quella che ora ci sono le elezioni politiche in Italia e la strategia di far crescere i corsi di mercato fino alla vigilia dell’evento potrebbe convincere la gente che le cose tutto sommato vanno bene e che ci si aspetta dunque ancora qualcosa di più. Tanto vale dunque confermare l’attuale governo che garantisce notoriamente una fedele alleanza con gli USA.

Se questa considerazione logica fosse giusta, nel momento in cui (martedì 11/04) si scoprisse che questi investimenti sono serviti a nulla se dovesse vincere la coalizione di sinistra, ecco che allora la strategia potrebbe ribaltarsi drammaticamente dando il via a vendite scriteriate portando il mercato in tempi rapidissimi ad accusare sostanziose perdite. Ciò perché l’eventuale ribasso del nostro mercato sarebbe anch’esso figlio di una guerra decretata dagli USA per screditare e punire il popolo italiano che ha dato la sua preferenza alla sinistra, noto nemico USA.



Ciò che sta scritto può sembrare un poco fantasioso e magari fantascientifico ma una quale radice di verità ce l’ha.

Vediamo cosa succederà martedì.

girocampa
10-04-2006, 18:07
Credito: Sempre Piu' 'Clienti' Al Banco Dei Pegni (2)
Di (Ror/Col/Adnkronos)

(Adnkronos) - Il fenomeno e' in aumento dal 2002 anche in altre citta' d'Italia. A Napoli, ad esempio, Capitalia stima, negli sportelli di sua competenza, che la crescita anno su anno superi il 10%. Un incremento di qualche punto riguarda anche Bari. Ma chi si rivolge al pegno oggi? ''I clienti appartengono alle categorie piu' disparate - spiega Ivano Caldera - dai pensionati e alle casalinghe ai piccoli commercianti e agli imprenditori, ne abbiamo un po' di tutti i tipi, e ultimamente si sono aggiunti anche molti extracomunitari''.

risparmiatori-investitori-pensionati: se ci toccano ancora il portafoglio pronti a scendere in piazza destra o sinistra che sia

girocampa
10-04-2006, 18:26
Imprese: Lazio, Accordo Tra Marrazzo e Premier Nuovo Galles Del Sud (2)
Di (Ala/Pe/Adnkronos)

(Adnkronos) - Il presidente della Regione ha ricordato l'importanza dei distretti della nautica, delle infrastrutture, delle bioscienze, dell'audiovisivo. ''Questo incontro va nella direzione della rilocalizzazione dell'innovazione e dell'industria nel Lazio - ha spiegato Marrazzo - Se riusciremo nell'operazione di aumentare il lavoro su brevetti figli delle nostre aziende di ricerca laziali, avremo vinto una partita importante''.

libellula
10-04-2006, 18:28
Ciao Giro..che bravo.....sei diventato...

the doctor
10-04-2006, 18:37
Citazione:Messaggio inserito da naslap

Ti leggo solo ora e ti rispondo come meriti: evita di profondere materia fecale in tutti i tuoi commenti strampalati e a senso unico e vedrai che non perderò più un solo secondo del mio tempo a cercare di farti capire quanto sia insulsa la tua mania di cercare d'offrire una tua immagine d'uomo capace di una visione raffinata e superiore delle cose.

Empatia, usi il vocabolo in un contesto improprio, mi fai dubitare che tu ne conosca l'effettivo significato.
Io cerco d'avere comprensione empatica nei tuoi confronti ma il quadro che mi si manifesta è piuttosto scoraggiante.
Coraggio, prevenire non si può più ma curare si.



Per Genk: Empatia,capacità particolarmente necessaria ai subacquei!!!
Consiste nel dono di potersi immedesimare nelle sensazioni del compagno d'immersione al fine di poter intervenire rapidamente e con successo in situazioni di pericolo o di panico.Lì sotto non si può parlare......o capisci e stai calmo....o è la fine!!!!!

Che ci azzecca nella logica del tuo discorso non lo so....nella psiche l'ho capito benissimo.Ma io sono un subacqueo!!!!!!

girocampa
10-04-2006, 18:43
libe sei un tesoro . spero che con qualche informazione sia riuscita a guadagnare[:X][:X][:X][:X]

girocampa
10-04-2006, 21:38
INDIA:FIERA DELL'ELETTRONICA FINISCE IN TRAGEDIA.OLTRE 100 I MORTI DALLE PRIME STIME MOLTI BAMBINI:(:(

girocampa
10-04-2006, 22:22
PUBBLICITÀ
I SERVIZI DEL SOLE 24ORE
PREMIUM 24: I nuovi servizi di approfondimento on line clicca qui
SMS: per ricevere gli sms del Sole 24 ORE sulla Borsa BORSA ON al 48224



B.Italease: +30% contratti di leasing avviati in I trimestre
Radiocor - Milano, 10 apr - Banca Italease comunica in una nota che nel corso del primo trimestre 2006 il volume dei contratti di leasing avviati sale a 1.752 milioni di euro, con una crescita del 30,5% sullo stesso periodo dell'anno precedente. Il volume del turnover factoring sale a 3.644 milioni di euro, in aumento del 38,2% rispetto al 31 marzo 2005.

ITALEASE+APULIA , UNA VERA GODURIA:):D[8D][:p][^]

girocampa
10-04-2006, 22:39
Trading a brevissimo: Lottomatica preme sull'acceleratore
Di Fta

Lottomatica (Milano: LTO.MI - notizie) sta mettendo a segno un consistente rialzo, movimento che nel breve proietta le quotazioni verso le resistenze di area 36.75 e successivamente verso i target a 37.50 euro. Validi segnali di debolezza nel breve sono ipotizzabili solo alla violazione di area 35.00 (target a 34.40).

girocampa
11-04-2006, 00:10
Home > Mondo > Notizia » le news di oggi

Usa: svelate difese aereo Bush
In Afghanistan documenti segreti venduti al bazaar
(ANSA) - WASHINGTON, 10 APR - Volete le misure di sicurezza dell'aereo di Bush? Non c'e' problema: sono in vendita su un sito dell'aviazione americana. L'America perde per strada i propri segreti e talvolta in modo clamoroso. Un giornalista del Los Angeles Times ha potuto acquistare in Afghanistan piccole memorie portatili provenienti da computer militari americani,con dentro documenti segreti, identita' dei soldati, memorandum con le strategie operative in un bazaar a pochi metri dalla base Usa di Bagram

[:0][:0][:0][:0]

girocampa
11-04-2006, 10:00
NOTIZIE FINANZIARIE



BORSA: i temi del giorno

MILANO (MF-DJ)--Questi i temi principali della seduta odierna:

Beghelli: il gruppo sarebbe pronto al lancio di un nuovo progetto per il risparmio energetico.

B.Mps: la Fondazione ha scelto Mussari come candidato per la presidenza della banca senese.

Dada: Rcs e' salita al 43% del capitale incrementando di conseguenza la quota di controllo del patto di sindacato, passata ora al 57,6% del capitale dal 56,7%.

Ducati M.H.: l'assemblea ha nominato il nuovo Cda con Federico Minoli confermato al vertice e l'ingresso di Pasquale Bonomi.

Enel: entro 12 mesi dalla chiusura dell'acquisto di SE, attesa per fine aprile, il gruppo guidato da Fulvio Conti dovra' presentare il progetto di una nuova centrale elettrica da 880 Mw.

Fiat: nel 1* trimestre la filiale tedesca del Lingotto ha registrato un aumento delle consegne del 35%.

Finmeccanica: proseguono a ritmo serrato le trattative con Alcatel e Thales per un'intesa nel business dei satelliti e dell'elettronica della difesa.

Fullsix: Blugroup ha concesso un finanziamento da 3 mln di euro.

Immsi: entro giugno esercitera' l'opzione call sul 7,8% del capitale della controllata Piaggio.

Gemina: si riuniscono domani il patto ed il Cda per le nomine della controllata Adr.

Generali Ass.: la famiglia Ligresti vorrebbe un posto nel Cda della compagnia. fus

buona giornata a tutti:)

girocampa
11-04-2006, 10:49
Olimpia: Hopa pone condizioni a Pirelli per divorzio (Messaggero)

ROMA (MF-DJ)--Pirelli ha 15 giorni di tempo in piu' rispetto all'8 maggio per presentare a Hopa il conto della sua buonuscita da Olimpia, di cui detiene il 16%.

La finanziaria bresciana, scrive il Messaggero, pone due condizioni: che la definizione degli accordi con la cassaforte preceda e non segua quelli con Holinvest; che il prezzo di mercato delle azioni Telecom Italia sia calcolato sulla media dell'ultimo periodo, piu' il premio finanziario di 208 mln risalente ai tempi di Olivetti, maggiorato ancora - questa la novita' dell'ultima ora - di un ulteriore premio di maggioranza, detratti 520 mln della quota parte di debiti.

Questo premio di maggioranza sarebbe dovuto perche' la quota di Hopa influisce sulla governance di Telecom. Ieri a Milano c'e' stato un vertice dei soci forti di Hopa, in preparazione del Cda di venerdi' che dovra' mettere a punto la linea del negoziato con Pirelli. red/ren

girocampa
11-04-2006, 11:04
Home > Mondo > Notizia » le news di oggi

Cina: visita presidente Hu in Usa
Si svolgera' dal 18 al 21 aprile (ANSA) - PECHINO, 11 APR - Il presidente cinese Hu Jintao visitera' gli Stati Uniti dal 18 al 21 aprile prossimi. Lo ha detto il portavoce del ministero degli esteri cinese senza precisare quando Hu incontrera' il presidente Bush. Secondo fonti Usa, l'incontro avvera' il 19 aprile alla Casa Bianca. La visita di Hu negli Usa, la sua prima da presidente e leader del Partito Comunista Cinese, prevista per lo scorso settembre, fu rinviata a causa del ciclone Katrina.

girocampa
11-04-2006, 17:25
Home > Economia > Notizia » le news di oggi

Benzina, rialza anche Agip
La verde sale a 1,329 euro, il gasolio a 1,193 (ANSA) - ROMA, 11 apr - Nuovi rialzi per la benzina del marchio Agip. A partire da oggi, il prezzo della verde aumenta di 3 centesimi al litro. E quello del gasolio di 1 centesimo al litro.I prezzi consigliati di riferimento in vigore sulla rete di distribuzione del marchio, comunica l'Eni in una nota, arrivano cosi' a 1,329 per la benzina e a 1,193 per il diesel.

[V][V][V]

girocampa
11-04-2006, 17:33
Svizzera: annega bimba di tre anni
Forti precipitazioni negli ultimi giorni

girocampa
12-04-2006, 10:58
datalogic +159% ricavi 1° trimestre:)

girocampa
12-04-2006, 12:04
erg + 30£ o se preferite 0'016 neuros benzina e gasolio

girocampa
12-04-2006, 12:14
ho sbagliato: solo 0,006 neuros il gasolio o 12 £ se preferite

girocampa
12-04-2006, 12:48
Quotazioni

MIB 30 Migliori & Peggiori

Elezioni: un direttorio per Governo Prodi (Repubblica)
ROMA (MF-DJ)--Un direttorio di Governo che veda accanto a Romano Prodianche i segretari dei Ds, Piero Fassino, e della Margherita, FrancescoRutelli. Ad avanzare la proposta, secondo quanto scrive 'Repubblica' e'l'esponente della Margherita, Franco Marini, cui andrebbe la presidenzadel Senato; in subordine circola il nome del presidente dell'Udeur,Clemente Mastella. Per la presidenza della Camera, invece, i nomi piu'gettonati sono quello del presidente dei Ds, Massimo D'Alema e delsegretario del Prc, Fausto Bertinotti. Per quanto riguarda i ministeri dell'Economia e degli Esteri, sul primosi affaccia l'ipotesi dell'ex Bce (BCE.TO - notizie) , Tommaso Padoa Schioppa, ma non e'escluso che a ricoprire l'incarico sia Piero Fassino; per il secondo si fail nome di Francesco Rutelli. Le ipotesi per il Quirinale, restano laconferma di Carlo Azeglio Ciampi o, in alternativa, la nomina di GiulianoAmato.red/gug

girocampa
12-04-2006, 12:55
vediamo se si ricordano di essere nel 2006 e non nel 1945 .

MariaDehoz
12-04-2006, 12:56
Sempre più bravo ed informato, Giro ^__^ !

girocampa
12-04-2006, 14:10
speriamo che le informazioni ci facciano fare le scelte giuste.

girocampa
12-04-2006, 14:46
Suez-Gdf: a giugno progetto legge 'privatizzazione' di Gaz de France


Radiocor - Parigi, 12 apr - Un progetto di legge che
permette la "privatizzazione" di Gaz de France, in
preparazione al ministero dell'Economia, dovra' essere
presentato in giugno al Parlamento francese, al fine di
permettere la fusione Gdf-Suez. Il progetto di fusione
prevede che la quota dello Stato francese in Gdf scenda dal
70% al 34%. "Siamo stati ricevuti ieri sera al ministero
dell'Economia dal capo di gabinetto di Thierry Breton - ha
riferito all'agenzia France Presse il segretario federale
della Federation Nationale Energie-Mines Force Ouvriere,
Philippe Ouvriere, - che ci ha riferito che un progetto di
legge era previsto per giugno. Per permettere la fusione
Gdf-Suez, lo Stato sara' autorizzato a divenire minoranza in
Gaz de France, sara' una legge di privatizzazione".

girocampa
12-04-2006, 14:53
PUBBLICITÀ
I SERVIZI DEL SOLE 24ORE
PREMIUM 24: I nuovi servizi di approfondimento on line clicca qui
SMS: per ricevere gli sms del Sole 24 ORE sulla Borsa BORSA ON al 48224



Eni: Autorita' Energia,irregolarita' assegnazioni capacita' gasdotto Tag
Radiocor - Roma, 12 apr - L'Autorita' per l'Energia e l'Autorita' austriaca E-Control, hanno 'segnalato congiuntamente' a Trans Austria Gasleitungs Gmbh, controllata dall'Eni,(Il gasdotto Tag trasporta gas dalla Russia attraverso l'Austria fino a Italia e Slovenia) 'alcune criticita' e difformita', rispetto alle regole comunitarie', per le modalita' con cui Tag ha assegnato una nuova capacita' di trasporto da 3,2 miliardi di metri cubi l'anno, disponibile per importazioni da ottobre 2008. Secondo le due Autorita', le assegnazioni decise da Tag 'secondo propri criteri e tariffe, che non tengono conto ne' degli indirizzi formulati dalle due Autorita', italiana ed austriaca, ne' dalla direttiva europea, hanno determinato una notevole frammentazione della capacita' di trasporto addizionale'. Potranno 'indurre probabili comportamenti di tipo opportunistico e speculativo da parte degli assegnatari, finalizzati solo ad una commercializzazione dei diritti di transito ottenuti' e 'frustrare la capacita' competitiva degli stessi assegnatari, nelle negoziazioni per gli approvvigionamenti di importazione e nella vendita sul mercato italiano'.

girocampa
12-04-2006, 15:09
Cina: Dalla Fiat Arrivano Mille Motori Per Bus A Gas
(AGI) - Torino, 12 apr. - La Fiat fornira' mille motori per autobus a gas alla Cina. Il contratto, firmato tra la divisione del Lingotto Powertrain Technologies e l'azienda di trasporti pubblici di Pechino, prevede l'inserimento dei motori in vetture fabbricate in Cina nei prossimi mesi. Non e' stato reso noto il valore della fornitura. -

se non vogliono morire asfissiati:):D[8D]

girocampa
12-04-2006, 15:13
Banca Italease: guarda a Fidis e a gara per tedesca Kgal
Radiocor - Milano, 12 apr - 'Entro l'anno vogliamo portare a casa un'acquisizione importante, forse prima. Il piano industriale e' fatto sulle nostre gambe, chiederemo un aumento di capitale se realizzeremo un'acquisizione importante'. E' quanto ha detto l'a.d. di Banca Italease, Massimo Faenza, a margine dell'assemblea di soci che ha approvato il bilancio 2005. 'Stiamo vedendo la Fidis, ma ci puo' essere un'operazione simile in Germania' ha detto ricordando che a maggio-giugno in Germania partira' la gara sulla prima societa' di leasing tedesca, la Kgal che appartiene ai principali gruppi bancari tedeschi: 'L'andiamo a vedere, siamo specialisti e ci guardano con occhio particolare'. Italease guarda anche all'Est Europa: 'Ci interessa molto la Polonia, la Croazia per seguire il nostro primo azionista Popolare Verona, la Serbia e la Repubblica Ceca'. Italease 'sta lavorando anche su altre realta' bancarie che hanno una rete captive'. No comment sulle indiscrezione tra una possibile fusione tra Italease e Meliorbanca. Nessun contatto per Mediofactoring di Banca Intesa.

girocampa
12-04-2006, 15:21
Tessili: Firmato Contratto, 75 Euro L'Aumento
(AGI) - Milano, 11 apr. - E' stato raggiunto l'accordo per il rinnovo della parte economica del contratto nazionale di lavoro del tessile abbigliamento, che interessa circa 650.000 addetti. La delegazione della Federazione SMI-ATI, guidata da Franco Bologna, e i sindacati Femca CISL, Filtea CGIL e Uilta UIL si sono accordati su un aumento medio pari a 75 Euro, ripartito in tre rate da corrispondere con le retribuzioni dei mesi di aprile 2006, febbraio 2007 e gennaio 2008. Condizioni di miglior favore sono confermate per le aziende terziste del Mezzogiorno. L'aumento retributivo copre il biennio 2006 - 2007 ed il primo trimestre del 2008 e non e' stata prevista alcuna somma a titolo di "una tantum". L'ipotesi di accordo siglata prevede anche l'entrata in vigore della disciplina contrattuale dell'apprendistato per quelle aziende che operano in Regioni che non hanno ancora regolamentato la materia. Inoltre, le parti hanno sottoscritto un protocollo di intesa che prevede l'impegno a effettuare gia' dal prossimo mese di maggio incontri a carattere negoziale per intervenire su alcuni istituti contrattuali al fine di favorire il recupero della competitivita' da parte aziende del settore. La trattativa ha avuto inizio lo scorso mese di dicembre e, pur essendo stata caratterizzata da alcuni momenti di particolare tensione, ha sostanzialmente potuto svolgersi secondo un patrimonio di solide relazioni industriali, che e' un aspetto peculiare del sistema tessile moda italiano. Franco Bologna, Consigliere incaricato per le Relazioni Industriali, che ha guidato la trattativa, ha definito l'intesa "una sfida per il futuro perche' soltanto una forte collaborazione all'interno delle imprese permettera' di sostenere i nuovi oneri che graveranno sulle aziende in un momento reso piu' difficile da una situazione internazionale non favorevole".

girocampa
12-04-2006, 16:10
gtech(lottomatica) aumenta a 211 usd l'utile .bona questa

girocampa
12-04-2006, 17:07
u.p:+5,2 consumi petrolio a marzo[:0][:0][:0]

girocampa
12-04-2006, 17:12
ROMA (Reuters) - Il futuro governo di centrosinistra interverrà in tempi rapidi sul cuneo fiscale perché è il segnale atteso dai mercati, secondo il candidato premier, Romano Prodi.

"E' un impegno che abbiamo preso, lo faremo molto rapidamente perché è il messaggio che i mercati si aspettano", ha detto Prodi parlando alla stampa estera.

Molto rapidamente quanto?: "Ho detto entro il primo anno e voglio stare ampiamente entro questo termine", ha aggiunto Prodi.

gia' cominciano le regalie a fiat& company

girocampa
12-04-2006, 22:53
NEWS

16-19 MAGGIO - AMBURGO: WINDENERGY 2006
- Amburgo (Germania): WindEnergy 2006, Salone Internazionale dell'Energia Eolica


www.solarexpo.it :):D[8D][:p][^][^]

girocampa
12-04-2006, 23:00
EOLICO

ECO-ENERGIA: IL DESIGN URBANO SI OCCUPA DI EOLICO
(ANSA) - ROMA, 10 apr - La novita' giunge da un innovativa azienda ingegneristica inglese la XCO2, che fa consulenza per ottenere energia contenendo le emissioni di CO2. La societa' ha brevettato Quiterevolution, la turbina eolica da citta': elegante, funzionale, non inquinante. Non assomiglia a quelle classiche che si vedono nelle campagne europee. Questo modello e' costituito, infatti, da un elegante turbina di cinque metri di altezza per un diametro di tre, a forma di spirale che elimina rumori e vibrazioni e puo' essere posizionata anche vicino agli edifici sia urbani che rurali. Considerando un sito di media ventosita', Quiterevolution puo' produrre circa 10 mila kwh l anno e il movimento di due turbine garantisce il 10% del fabbisogno energetico di uno stabile di 1.200 metri quadrati. Inoltre posizionando LED luminosi sulle pale, la rotazione crea anche singolari effetti luminosi. Anche le citta' potranno cosi' combattere le emissioni inquinanti.


[^][^][^][^]

girocampa
12-04-2006, 23:06
fuga di materiale radioattivo da una centrale nucleare giapponese .non ci sono feriti

girocampa
12-04-2006, 23:09
EOLICO

ECO-ENERGIA: EWEA, BENE UE CONTRO INDAMPIENZE SU RINNOVABILI
(ANSA) - BRUXELLES, 5 APR - Pieno sostegno dell'industria dell'energia eolica, rappresentata a livello europeo dall'Ewea, alle azioni intraprese dalla Commissione europea per bacchettare gli stati membri che non rispettano la normativa comunitaria relativa all'apertura dei mercati del gas e dell'elettricita' e alla promozione delle energie rinnovabili. Una reale competitivita' sul mercato dell'energia convenzionale viene considerata una ''precondizione per creare una situazione che non dia vantaggi particolari a nessuna delle parti in causa e per dare vita ad un eventuale mercato per l' elettricita' rinnovabile senza distorsioni e ben funzionante''. ''Le pratiche di mercato sleali e discriminatorie, che con le procedure di infrazione la Commissione europea intende combattere - afferma l'Ewea - sono alla base delle difficolta' che incontrano l'energia eolica e le altre energie rinnovabili ad entrare nei mercati energetici europei''. (ANSA).

girocampa
12-04-2006, 23:16
Exxon: Maxi-Stipendio Per a.d., Nel 2005 Intasca 13 Mln

(ANSA) - ROMA, 12 apr - Il caro-petrolio spinge gli utili dei colossi energetici e riempie anche le tasche dei manager: Exxon Mobil, in seguito agli utili record del 2005, ha aumentato del 33% i compensi del suo amministratore delegato Rex Tillerson, portandoli a 13 milioni di dollari.
Nel dettaglio, il salario base di Tillerson è aumentato del 22%, a 1,17 milioni di dollari, i bonus sono saliti del 25%, a 1,25 milioni di dollari, le azioni privilegiate a lui assegnate sono balzate del 30%, per un ammontare di 8,75 milioni di dollari e altri compensi, tra cui l'utilizzo del jet del gruppo, hanno totalizzato 1,87 milioni di dollari.
Il 2005 è stato un anno d'oro per il gigante petrolifero che ha riportato un aumento degli utili annui del 43%, a 36,1 miliardi di dollari, mettendo a segno il risultato più brillante tra le maggiori compagnie petrolifere mondiali.




ORA CAPISCO PERCHE' LE ALTERNATIVE TROVANO SEMPRE QUALCHE INTOPPO

girocampa
12-04-2006, 23:21
ENI ED ENEL I MAGGIORI CONTRIBUENTI DEL WWF . BISOGNA PUR TENERSELI BUONI STI AMBIENTALISTI

girocampa
12-04-2006, 23:28
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

ENI ED ENEL I MAGGIORI CONTRIBUENTI DEL WWF . BISOGNA PUR TENERSELI BUONI STI AMBIENTALISTI CIALTRONI

girocampa
12-04-2006, 23:33
Home > Mondo > Notizia » le news di oggi

Cina: contadini attaccano fabbriche
Armati di bastoni hanno preso d'assalto tre impianti
(ANSA) - PECHINO, 12 APR - Centinaia di contadini hanno attaccato tre fabbriche inquinanti nel sud della Cina. Secondo la stampa di Hong Kong centinaia di uomini armati di bastoni hanno preso d'assalto le fabbriche nei pressi di Quanzhou nel distretto di Quangang. Una delle fabbriche, che produce oggetti di plastica, appartiene ad un'impresa sudcoreana. Le altre fabbriche prese d' assalto producono oggetti in pelle

girocampa
12-04-2006, 23:39
ECO-ENERGIA:VERSO ACCORDO PER INTEGRAZIONE EOLICO IN RETE UE
(ANSA) - BRUXELLES, 4 APR - L'integrazione su larga scala nel sistema europeo di distribuzione dell'energia elettrica e' uno dei principali ostacoli che dovra' superare il settore dell' energia eolica per poter esprimere tutto il suo potenziale. Focalizzata proprio a questo tema si terra' il prossimo sette e otto novembre una conferenza organizzata dall'Ewea (European Wind Energy Association), la Commissione europea e l'Etso (European Trasmission Systems Operators). Il tema non e' nuovo per gli operatori del settore. Gia' dal 2005 la Direzione competente della Commissione europea, DG TREN, ha iniziato a parlare con gli attori piu' importanti del settore per discutere sull'integrazione nelle infrastrutture europee dell'energia eolica. Nel giugno 2005 si e' tenuto un primo incontro informale tra la Commissione, l'Ewea, l'Etso, la Danimarca e l'Olanda. In una riunione successiva il dibattito e' stato esteso anche alla Gran Bretagna. L'obiettivo finale, a cui la conferenza dara' un buon contributo, e' di identificare i punti chiave del problema e di raggiungere un accordo tra i tre principali attori: chi ha in mano il potere decisionale, le compagnie che assicurano la trasmissione dell'energia elettrica e l'industria dell'energia eolica. I lavori saranno anche l'occasione per la presentazione dei risultati preliminari dello studio sull'integrazione dell' energia eolica presentati dall'Etso. Si tratta di una primizia che mettera' a disposizione degli esperti il risultato del lavoro condotto per la prima volta in Europa tra tutte le associazioni regionali Etso. L'Energia eolica attualmente non copre che il 3% della domanda energetica europea, ma sara' in grado di fornire il 12% entro il 2020 e piu' del 20% entro il 2030, si legge in una nota dell' Ewea.

girocampa
12-04-2006, 23:52
:):D[8D][:p][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^][^]



Si tratta di una crescita di interesse che già durante la scorsa edizione di Solarexpo aveva dato i suoi risultati: superficie espositiva e pubblico praticamente raddoppiati, sale convegni affollate.



A poco più di 2 mesi dall’apertura delle iscrizioni, Solarexpo 2006 vede confermata la presenza di grandi marchi nazionali e internazionali quali Sharp, Schüco, Sanyo, Mitsubishi, Isofoton, BP Solar, Lamborghini… ed è proprio sulla scia di un tale coinvolgimento che la manifestazione si conferma ancora come l’evento specializzato di riferimento sui temi del solare termico e fotovoltaico, sull’energia eolica, mini-idroelettrica e geotermica, su biomasse, biocarburanti e biogas.



Ma non solo. Solarexpo 2006 punta i riflettori su green building ed efficienza energetica degli edifici, intesa quest’ultima sia a livello di involucro edilizio che di impiantistica. L’obiettivo è di promuovere un concetto di casa ecocompatibile, rispettosa dell’ ambiente e realizzata secondo le più innovative tecniche integrate di progettazione.

Un concetto di casa che, al lato pratico, non è poi così avveniristica, ma può essere oggettivamente alla portata di tutti. Spazio quindi a edifici solari passivi e a basso consumo, prodotti e componenti per bioedilizia, sistemi di climatizzazione ad alta efficienza, impianti per il riciclo dell’acqua piovana.

E ancora, a sistemi per illuminazione naturale, caldaie a condensazione, tetti verdi, prodotti per coibentazione termica e acustica. Insomma, una vetrina sulle tecnologie più innovative e sulle strategie di risparmio energetico. Un tema caro a tutti visti i recenti annunci di futuri aumenti delle tariffe energetiche.



Altro punto di forza dell’evento sarà, come di consueto, il programma convegnistico che anche per la prossima edizione non trascurerà di affrontare i punti più salienti in tema di energie rinnovabili e tecnologie energetiche avanzate, sempre alla luce delle recenti novità in ambito normativo.

L’appuntamento con Solarexpo è alla Fiera di Vicenza dal 27 al 29 aprile 2006


CHISSA' PERCHE NON CI SONO ENI ED ENEL GLI AMICI DI PRODI, MA SE NO CHI GLI PAGA LO STIPENDIO

girocampa
12-04-2006, 23:58
India: sciopero fame per Bhopal
35 giorni di marcia con 500 persone, ma istituzioni sorde
(ANSA) - NEW DELHI ,11 APR - Sciopero della fame a Delhi tra i manifestanti di Bhopal, la citta' indiana famosa per migliaia di morti di una fabbrica di pesticidi. Per avere giustizia per le 15.000 persone (arrivate a 33.000 negli anni successivi) uccise dallo scoppio della fabbrica nel 1984, 75 donne hanno marciato sulla capitale indiana con 500 persone. Ora, dopo 35 giorni di strada e 15 di attesa davanti ai palazzi governativi sordi ai risarcimenti dovuti, i manifestanti hanno iniziato lo sciopero della fame

girocampa
13-04-2006, 00:00
ENERGIA: JOINTVENTURE ITALIA-INDONESIA,LUCE DA CORRENTI MARE
(ANSA) - ROMA, 31 mar - Dalle lampade ad olio alla luce elettrica grazie all'energia naturale delle correnti marine. Il passaggio sara' possibile in Indonesia e a renderlo fattibile sara' una societa' italiana, La Ponte di Archimede che ha stretto una joint venture con l'indonesiana Walinusa Energi. A produrre energia sara' una apposita turbina ad asse verticale, gia' brevettata e testata a Messina, citta' di provenienza della Ponte di Archimede. Il progetto, promosso e dall'Unido (United Nations Industrial Development Organization) e presentato oggi a Roma, prevede la nascita di una nuova societa' italo-indonesiana, il cui capitale sara' per il 51% della PdA e per il restante 49% della Walinusa. La compagnia nata dalla joint-venture procedera' alla costruzione del prototipo di turbina 'Kobold', cofinanziato dall'Unido e dal ministero degli Esteri italiano. Al resto, ha spiegato Elio Matacena, presidente della PdA, penseranno le correnti del Pacifico, la cui velocita', ben superiore rispetto a quella del mar Mediterraneo, aumentera' la capacita' produttiva della turbina (a Messina la velocita' delle correnti e' pari a due metri al secondo, in Indonesia a quattro metri al secondo, con un effetto esponenziale sulla resa energetica). Con migliaia di isole abitate il paese asiatico e' il sito ideale per la sperimentazione e diffusione del nuovo sistema pulito e rinnovabile. Attualmente, ha sottolineato Emil Abeng, presidente della Walinusa Energi, ''il 90% della popolazione delle circa 5mila piccole isole facenti parte della Repubblica indonesiana non e' connesso alla rete di distribuzione di energia nazionale e la gente usa ancor oggi le candele e l'olio combustibile per illuminare le proprie case''. Il primo sito dove verra' installato l'impianto-pilota e' l'isola di Selayar, 700mila abitanti, gia' dotata di una propria centrale elettrica tradizionale, che pero' soddisfa le esigenze solo del 25% della popolazione. (ANSA). OM

girocampa
13-04-2006, 00:13
Benzina: Consumatori, Per Cittadini +96 Euro Anno Di Spese

(ANSA) - ROMA, 12 apr - Per contrastare le "fortissime tensioni sul prezzo del petrolio", che hanno portato a 1,32 euro un litro di benzina "con una ricaduta di 96 euro all'anno di maggiori spese", servono "misure di abbattimento del prezzo dei carburanti a partire da meccanismi di calmieramento della parte fiscale del prezzo".
A dirlo è Federconsumatori, che in una nota chiede "un serio piano energetico basato sui risparmi, sulle fonti alternative e sulla differenziazione dell'approvvigionamento del gas naturale".
Federconsumatori punta l'indice contro l'aumento del gettito fiscale derivante dalle tasse sui carburanti, "con l'aumento dell'accisa e dell'iva di 6-7 centesimi a litro di carburante con un incremento della parte fiscale di 1,5 miliardi di euro all'anno".
Le misure suggerite, invece, per un automobilista che fa due pieni di 50 litri ciascuno, produrrebbero secondo l'associazione dei consumatori un risparmio totale di 216 euro l'anno.(ANSA).


CI DEBBONO PAGARE I FROCCETTI CHE SONO ANDATI IN PARLAMENTO

girocampa
13-04-2006, 00:22
Home > Mondo > Notizia » le news di oggi

Maltempo: Bulgaria, allerta Danubio
In Germania la piena dei fiumi sta calando lentamente
(ANSA) - SOFIA, 11 APR - Le acque del Danubio, nel tratto che segna il confine della Bulgaria con la Romania, hanno raggiunto ormai i livelli di guardia. La situazione critica e' dovuta ai fiumi in piena che affluiscono nel Danubio nel suo tratto serbo: oggi il livello e' salito di altri 10 cm, arrivando a 890 cm presso la citta' di Vidin. Al livello critico di 930 cm scattera' il piano di evacuazione dei quartieri lungo il fiume. In Germania intanto cala lentamente la piena dei fiumi.


MA NE AVETE SENTITO PARLARE NEI TG????

girocampa
13-04-2006, 00:34
CO-ENERGIA: A CAMERINO L'ENEL PER L'IDROELETTRICO
(ANSA) - ROMA, 10 mar - L'idroelettrico e il rapporto con il territorio protagonista a Camerino con l'Enel il 13 marzo prossimo. In primo piano l'esercizio e la gestione degli impianti del territorio marchigiano e, in particolare, di quelli del maceratese, oggetto di osservazione e modello di studio da parte dei 'dottori' che stanno partecipando al corso di laurea magistrale ''Acqua: Risorsa e Rischi'' attivato dall'Universita' di Camerino nell'anno accademico in corso. Per l'Enel partecipa Luciano Chiti, Responsabile dell'Unita' di Business Idroelettrica Enel per Marche-Abruzzo-Lazio e Umbria. Prevista la partecipazione al dibattito di vari enti, istituzioni e contributi delle aziende partner del Corso di laurea magistrale, Enel e Snamprogetti, per illustrare le ragioni della loro partecipazione a questa importante iniziativa formativa e culturale. L'incontro e' stato fissato per lunedi' 13 marzo alle 9.30 al all'Universita' di Camerino-Corso di laurea in Rischi e Risorse Geoambientali, diretto dal prof. Gilberto Pambianchi, nell' ambito della Settimana della Cultura Scientifica che inizia proprio il 13 per concludersi il 19 marzo prossimo. A livello nazionale i numeri dell'idroelettrico coprono una fetta importante per la produzione di energia da fonti alternative ai combustibili fossili. In particolare, secondo gli ultimi dati contenuti in un rapporto Enea, oltre il 75% della produzione da rinnovabili proviene dall'idroelettrico; geotermia e biomasse (inclusi i rifiuti) contribuiscono per circa il 10%, l'eolico per il 3% e il fotovoltaico per lo 0,05%


CIALTRONI C'ERANO 15000 MULINI AD ACQUQA IN VENETO MOLTI DEI QUALI PRODUCEVANO ENERGIA. HANNO MESSO UNA TASSA SULL'ACQUA PER POI COSTRUIRE LE MEGACENTRALI GLI AMICI DI PROD INATURALMENTE

girocampa
13-04-2006, 00:48
ENERGIA PULITA: LA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO PARTE DA SOLAREXPO


ENERGIA PULITA: LA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO PARTE DA SOLAREXPO
Tecnologia, sviluppo, innovazione: questi gli argomenti chiave della programmazione convegnistica di Solarexpo 2006

Feltre, 30 marzo 2006 – Tutto esaurito a Solarexpo 2006. La settima edizione dell’evento vede un aumento record di superfici espositive (di oltre il 50%) e di espositori (oltre il 40% in più rispetto al 2005) provenienti da 18 paesi europei ed extraeuropei.
Un segnale positivo, sintomo di un desiderio sempre più crescente di aziende e privati di investire in forme di energia alternativa, ormai viste come unica soluzione ad aumento del costo del petrolio, crisi del gas, emergenze energetiche.
L’ultimo rapporto dell’Enea (“Le fonti rinnovabili 2005 – Lo sviluppo delle rinnovabili in Italia tra necessità e opportunità”) ha sottolineato come in Italia l’utilizzo delle fonti rinnovabili sia ancora piuttosto limitato e come sia sempre più indispensabile investire su ricerca, tecnologia e innovazione. E’ proprio in risposta a queste urgenze che Solarexpo propone la migliore rassegna tecnologica in Italia sulle energie rinnovabili. Una vetrina che spazia dal solare termico al fotovoltaico, dalle caldaie ad alta efficienza agli ecomateriali, dall’energia idroelettrica e geotermica all’architettura sostenibile.
Oltre alla ricca sezione espositiva, che vede la presenza dei migliori marchi nazionali e internazionali del settore, Solarexpo offre un programma convegnistico di assoluto prestigio, da sempre punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti. Il calendario si aprirà giovedì 27 aprile con il tanto atteso convegno internazionale dedicato al fotovoltaico e con un incontro, nel pomeriggio, che affronterà il tema del potenziale eolico nell’Italia centrale e settentrionale. Sempre nel pomeriggio si terrà il workshop, organizzato dall’Università di Padova e dal Centro Produttività Veneto, sulle prospettive delle tecnologie elettriche per lo sfruttamento innovativo delle fonti di energia. Venerdì 28 aprile si proseguirà con il convegno nazionale dedicato al solare termico applicato all’edilizia e con l’appuntamento, organizzato da Kyoto Club, sulle esperienze degli Enti locali proprio in relazione agli obiettivi previsti dal Protocollo di Kyoto.
Il programma si chiuderà sabato 29 aprile con il consueto appuntamento dedicato al green building e all’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici, e con un approfondimento, organizzato da Federpern, sulle prospettive di sviluppo dell’energia mini-idroelettrica in Italia.
Sono infine ancora aperte le iscrizioni ai quattro corsi di formazione dedicati a impianti solari termici di grandi dimensioni, solar cooling, Esco, impianti fotovoltaici e progettazione tecnico - architettonica, efficienza energetica degli edifici.

Solarexpo si terrà dal 27 al 29 aprile prossimi presso la Fiera di Vicenza.
Pre-registrazioni su www.solarexpo.com (consigliata per ridurre i tempi di accesso in fiera)
Per informazioni: Expoenergie srl – 0439/849855 – [email protected] – www.solarexpo.com


CON I SOLDI SPESI PER LE CENTRALI NUCLEARI, INVESTITI IN ENERGIE ALTERNATIVE SAREMMO GIA' AUTOSUFFICIENTI

girocampa
13-04-2006, 00:53
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

ENERGIA PULITA: LA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO PARTE DA SOLAREXPO


ENERGIA PULITA: LA SFIDA DEL TERZO MILLENNIO PARTE DA SOLAREXPO
Tecnologia, sviluppo, innovazione: questi gli argomenti chiave della programmazione convegnistica di Solarexpo 2006

Feltre, 30 marzo 2006 – Tutto esaurito a Solarexpo 2006. La settima edizione dell’evento vede un aumento record di superfici espositive (di oltre il 50%) e di espositori (oltre il 40% in più rispetto al 2005) provenienti da 18 paesi europei ed extraeuropei.
Un segnale positivo, sintomo di un desiderio sempre più crescente di aziende e privati di investire in forme di energia alternativa, ormai viste come unica soluzione ad aumento del costo del petrolio, crisi del gas, emergenze energetiche.
L’ultimo rapporto dell’Enea (“Le fonti rinnovabili 2005 – Lo sviluppo delle rinnovabili in Italia tra necessità e opportunità”) ha sottolineato come in Italia l’utilizzo delle fonti rinnovabili sia ancora piuttosto limitato e come sia sempre più indispensabile investire su ricerca, tecnologia e innovazione. E’ proprio in risposta a queste urgenze che Solarexpo propone la migliore rassegna tecnologica in Italia sulle energie rinnovabili. Una vetrina che spazia dal solare termico al fotovoltaico, dalle caldaie ad alta efficienza agli ecomateriali, dall’energia idroelettrica e geotermica all’architettura sostenibile.
Oltre alla ricca sezione espositiva, che vede la presenza dei migliori marchi nazionali e internazionali del settore, Solarexpo offre un programma convegnistico di assoluto prestigio, da sempre punto di riferimento per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti. Il calendario si aprirà giovedì 27 aprile con il tanto atteso convegno internazionale dedicato al fotovoltaico e con un incontro, nel pomeriggio, che affronterà il tema del potenziale eolico nell’Italia centrale e settentrionale. Sempre nel pomeriggio si terrà il workshop, organizzato dall’Università di Padova e dal Centro Produttività Veneto, sulle prospettive delle tecnologie elettriche per lo sfruttamento innovativo delle fonti di energia. Venerdì 28 aprile si proseguirà con il convegno nazionale dedicato al solare termico applicato all’edilizia e con l’appuntamento, organizzato da Kyoto Club, sulle esperienze degli Enti locali proprio in relazione agli obiettivi previsti dal Protocollo di Kyoto.
Il programma si chiuderà sabato 29 aprile con il consueto appuntamento dedicato al green building e all’integrazione delle fonti rinnovabili negli edifici, e con un approfondimento, organizzato da Federpern, sulle prospettive di sviluppo dell’energia mini-idroelettrica in Italia.
Sono infine ancora aperte le iscrizioni ai quattro corsi di formazione dedicati a impianti solari termici di grandi dimensioni, solar cooling, Esco, impianti fotovoltaici e progettazione tecnico - architettonica, efficienza energetica degli edifici.

Solarexpo si terrà dal 27 al 29 aprile prossimi presso la Fiera di Vicenza.
Pre-registrazioni su www.solarexpo.com (consigliata per ridurre i tempi di accesso in fiera)
Per informazioni: Expoenergie srl – 0439/849855 – [email protected] – www.solarexpo.com


CON I SOLDI SPESI PER LE CENTRALI NUCLEARI, INVESTITI IN ENERGIE ALTERNATIVE ,30 ANNI FA, SAREMMO GIA' AUTOSUFFICIENTI
E OGGI SPENDEREMMO MOLTO MENO

girocampa
13-04-2006, 01:30
Veneto: Per Cantieri Passante a Rischio Chiusura Fabbrica Belfast
Di (Paj/Ct/Adnkronos)

Treviso, 12 apr. (Adnkronos) - Il cantiere di Bonisiolo del Passante, sito a Mogliano Veneto in provincia di Treviso, transita a meno di cinquanta metri dalla fabbrica della Belstaff. Nulla di strano, la nuova bretella stradale passera' in prossimita' di moltissime abitazioni, ma, ed e' questa la novita', la Clothing Company, ditta che produce il noto marchio Belstaff rischia la chiusura per carenza di personale prorio in un momentio cruciale della stagione: l'azienda infatti fornisce l'abbigliamento a Tom Cruise nel nuovo Mission Impossibile, il terzo episodio della saga, in fase di lancio proprio in questi giorni.

girocampa
13-04-2006, 05:53
dal tg cnn:colombia,forti precipitazioni con smottamenti e frane. al momento non ci sono feriti

girocampa
13-04-2006, 06:36
schio:approvato progetto per ospedale unico:)

girocampa
15-04-2006, 15:26
GROSSA PERTURBAZIONE IN ARRIVO DALLA FRANCIA: NON PER FARE IL GUASTAFESTE MA SEMBRA PROPRIO GROSSA . ATTENZIONE A CHI DEVE VIAGGIARE

girocampa
15-04-2006, 15:50
EURATOM:SPESE CIFRE FOLLI ULTIMI 40 ANNI DA ORA -ATOMO +ALTERNATIVE GERMANIA USCIRA DAL NUCLEARE NEL 2025 CIRCA . EOLICO NEL 2010 16% ENERGIA TOTALE U.E.:)

girocampa
15-04-2006, 16:02
Morta Muriel Spark, oggi i funerali
Scrittrice scozzese sara' sepolta a Civitella della Chiana
(ANSA) - FIRENZE, 15 APR - Muriel Spark, la scrittrice scozzese morta ieri in ospedale a Firenze sara' sepolta a Civitella della Chiana, dove viveva da 26 anni, Le esequie saranno celebrate nella parrocchia di Oliveto, frazione di Civitella. A settembre scorso Muriel Spark, nata nel 1918 in Scozia come Muriel Sarah Camberg, aveva ricevuto la cittadinanza onoraria e le chiavi della citta' di Civitella della Chiana dove aveva casa in un piccolo borgo in campagna.

girocampa
15-04-2006, 16:28
Bankitalia: Concorrenza Cina Fa Bene a Produttivita'/Ansa

(ANSA) - ROMA, 15 apr - La concorrenza proveniente dalle imprese localizzate in Paesi in via di sviluppo e specializzate in alcuni settori di punta del comparto manifatturiero italiano ha fatto complessivamente bene al made in Italy, che in questo modo è stato stimolato ad accrescere la competitività e ad espellere dal sistema le aziende meno efficienti.
E' questa la sorprendente conclusione cui perviene uno studio pubblicato nella collana 'Temi di discussione' del Servizio Studi di Bankitalia, firmato da M. Bugamelli e A. Rosolia, che fa il punto sul rapporto intercorrente fra produttività e concorrenza estera, con riferimento in quest' ultimo caso appunto ai Paesi emergenti, segnatamente - ma non solo - la Cina.
Dai risultati della ricerca emerge infatti un effetto positivo derivante dalla crescita di quote di mercato dei PVS sulla produttività settoriale italiana, attribuibile - si afferma - "per larga parte a un processo di 'creative destruction' che vede l' uscita delle imprese meno efficienti e l' entrata di nuove imprese più efficienti della media".
L' indagine parte dalla premessa che dal 1995 ad oggi in Italia "la crescita del prodotto è stata debole sia in retrospettiva sia, sopratutto, se comparata a quella degli altri principali Paesi dell' area dell' euro". Il rallentamento si è accompagnato inoltre "a quello della produttività totale dei fattori (PTF)"; al punto che proprio quest' ultima componente, "che era stato il principale (se non l' unico) motore della crescita del valore aggiunto dell' industria manifatturiera tra il 1981 ed il 1995, si è sostanzialmente annullato nell' ultimo quinquennio, contribuendo per meno di un terzo alla crescita del prodotto".
Lo studio sottolinea che sempre dal '95 si e' avuto un sensibile peggioramento della quota di mercato mondiale dei prodotti italiani, ridottasi a prezzi costanti ad appena il 3% nel 2003, mentre parallelamente la quota tedesca è salita all' 11,6% e quella francese è rimasta stabile. Quest' andamento, peraltro - si fa notare - non riflette semplicemente l' "entrata massiccia di nuovi Paesi competitori, ma una difficoltà specifica".
La perdita di quote di mercato in ogni caso si è registrata particolarmente nei settori più maturi, come tessile-abbigliamento, cuoio e calzature, in cui l' industria manifatturiera italiana risultava maggiormente sbilanciata, con una quota sul valore aggiunto manifatturiero pari a circa il 14% nella media degli anni '90, ''circa tre volte quella degli altri Paesi". Parallelamente, in questi stessi settori tradizionali la quota di mercato appannaggio dei Paesi non avanzati (PNA) è più che raddoppiata, dal 30% del 1980 ed oltre il 60% nel 2000.
In questa situazione - osserva lo studio - l' industria manifatturiera italiana ha dovuto però ristrutturarsi, al punto da ridurre sempre fra il 1980 ed il 2000 di circa tre punti percentuali l' esposizione sui settori tradizionali in termini di valore aggiunto (e di quasi cinque punti in termini di occupazione). Al tempo stesso, proprio nei settori maturi si è delineato in questo stesso periodo un andamento più dinamico della produttività e non si è verificato quel rallentamento che ha contraddistinto la media degli altri comparti manifatturieri.
In conclusione, emerge "un effetto significativo e positivo della pressione concorrenziale sulla produttività totale dei fattori settoriale". A questo processo si è inoltre accompagnato "un innalzamento della soglia minima di efficienza necessaria per restare nel mercato" e "ne sarebbe derivato, nei settori più esposti alla concorrenza dei Paesi meno avanzati, un contributo favorevole delle dinamiche demografiche all' evoluzione della produttività settoriale". Quest' ultimo - rileva lo studio - "riconducibile sia all' uscita delle imprese meno efficienti sia all' entrata di altre più efficienti". (ANSA).


SE LO DICE LUI

girocampa
15-04-2006, 16:51
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

EURATOM:SPESE CIFRE FOLLI ULTIMI 40 ANNI DA ORA -ATOMO +ALTERNATIVE GERMANIA USCIRA DAL NUCLEARE NEL 2025 CIRCA . EOLICO NEL 2010 16% ENERGIA TOTALE U.E.:)


VISTI I RECENTI SVILUPPI A RIGUARDO EOLICO COSA NE DIRESTE DI ANALIZZARE GAMESA E VESTAS????:):D[8D]

girocampa
16-04-2006, 06:49
francia e belgio:50.000 manifestanti contro nuova centrale nucleare." non vogliamo che le prossime 5.000 generazioni vivano con l'incubo scorie"

girocampa
16-04-2006, 07:02
ALLUVIONE NEI BALCANI:PIENA ECCEZZIONALE DEL DANUBIO.

girocampa
16-04-2006, 07:03
Olanda, tulipani in crisi
Contro pericolo Cina si studiano anche soluzioni hi tech
(ANSA) - BRUXELLES, 15 APR - Pericolo cinese anche per i tulipani e l'Olanda, paese di riferimento della produzione mondiale di questo fiore, corre ai ripari. A lanciare l'allarme sono gli stessi produttori. Il giro d'affari e' calato bruscamente e le previsioni non sono rosee. Si pensa a novita' sempre piu' sofisticate con bulbi in grado di dare il fiore in solo tre settimane. Bastera' annaffiare il preparato sistemato in una scatola. Si pensa anche a coinvolgere i turisti ai quali insegnare le tecniche.

girocampa
16-04-2006, 07:50
Citazione:Messaggio inserito da girocampa

francia e belgio:50.000 manifestanti contro nuova centrale nucleare." non vogliamo che le prossime 5.000 generazioni vivano con l'incubo scorie"

ALTRI PROBLEMI PER LE AUTORITA' FRANCESI, CHE DOPO LA CONTESTATA LEGGE SUL LAVORO DEVE AFFRONTARE IL POPOLO CHE NON VUOLE PIU' VIVERE CON L'INCUBO NUCLEARE

E L'ENEL CHE FA?VA A INVESTIRE NEL NUCLEARE. CIALTRONI
COSTO CENTRALI PAZZESCO , COSTO ASSICURAZIONI CENTRALI E DEPOSITI SCORIE PAZZESCO,COSTO SMALTIMENTO CENTRALI PAZZESCO, PROBABILITA' DI CONTAMINAZIONE CON MATERIALE NUCLEARE DI SCARTO ALTISSIMA(VEDASI INCIDENTI VERIFICATESI PER 2 VOLTE ALLA "VALBRUNA"ACCIAIERIE DI VICENZA E SPAGNA)

SE AVETE ENEL VENDETE STANNO ANDANDO CONTRO LA STORIA,COMPRATE ERG O ACTELIOS,GAMESA O VESTAS CHE STANNO INVESTENDO NEL FUTURO, ANCHE VOSTRO E DEI VOSTRI FIGLI.

NATURALMENTE POTREBBE PURE PIACERVI PAGARE"ATTIVITA NUCLEARI RESIDUE " IN BOLLETTA PER SCELTE FATTE DA ALTRI MA VI SUGGERISCO DI GUARDARE AL FUTURO.

MariaDehoz
16-04-2006, 10:09
Giro, il discorso sul nucleare è parecchio complesso. Noi siamo senza centrali per via del referendum fatto dopo Chernobyl. Ma così paghiamo un sacco di più l'elettricità ed in quanto ad inquinamento non è che la nostra sia energia "pulita".
Inoltre abbiamo le centrali francesi ad un tiro di schioppo : se saltano quelle saltiamo anche noi e quindi ...
Mah, bisognerebbe parlarne più approfonditamente :D

Juggler
17-04-2006, 13:07
Rame: Tocca Nuovi Record, Spinge Domanda Cinese

(ANSA) - ROMA, 17 apr - Non si arresta la corsa delle quotazioni del rame che oggi sui mercati asiatici hanno raggiunto un nuovo record superando i 7.000 dollari a tonnellata. A spingere in alto i prezzi, sottolinea l'agenzia Bloomberg, è la domanda della Cina, primo consumatore di rame al mondo.
I prezzi hanno risentito in particolare dei dati sulla crescita nel primo trimestre diffusi ieri da Pechino. Secondo quanto annunciato dal presidente, Hu Jintao, il pil è cresciuto nei primi tre mesi del 2006 del 10,2%, una percentuale superiore alle previsioni. L'accelerazione dell'economia cinese porterà, secondo le stime, ad una conseguente accelerazione della domanda di metalli, in particolare di rame.
Le quotazioni dei futures sul mercato di Shanghai sono così arrivate a 58.740 yuan a tonnellata (7.326 dollari).
Secondo gli esperti, la domanda di cavi in Cina, arriverà a 3,35 milioni di tonnellate nel 2010 dai previsti 2,45 milioni di quest'anno. Le centrali energetiche del paese, secondo consumatore di elettricità dopo gli Stati Uniti, stanno infatti aumentando la loro capacità produttiva per far fronte all'esigenze delle imprese. Quest'anno, in particolare, la Cina potrebbe aggiungere 72.000 nuovi megawatt di potenza all'attuale livello di produzione.(ANSA).

girocampa
17-04-2006, 21:01
ROMA - Una costruzione di tre piani in stile neo-rococò, vecchia sede della Banca Engiadinaisa nella prima metà del '900, al centro di una caratteristica cittadina elvetica: il palazzotto, secondo quanto pubblicato nell' edizione odierna del quotidiano svizzero Le Matin (che riproduce il servizio sul suo sito internet), è stato acquistato, per molti milioni di franchi, dalla signora Flora Bartolini, 76 anni, suocera del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

La costruzione si trova al numero civico 33 di via Mainstra, nella cittadina di S-Chanf, nell' alta Engadina, nel Cantone dei Grigioni, e, secondo Le Matin, sarebbe ora interessata da importanti lavori che, alla fine, dovrebbero portare alla realizzazione di un garage sotterraneo per una decina di vetture, collegato con il resto della casa con un ascensore interno; di otto bagni e di una decina di camere da letto.

Le Matin riferisce che la madre di Veronica Lario (Miriam Raffaella Bartolini il suo vero nome), residente a Bologna, ha potuto acquistare la prestigiosa casa dopo avere ottenuto il permesso di residenza a S-Chanf. Il quotidiano, riferendosi al presidente del Consiglio, spiega che Silvio Berlusconi - che talvolta trascorre le vacanze invernali a Sankt Moritz, dove prende in fitto villa Souvretta - deve sottostare alle limitazioni che la legge Koller impone agli stranieri che intendono acquistare in Svizzera case da vacanza.

L' acquisto dell' imponente casa da parte della signora Bartolini - secondo Le Matin - sta creando il timore, tra gli abitanti di S-Chanf, che la cittadina possa essere occupata da "milionari stranieri presenti soltanto qualche settimana all' anno".

girocampa
17-04-2006, 21:05
Giappone: Tanigaki lancia allarme per rialzo tassi lungo termine
Radiocor - Tokyo, 14 apr - Il ministro giapponese delle Finanze, Sadakazu Tanigaki, ha lanciato un allarme contro il rialzo dei tassi a lungo termine sul mercato obbligazionario, ai livelli piu' elevati degli ultimi sei anni. 'Penso che la deflazione continui, anche se e' debole. In tale situazione non e' auspicabile che i tassi di interessi aumentino rapidamente', ha detto il ministro, aggiungendo 'dobbiamo rimanere all'erta sui movimenti recenti'. Il rialzo dei tassi penalizza lo stato giapponese, visto che il debito rappresenta il 150% del prodotto interno lordo. Il rendimento dei titoli a dieci anni si e' attestato al'1,980% questa mattina, dal 1,925% del giorno precedente, il livello piu' elevato dal giugno 2000.

girocampa
17-04-2006, 21:12
Home > Economia > Notizia » le news di oggi

Bill Gates investe nel metanolo
Patron della Microsoft pronto a sborsare 84 mln di dollari
(ANSA) - NEW YORK, 17 APR - Tutti pazzi per l'etanolo, il carburante ecologico, tanto da spingere, Bill Gates da un investimento di 84 milioni di dollari. L'interesse del presidente della Microsoft per il settore dell'energia alternativa, nel quale risultera' essere il primo investitore della costa occidentale Usa non appena completata l'operazione, non e' isolato. Vinod Khosla, infatti, fondatore della Sun Microsystems, sta finanziando la ricerca per lo sviluppo delle applicazioni energetiche dell'etanolo.

girocampa
17-04-2006, 21:23
(ANSA) - ROMA - Ci sono le condizioni per una reale riscossa italiana nello sviluppo di energie rinnovabili alternative al petrolio con l'immediata attuazione dell'obbligo previsto dalla legge 81/2006 nella quale si prevede che ''dal primo luglio 2006 i produttori di carburanti diesel e di benzina sono obbligati a immettere al consumo biocarburanti di origine agricola'' per una quantita' pari all'1%, incrementata poi di un punto per ogni anno, fino al 2010. E' quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che il nuovo record raggiunto dal greggio deve accelerare lo sviluppo di combustibili che possano anche sostituire benzina e gasolio. La rivoluzione nel serbatoio in tutte le auto circolanti in Italia prevista dalla legge secondo i calcoli della Coldiretti significa l'aggiunta nel primo anno ai normali carburanti di circa 400 mila tonnellate di biocarburanti, come bioetanolo e biodiesel che possono essere ottenuti indirizzando a coltivazioni energetiche 273 mila ettari di terreno nazionale, destinati peraltro a moltiplicarsi negli anni successivi per arrivare a quasi un milione e 400 mila ettari nel 2010. Si tratta di un determinante passo in avanti sostenuto con la raccolta, da parte della Coldiretti, di quasi 60 mila firme per recuperare il ritardo accumulato. L'ultimo Consiglio Europeo, inoltre, ha previsto di espandere l'utilizzo di biocarburanti nel settore dei trasporti, con la prospettiva di aumentare entro il 2015 la proporzione di utilizzo fino all'8%.

I biocarburanti derivano dalle coltivazioni agricole che l' agricoltura italiana produce in abbondanza e in particolare il bioetanolo - spiega la Coldiretti - viene prodotto tramite processi di fermentazione e distillazione di materiali zuccherini, amidacei o sottoprodotti come cereali, barbabietola da zucchero e prodotti della distillazione del vino, mentre il biodiesel deriva dall'esterificazione degli oli vegetali ottenuti da colture come il colza e il girasole. Con il biodiesel - conclude la Coldiretti - e' possibile ridurre dell' 80% le emissioni di idrocarburi e policiclici aromatici e del 50 quelli di particolato e polveri sottili mentre con il bioetanolo si riducono le emissioni di idrocarburi aromatici come il benzene del 50% e di oltre il 70% l'anidride solforosa, mentre cali piu' contenuti si hanno anche per il particolato e per le polveri sottili. (ANSA).

girocampa
17-04-2006, 21:42
Petrolio: Vaciago, Nuovo Governo Vari Un Serio Piano Di Risparmio Energetico (3)
Di (Afe/Pe/Adnkronos)

(Adnkronos) - Quanto alla possibilita' che i nuovi record possano pesare sulla spesa pubblica e sul Pil Vaciago spiega: ''Quando due anni fa il petrolio e' raddoppiato tutti hanno detto piu' inflazione e meno crescita. All'inflazione ci pensa la Cina, alla crescita anche, finche' la Cina puo' pagare il petrolio cento dollari al barile la crescita prosegue e l'inflazione no. Oggi il petrolio sale perche' non fa male, perche' i cinesi lo pagano a qualunque prezzo''.

Un rincaro che avra' comunque ripercussioni nelle tasce degli italiani ''Va avanti l'export, vanno avanti gli investimenti mentre stanno fermi e rallentano i consumi. Se la gente spendera' di piu' per la benzina avra' meno soldi per mangiare gelati''.

girocampa
17-04-2006, 21:44
EOLICO

AMBIENTE: ACCORDO VESTAS-IVPC PER 3 PARCHI EOLICI IN ITALIA
(ANSA) - ROMA, 21 mar - La collaborazione tra Vestas Italia, societa' italiana della Vestas Wind Systems e la Ivpc, impegnata nella produzione di energia da impianti eolici, continua con la nascita di tre nuovi parchi eolici in Italia: due in Sicilia, a Salemi e a Castelvetrano, ed il terzo nei pressi di Poggio Imperiale, in provincia di Foggia, per un totale di 55,5 Mw istallati. Nel dettaglio, per i parchi eolici di Salemi e Castelvetrano si prevede la fornitura rispettivamente di 10 e 20 V52-850 kW. Per il parco eolico di Poggio Imperiale invece, la turbina scelta e' la V80-2MW. Di quest' esemplare ne verranno forniti 15, a partire da fine maggio, ma, in generale, tutte le turbine entreranno in funzione entro la fine del 2006. I tre parchi eolici messi insieme saranno in grado di soddisfare il bisogno energetico di piu' di 95 mila famiglie, e permetteranno una riduzione di emissioni di anidride carbonica nell' ambiente pari a circa 61 mila tonnellate l'anno. (ANSA). KQU

girocampa
17-04-2006, 21:55
Calabria: Regno Acque Minerali, Domanda Forte Ma Distribuzione Costosa (4)
Di (Gen/Col/Adnkronos)

(Adnkronos) - L'acqua disponibile nella regione, oltre ad essere abbondante, e' di ottima qualita' e tra le migliori d'Italia e d'Europa. Per le caratteristiche geolitologiche delle rocce serbatoio e per la composizione dell'aria attraversata dalla pioggia prima d'infiltrarsi nel sottosuolo, l'acqua delle sorgenti calabresi presenta composizione chimica, biologica e temperatura ottimali dal punto di vista della potabilita'.

girocampa
17-04-2006, 21:57
ECO-ENERGIA: BIOMASSA IN PRIMA LINEA IN UE, BOOM EOLICO
(ANSA) - BRUXELLES, 14 MAR - La biomassa e' in prima linea tra le fonti primarie rinnovabili dell'Unione europea. Nel 2003 questa energia ha prodotto 67.228 TOE (un TOE sono mille tonnellate di petrolio equivalente) su un totale di tutto il rinnovabile di 101.613 TOE. I dati pubblicati da Eurostat, l ufficio di statistica della Commissione europea, mostrano che la produzione primaria di energia a partire dalla biomassa nel 1991 assicurava all Unione europea un approvvigionamento di 42.697 TOE. L energia prodotta dagli impianti idroelettrici, e piu precisamente l enegia potenziale e cinetica dell acqua convertita in elettricita , costituisce per volume la seconda fonte di energia rinnovabile in Europa, ma dal 91 ad oggi i suoi valori si sono mantenuti pressoche costanti, da 23.961 TOE a 24.697. L energia solare ha registrato un grosso impulso, da 165 a 618 TOE, anche se il suo contributo in assoluto rimane sempre marginale rispetto alle altre fonti energetiche. La produzione di energia geotermica e salita sensibilmente nel 2003 arrivando a 5.275 TOE; a partire dai 3.068 TOE del 1991 si e , pero , sempre mantenuta al di sotto dei 4.000 TOE fino al 2002. Infine il vero e proprio boom nel campo delle energie rinnovabili primarie si e registrato nel settore dell eolico. Quasi inesistente nel 1991, con una produzione di soli 94 TOE in tutta l Ue, nel 2003 ha raggiunto 3.814 TOE.(ANSA). YFZ-CAM

girocampa
17-04-2006, 22:25
Usa-Cina: Parte Missione Di Hu Jintao, Domani Da Gates /Ansa

(ANSA) - NEW YORK, 17 APR - Non Washington Dc, la capitale degli Usa, ma lo Stato di Washington, ospite di Bill Gates: la tappa inaugurale del primo viaggio negli Usa del presidente cinese, Hu Jintao, sarà a Seattle nel quartier generale della Microsoft, prima di partecipare a un ricevimento in suo onore nella residenza da 100 milioni del patron del leader mondiale dei software.
L'esordio non è casuale: l'obiettivo della Cina è quello di mandare innanzitutto un primo segnale rassicurante nella lotta contro il fenomeno della contraffazione e della pirateria intellettuale. Non a caso poche settimane fa, proprio in preparazione della missione ad alto profilo strategico, Pechino ha disposto che tutti i produttori nazionali di computer utilizzassero copie legali dei sistemi operativi nella fase di assemblaggio. Non a caso, Lenovo, il primo produttore del paese che ha acquistato la divisione pc dalla Ibm, ha reso noto che acquisterà prodotti Microsoft per 150 milioni di dollari.
Sempre a Seattle, Hu visiterà la Boeing essendo la Cina uno dei principali clienti del costruttore di aerei. Il paese asiatico dovrebbe, secondo stime prudenziali sviluppate dagli analisti, acquistare circa 2.600 velivoli entro il 2024, con un esborso di 213 miliardi di dollari. Appena la scorsa settimana la Cina ha annunciato un maxi-ordine di 80 Boeing per un oltre 4 miliardi di dollari di spesa.
Tra le attese manifestazioni di protesta, come quelle degli attivisti per la liberazione del Tibet o del Falun Gong (il movimento messo al bando perché considerato 'culto maligno'), la visita di Hu entrerà nel vivo giovedì grazie agli incontri di Washington con il presidente George W. Bush. Numeri i temi caldi di discussione: dagli squilibri commerciali (il deficit bilaterale degli Usa ha sfondato i 200 miliardi di dollari) alla maggiore rivalutazione dello yuan, dal crescente peso militare di Pechino al delicato tema dei diritti umani.
La preparazione del summit è risultata così complicata che Hu sarà ospite a cena alla Casa Bianca pur non trattandosi (malgrado la diversa interpretazione da parte cinese) di un appuntamento di Stato. Hu e Bush si sarebbero già incontrati alla fine del 2005, forse in occasione dell'apertura dei lavori dell'assemblea generale dell'Onu. E, secondo quanto scrive il New York Times, il presidente cinese avrebbe rassicurato gli Usa sulla volontà di mantenere rapporti più che buoni avendo problemi interni piuttosto spinosi da risolvere, con un focus specifico su corruzione, ampliamento del divario della ricchezza nella popolazione e inquinamento.
Ultima tappa della visita, infine, prima del rientro in Cina sarà all'Università di Yale, dove il presidente cinese terrà un intervento pubblico. (ANSA).

girocampa
17-04-2006, 23:27
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

Giro, il discorso sul nucleare è parecchio complesso. Noi siamo senza centrali per via del referendum fatto dopo Chernobyl. Ma così paghiamo un sacco di più l'elettricità ed in quanto ad inquinamento non è che la nostra sia energia "pulita".
Inoltre abbiamo le centrali francesi ad un tiro di schioppo : se saltano quelle saltiamo anche noi e quindi ...
Mah, bisognerebbe parlarne più approfonditamente :D

Certo , se la vedi cosi semplice, ma vorrei farti riflettere sulla sicurezza che per me non ha prezzo, sui costi (le aziende private non investono nel nucleare perche’ costosissimo) e se non si investe massicciamente nelle alternative entro pochi anni e se non si arriva a una produzione decente saranno guai seri per tutti. Ti assicuro che il nucleare a prima vista sembra la migliore soluzione, ma si rivelera’ un boomerang perche’ la popolazione non vuole vivere con la paura se c’e un’alternativa, a questo sommi i costi crescenti di gestione delle scorie nucleari e un po’ di rischio terrorismo, per cui resto dell’idea che chi investe nel nucleare oggi e’ a dire poco retrogrado e irresponsabile, e miope in poche parole cialtrone .
ma non e’ che magari tuo papa’ lavora all’ENEL?
RESTA IL FATTO CHE AVREMO UNA CORSA ALLE RINNOVABILI QUINDI I TITOLI COLLEGATI CRESCERANNO SICURAMENTE VISTO ANCHE IL SUCCESSO DELLE ULTIME FIERE
PENSA A COSA SAREBBE SUCCESSO SE L’11-09-2001 SE SI FOSSERO ABBATTUTI SU UNA CENTRALE NUCLEARE
NEL MEDIO PERIODO LE ALTERNATIVE COSTERANNO MENO ANCHE DEL NUCLEARE.

E’ SEMPRE INTERESSANTE DISCUTERE CON TE . STAI LEGGENDO QUALCHE LIBRO IN QUESTI GIORNI DI TREGUA LAVORATIVA?????
[:X][:X]

girocampa
18-04-2006, 18:38
Conservation urged to avoid more rolling blackouts

Tuesday, April 18, 2006; Posted: 9:55 a.m. EDT (13:55 GMT)

Houston and other Texas cities baked in record high temperatures Monday.
Image:


2.75% Fixed Student Loan Consolidation
70% lower student loan payments - fixed rate, no fees, qualify in one...
www.nextstudent.com Bad Credit Refinance
Up to 4 refinance quotes with one form. Serious inquiries only please.
www.nextag.com Donate Now - Food Saves Lives
Your donation of $30 will provide $240 worth of food in East Africa. Help...
www.worldvision.org
Prepare for Severe Weather
• Hurricane Relief
• Hurricane Protection
• Hurricane Shutters

RELATED
• Oil prices top $70/barrel
YOUR E-MAIL ALERTS

Texas
National Weather Service
or Create Your Own
Manage Alerts | What Is This? HOUSTON, Texas (AP) -- Faced with the prospect of another day of record heat, the state's power suppliers urged Texans to cut down on their electricity use in the hope of avoiding more rolling blackouts.

Power companies throughout the state imposed the blackouts Monday because of an electricity shortage during unseasonably hot weather.

Thousands of people were caught without electricity for short periods of time as highs reached into the low 100s, and police rushed to direct traffic during the afternoon rush hour.

Highs were expected to reach into the upper 90s on Tuesday before returning to a more normal range in the 70s and 80s on Wednesday.

"We are asking everybody to pitch in and do the best they can by minimizing electric consumption between 3 p.m. and 7 p.m., the peak hours," said Paul Wattles, spokesman for Electric Reliability Council of Texas, which runs the state's electricity grid.

As much as 15 percent of the state's power supply was already off line for seasonal maintenance to brace for the summer's energy usage peaks, but four power generating plants also shut down unexpectedly, Wattles said. Officials were pushing to get power flowing again from the generators that had been idled.

ERCOT said operations were back to normal by Monday evening.

The typical usage for Texas in April is about 40,000 megawatts a day, but the state pushed 52,000 megawatts on Monday, Wattles said. The rollouts were limited to the ERCOT grid, which provides electricity to about 80 percent of the state.

A recorded high of 101° at Dallas-Fort Worth International Airport broke the previous high of 94°, set in 1913 and matched in 1925, according to the National Weather Service. Temperatures reached 107° in Laredo.

The rolling blackouts, which lasted for a little more than two hours, were the first in the ERCOT region since December 22, 1989, during a winter ice storm.

girocampa
18-04-2006, 19:28
Petrolio: Opec, caro per 5 anni
Lo ha detto il presidente dell'organizzazione, Daukoru
(ANSA) - ROMA, 18 APR - I prezzi petroliferi resteranno elevati per i prossimi cinque anni. La sentenza arriva dal presidente dell'Opec, Edmund Daukoru. 'La causa - spiega - e' dovuta all'espansione economica e della "enorme domanda" di greggio da parte della Cina."Continueremo a vedere prezzi molto elevati e i livelli attuali "sono la conseguenza del problema iraniano". Daukoru e' anche ministro del petrolio nigeriano.

girocampa
18-04-2006, 19:48
'Bomba chimica' per pulire Pechino
Tormenta sabbia dal Gobi verra' colpita con ioduro argento
(ANSA)-ROMA, 18 APR-Per liberarsi della nube di sabbia che incombe su Pechino, causando gravi problemi,le autorita' hanno deciso di bombardarla con ioduro d'argento. Il composto, assieme ad altre sostanze chimiche, e' in grado di determinare il dissolvimento della nube. La tormenta di sabbia, la peggiore degli ultimi anni, ha riversato su Pechino circa 300 mila tonnellate di polvere. Le nuvole provenienti dal Gobi sono cariche di sostanze cancerogene che provocano danni alla salute in tutta l'area.

girocampa
18-04-2006, 20:06
Home > Sport > Notizia » le news di oggi

F3: Bruno Senna vince come lo zio
Doppietta a Oulton Park per il giovane brasiliano
(ANSA) - SAN PAOLO, 18 APR - Bruno Senna, nipote del grande Ayrton, ha vinto la sua prima gara importante nella F3 inglese e sogna gia' di emulare lo zio in F1. Bruno, 22 anni, e' figlio di Viviane, sorella maggiore di Ayrton e presidente dell'istituto che porta il suo nome. Ieri ha vinto due gare sulla pista di Oulton Park, 300 km da Londra. 'E' molto simile allo zio fisicamente - ha commentato Gerhard Berger, ex compagno di Ayrton in McLaren dal 1990 al '92 - Parlare con lui e' come parlare con Ayrton'.

:):D[^]

girocampa
18-04-2006, 20:17
Varato primo traghetto catalitico
Lo ha realizzato Fincantieri per una societa' svedese
(ANSA) - LA SPEZIA, 18 APR - Battezzato nei cantieri di Muggiano (La Spezia) il primo traghetto con le marmitte catalitiche costruito da Fincantieri. Si chiama "Gotlandia II" ed e' stato commissionato dalla societa' svedese Rederi A.B. Gotland prestera' servizio nel mar Baltico e risponde ai rigorosi requisiti di salvaguardia ambientale svedesi. E' lungo 122 metri, e' in grado di raggiungere una velocita' di circa 40 nodi, ha una capacita' di 780 passeggeri e di oltre 160 autovetture o 8 autobus.

MariaDehoz
21-04-2006, 16:12
Da MAGAZINE di ieri

"Attenti all'orso, ormai si scalda i muscoli per dare l'assalto al toro. I prezzi delle azioni non sono carissimi ma i multipli sono vicini alla media storica. Inoltre il recupero dal crac del 2000 è stato troppo veloce : meno di sei anni contro i venti che di una volta. Insomma, il toro sembra poter trotterellare ancora un po' ma mettergli ora in groppa una gran parte del proprio patrimonio non sembra cosa saggia..."

[:I]:D

MariaDehoz
21-04-2006, 18:39
ULP ! Non avevo visto questo post, giro ! [:I]
Scusa ! :D

"Certo , se la vedi cosi semplice, ma vorrei farti riflettere sulla sicurezza che per me non ha prezzo, sui costi (le aziende private non investono nel nucleare perche’ costosissimo) e se non si investe massicciamente nelle alternative entro pochi anni e se non si arriva a una produzione decente saranno guai seri per tutti. Ti assicuro che il nucleare a prima vista sembra la migliore soluzione, ma si rivelera’ un boomerang perche’ la popolazione non vuole vivere con la paura se c’e un’alternativa, a questo sommi i costi crescenti di gestione delle scorie nucleari e un po’ di rischio terrorismo, per cui resto dell’idea che chi investe nel nucleare oggi e’ a dire poco retrogrado e irresponsabile, e miope in poche parole cialtrone .
ma non e’ che magari tuo papa’ lavora all’ENEL?
RESTA IL FATTO CHE AVREMO UNA CORSA ALLE RINNOVABILI QUINDI I TITOLI COLLEGATI CRESCERANNO SICURAMENTE VISTO ANCHE IL SUCCESSO DELLE ULTIME FIERE
PENSA A COSA SAREBBE SUCCESSO SE L’11-09-2001 SE SI FOSSERO ABBATTUTI SU UNA CENTRALE NUCLEARE
NEL MEDIO PERIODO LE ALTERNATIVE COSTERANNO MENO ANCHE DEL NUCLEARE.

E’ SEMPRE INTERESSANTE DISCUTERE CON TE . STAI LEGGENDO QUALCHE LIBRO IN QUESTI GIORNI DI TREGUA LAVORATIVA?????"

Mio papà con il lavoro ha un rapporto particolare : gli fa SKYFO :(
Sulle letture, invece, sono ferma : leggo solo la Garzantina Economica nei ritagli di tempo [^]

ANALISI FRESCHE DI GIORNATA

Titolo: Banca Intesa
Emittente: EXANE
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Neutral
Giudizio: Neutrale
Target price: 5 euro


Titolo: Capitalia
Emittente: EXANE
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Outperform
Giudizio: Positivo
Target price: 7,25 euro


Titolo: Ducati
Emittente: ABAX-BANK
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Positive
Giudizio: Positivo
Target price: n.d.


Titolo: Fiat
Emittente: UBM
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Accumulate
Giudizio: Positivo
Target price: 12 euro


Titolo: Socotherm
Emittente: CENTROSIM
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Buy
Giudizio: Positivo
Target price: 15,20 euro


Titolo: Unicredito
Emittente: RASBANK
Data:21/04/2006
Raccomandazione: Buy
Giudizio: Positivo
Target price: 6,80 euro

:D

girocampa
23-04-2006, 00:35
Autotrasporto sul piede di guerra
Fita Cna, 'costi alle stelle, si prepara un fermo nazionale'
(ANSA) - ROMA, 22 APR - Autotrasportatori di nuovo sul piede di guerra. Fita Cna annuncia che saranno avviate presto procedure per un fermo nazionale. Allo stato attuale - sottolinea Maurizio Longo, responsabile nazionale di Cna Fita - la categoria non e' in grado di assorbire il 5% di aumento del prezzo del gasolio scattato dal primo gennaio scorso, anche perche' questo rincaro, sommato a quelli del 2005, rappresenta un incremento globale superiore al 22%'.

girocampa
23-04-2006, 00:45
Codacons:sciopero del pieno benzina
'In occasione dei prossimi ponti festivi non usare l'auto'
(ANSA) - ROMA, 22 APR - Contro la corsa dei prezzi della benzina il Codacons lancia 'lo sciopero del pieno' in occasione dei prossimi ponti festivi. L'associazione dei consumatori denuncia il fatto che i nuovi rialzi si registrano proprio a ridosso dei ponti del 25 aprile e 1 maggio. Codacons invita quindi i consumatori a non usare l'automobile per gli spostamenti, evitando di rifornirsi di carburante, ricorrendo 'a mezzi di trasporto alternativi (bus, pullman o treni)'.

girocampa
23-04-2006, 01:19
Banche: Adusbef contro rialzo tassi
Servizi piu' cari in 472 istituti, voltura conto a 220 euro
(ANSA) - ROMA, 22 apr - Da quando la Bce ha alzato i tassi dello 0,25%, 'ben 472 banche hanno effettuato variazioni contrattuali sui conti correnti', dice L'Adusbef. L'associazione denuncia cosi' 'l'opera di saccheggio sistematico dei consumatori' ed annuncia di aver chiesto alla magistratura 'di aprire un'indagine, sia sulle banche, sia sulle complicita' del governatore della Banca d'Italia Mario Draghi, che sta operando in perfetta sintonia con il suo predecessore Antonio Fazio, costretto ad ignomignose dimissioni'.

girocampa
23-04-2006, 19:32
Vietati gruppi di piu' di 3 giovani
Ordinanza a Montfermeil su ragazzi dai 15 ai 18 anni
(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Il sindaco di Montfermeil Xavier Lemoine (UMP) ha proibito ai giovani tra 15 e 18 anni di formare in citta' gruppi di oltre 3 unita'. L'ordinanza restera' in vigore fino al 30 giugno. Il sindaco ha denunciato che tra gennaio e febbraio nella cittadina i furti violenti sono cresciuti del 600% e gli atti di delinquenza in generale del 90% rispetto agli stessi mesi del 2005, sostenendo che quanto avviene e' anche una conseguenza dei disordini scoppiati nelle banlieues lo scorso autunno.

girocampa
23-04-2006, 20:19
Reuters - 26 minuti fa

Pubblicità

MILANO (Reuters) - Il leader del centrosinistra Romano Prodi ha detto oggi che sull'economia occorre prendere decisioni rapide, in risposta all'allarme lanciato dal Fondo monetario internazionale, che prevede per il 2006 un deficit/Pil per l'Italia del 4% e considera necessaria una manovra aggiuntiva per correggere i conti.

"Bisogna vedere bene i conti, dialogare con la Commissione Europea e prendere rapidamente delle decisioni", ha detto Prodi conversando con alcuni giornalisti, come conferma un suo portavoce.

"In questi giorni sto lavorando sui contenuti, ho bisogno di ulteriori dati, solo dopo prenderemo le decisioni", ha aggiunto.

"Quello che posso assicurare sia al Fondo monetario sia alla Commissione Europea è che faremo molto in fretta".

girocampa
23-04-2006, 20:24
Gran Bretagna: Mittal il piu' ricco
Classifica Sunday Times, al secondo posto Abramovich
(ANSA) - LONDRA, 23 APR - E' di nuovo il magnate dell'acciaio Lakshmi Mittal il piu' ricco di sempre in Gran Bretagna. Lo dice l'annuale lista del Sunday Times. La sua fortuna e' di circa 24 miliardi di euro. Segue il padrone del Chelsea Roman Abramovich, con un patrimonio di 10,8 miliardi. I Top 5 restano gli stessi. Con il numero di straricchi mai cosi' alto e' cresciuta anche la ricchezza delle 1.000 persone piu' facoltose del Regno: 300,9 miliardi di sterline, la crescita piu' grande registrata dalla Rich List

girocampa
24-04-2006, 20:57
Romania:cede diga,migliaia evacuati
Presidente: preparatevi a periodo difficile di 2 settimane
(ANSA) - ROMA, 24 apr - Migliaia di romeni minacciati dalle acque del Danubio sono stati evacuati dalle loro case dopo la rottura, stamattina, di una diga. Altre tre dighe avevano ceduto piu' a valle. 'Gli abitanti devono essere evacuati immediatamente', ha dichiarato alla stampa il presidente Basescu, dopo aver sorvolato in elicottero la zona interessata, nel Sud del paese. Per il capo di stato romeno 'occorre prepararsi a un periodo difficile di due settimane'.

MariaDehoz
25-04-2006, 08:08
Ciao, giro :D
Buonissima giornata ...

girocampa
25-04-2006, 11:51
buongiorno, signorina DEHOZ, e a tutto il FORUM

Reuters - 12 minuti fa

(Pubblicità)

TOKYO (Reuters) - Le quotazioni del greggio si mantengono stabili sopra i 73 dollari al barile mentre la recente ondata di realizzi sembra essersi esaurita tra i timori per i piani iraniani sul nucleare e la forte domanda cinese.

Alle 11,10 il contratto sul Brent a giugno sale di 41 centesimi a 73,41 dollari al barile mentre l'analoga scadenza dei derivati sul greggio leggero guadagna 25 centesimi a 73,59 dolllari.

I dati sulle importazioni cinesi di greggio hanno evidenziato un incremento del 10,9 in marzo rispetto a un anno prima e un progresso del 25% nel solo primo trimestre . La domanda petrolio del secondo consumatore mondiale di greggio in marzo ha segnato un aumento annuo del 6%.

Un inviato Usa presso l'Agenzia internazionale dell'energia atomica (Aiea) ha anticipato che il rapporto che il responsabile Iaea, Mohamed ElBaradei, pubblicherà venerdì sulla cooperazione dell'Iran con il Consiglio di Sicurezza dell'Onu sarà negativo.

girocampa
25-04-2006, 11:57
Quotazioni

Egide SA
GID.PA
39.10
+0.77%



MIB 30 Migliori & Peggiori

(EGID.LN) EGIDE annuncia la sua presenza alla 1° edizione dello "Smallcap Event" a Parigi


Egide (Parigi: FR0000072373 - notizie) , la sola azienda completamente dedicata alla protezione e all'interconnessione di chip elettronici e ottici per incapsulazione ermetica e leader europeo nel settore, incontrerà gli azionisti durante la 1° edizione dello "Smallcap Event" il 27 e 29 aprile 2006 ai Salons France-Amériques.

Lo Smallcap Event riunisce nell'arco di due giorni gli investitori istituzionali e i manager di 60 aziende di piccola e media capitalizzazione quotate a Euronext Parigi.

Egide est un groupe européen d'envergure internationale qui intervient sur les marchés de haute technologie tels que l'Espace, la Défense, l'Aéronautique, les Télécommunications, l'Automobile et le Médical. Egide est présent industriellement en France, aux Etats-Unis, en Grande-Bretagne et au Maroc.

EGIDE est coté sur le compartiment C de l'Eurolist by Euronext Paris (TM)- ISIN : FR0000072373 Reuters : EGID.PA - Bloomberg : GID

Rappel

Résultats de l'exercice 2005 (annoncés le 20 avril 2006)

En 2005, le groupe a réduit de 44 % sa perte opérationnelle à 5,2 millions d'euros pour un chiffre d'affaires en croissance de 12,4 % à 21,7 millions d'euros. La perte nette a été ramenée de 8,9 millions d'euros en 2004 à 4,9 millions d'euros en 2005, soit une diminution de 45 %.

La consommation de trésorerie s'est élevée à 4,9 millions d'euros, contre 7 millions d'euros un an plus tôt.

Une stratégie gagnante sur des marchés porteurs

En 2005, Egide a continué à accroître son développement dans les applications militaires et industrielles et ne dépend plus du seul marché des Télécoms.

La société s'est positionnée sur de nouveaux projets, notamment dans la détection infra rouge, l'électronique embarquée et la sécurité automobile. Elle a également poursuivi sa stratégie d'expansion à l'international.

Perspectives

Sur le premier trimestre 2006, Egide a enregistré une croissance purement organique de son chiffre d'affaires de 16 %, à 5,37 millions d'euros (contre 4,63 millions d'euros au premier trimestre 2005). Cette performance, essentiellement due aux succès rencontrés dans les domaines de l'infra rouge et de l'électronique complexe, s'est accompagnée de gain de parts de marché aux Etats-Unis, en particulier dans le domaine militaire.

Sur l'exercice, Egide prévoit une croissance du chiffre d'affaires à un rythme équivalent à celui de 2005, tout en poursuivant l'amélioration des marges et du résultat.

Commentant ces résultats, Philippe Brégi, Président Directeur général d'Egide, a déclaré : " La tenue en 2005 de nos objectifs montre la capacité des équipes d'Egide à offrir à nos clients une panoplie complète de technologies et un outil industriel adapté. Fort de ce résultat et de son positionnement sur des marchés porteurs diversifiés, Egide possède les atouts qui nous rendent confiants dans un retour à l'équilibre en 2007."Contacts

EGIDE - Philippe Lussiez - +33 1 30 68 81 00 - [email protected]

CITIGATE - Relations Analystes/Investisseurs - Arnaud Salla - +33 1 53 32 78 89 [email protected]

FIN'EXTENSO - Relations Presse - Isabelle Aprile - +33 1 39 97 61 22 - i.aprile@fine[email protected]

MariaDehoz
25-04-2006, 21:00
'Sera ^__^ ...

Buone nuove per ENI :D

ANKARA (Reuters) - Il governo della Turchia ha scelto l'operatore locale Calik Enerji per la costruzione di un oleodotto di 550 chilometri a Samsun-Ceyhan, che trasporterà il greggio dal Mar Nero al Mediterraneo.

Lo dicono alcuni funzionari aggiungendo che l'oleodotto servirà a superare il collo di bottiglia che si crea nello stretto del Bosforo per un costo stimato di 1,5 miliardi.

Nel progetto è coinvolta anche Eni (Milano: ENI.MI - notizie) che con Calik ha collaborato per uno studio di fattibilità dell'oleodotto.

Il decreto di nomina, firmato da tutti i ministri del governo turco, sarà ora sottoposto all'approvazione del presidente Ahmet Necdet Sezer.

Calik ed Eni hanno avuto sei mesi di tempo per completare gli studi di fattibilità del progetto.

Il decreto era in stand-by da gennaio in quanto diversi ministri si rifiutavano di firmarlo perché non era stato indetto un bando di gara.

L'oleodotto è destinato a trasportare circa 50-70 milioni di tonnellate di greggio l'anno.

NOTIZIE anche per STM

Stasera alle 23.00 saranno resi noti i risultati del primo trimestre : gli analisti sono ottimisti [:o)]

Mr Panino
26-04-2006, 07:43
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

'Sera ^__^ ...

Buone nuove per ENI :D

ANKARA (Reuters) - Il governo della Turchia ha scelto l'operatore locale Calik Enerji per la costruzione di un oleodotto di 550 chilometri a Samsun-Ceyhan, che trasporterà il greggio dal Mar Nero al Mediterraneo.

Lo dicono alcuni funzionari aggiungendo che l'oleodotto servirà a superare il collo di bottiglia che si crea nello stretto del Bosforo per un costo stimato di 1,5 miliardi.

Nel progetto è coinvolta anche Eni (Milano: ENI.MI - notizie) che con Calik ha collaborato per uno studio di fattibilità dell'oleodotto.

Il decreto di nomina, firmato da tutti i ministri del governo turco, sarà ora sottoposto all'approvazione del presidente Ahmet Necdet Sezer.

Calik ed Eni hanno avuto sei mesi di tempo per completare gli studi di fattibilità del progetto.

Il decreto era in stand-by da gennaio in quanto diversi ministri si rifiutavano di firmarlo perché non era stato indetto un bando di gara.

L'oleodotto è destinato a trasportare circa 50-70 milioni di tonnellate di greggio l'anno.

NOTIZIE anche per STM

Stasera alle 23.00 saranno resi noti i risultati del primo trimestre : gli analisti sono ottimisti [:o)]


gli oleodotti li fanno coi tubi??

allora forse la buona notizia potrà essere anche per Tenaris...

MariaDehoz
26-04-2006, 08:07
Tenaris °__° ...
Uhmmm ... mi ricorda qualcosa :D
Ha Ha Ha ^__^
Hai ragione, Panino : i tubi servono sempre [:p]

girocampa
26-04-2006, 08:27
ROMA - Vent'anni fa il disastro nucleare di Cernobyl. Era la notte fra il 25 e il 26 aprile del 1986 infatti quando si verifico' l'esplosione del reattore numero 4 della grande centrale nucleare sovietica che lancio' nell'atmosfera enormi quantitativi di sostanze fortemente tossiche, i cui effetti nocivi per gli organismi viventi sono purtroppo presenti ancora oggi. Le autorita' sovietiche confermarono ufficialmente l' incidente al reattore con tre giorni di ritardo, con un comunicato del consiglio dei ministri letto in televisione, nel quale si parlava anche genericamente di due morti in seguito all'esplosione e dell' immediato ordine di evacuazione per i circa 25.000 abitanti di Cernobyl, cittadina che si trova a 125 km da Kiev, capitale dell'Ucraina e, con i suoi 2,3 milioni di abitanti, terza maggiore citta' dell'allora impero sovietico dopo Mosca e Leningrado. Per spegnere l'incendio del reattore, il governo sovietico chiese l'aiuto della Svezia e della Germania, e anche gli Usa, la Francia e altri Paesi occidentali si dissero pronti a intervenire per domare le fiamme del reattore. Dieci giorni dopo il disastro, questa la ricostruzione ufficiale dell'incidente fornita dalla Pravda, il quotidiano del partito comunista sovietico: ''Si e' incendiata la pavimentazione bituminosa della sala (dove si trova il reattore). Gli stivali dei pompieri affondavano nel bitume liquefatto e l'aria era difficilmente respirabile. Piu' tardi gli esperti constateranno che l'eroismo dei pompieri ha limitato considerevolmente le proporzioni dell'avaria. Nonostante cio' e' successo quello che i fisici avevano sempre temuto piu' di ogni altra cosa: il reattore e' stato danneggiato. Una parte di radioattivita' e' stata proiettata in alto e successivamente all'interno del reattore e' scoppiato un incendio. Spegnere l' incendio era estremamente complicato perche' non era possibile usare ne' l'acqua, ne' sostanze chimiche che, a causa dell'alta temperatura, evaporerebbero all'istante e finirebbero nell' atmosfera. Si e' creata una situazione estremamente complicata e difficile, ma sotto controllo''. L'incidente provoco' la diffusione nel'atmosfera di sostanze pesnatemente inquinanti e tossiche: circa 45 milioni di curie di xeno 133, 7 milioni di curie di iodio 131, un milione di curie di cesio 134 e 137. La diffusione di radionuclidi nell'atmosfera prosegui' dalla notte dell'incidente fino al 10 maggio in modo crescente per poi diminuire lentamente col passare del tempo. Quello di Cernobyl e' il piu' grave disastro nucleare della storia; provoco' immediatamente 31 vittime, mentre e' incalcolabile il numero di persone, stimate in migliaia, che in seguito all'esposizione diretta alle radiazioni si sono ammalate piu' o meno gravemente ed hanno perso la vita. Il disastro colpi' naturalmente anche l'agricoltura. La comunita' europea, che allora si chiamava Cee, gia' 4 giorni dopo l'incidente, decise di cedere all'Unione Sovietica oltre 200 mila tonnellate di orzo e piu' di 80 mila di grano tenero, tratte dalle sue scorte. La nube radioattiva provocata dall'esplosione contamino' 150 mila chilometri quadrati attorno alla centrale, mentre il vento spinse le particelle radioattive fino all'Europa. La nube tossica attraverso' i cieli della Gran Bretagna, della Turchia, della Romania, mentre in Olanda Svizzera e Belgio per un breve periodo fu registro' un significativo innalzamento dei livelli di radioattivita'. L'emissione di radiazioni nucleari dall'impianto danneggiato ando' avanti per molti giorni, e solo a novembre il reattore esploso fu sigillato in una specie di sarcofago di cemento armato, all'interno del quale si trovano ancora 180 tonnellate di uranio. Per mesi ci furono polemiche, soprattutto da parte dei Paesi occidentali, che accusavano le autorita' sovietiche di non aver subito dato l'allarme al mondo e di non aver messo a disposizione degli scienziati di altri paesi tutte le informazioni sul disastro nucleare, in modo da limitare i danni e salvare molte vite. L'impianto nucleare di Cernobyl ha smesso di funzionare solo nel 2000.


buongiorno a tutti

girocampa
26-04-2006, 08:33
FAO: VERSO ENERGIA RINNOVABILE
Lo impongono il prezzo del greggio e i limiti ambientali (ANSA) - ROMA, 25 APR - Con il caro greggio e i limiti imposti dall'ambiente guadagna terreno il cambio di rotta verso fonti energetiche rinnovabili, dice la Fao. Secondo l'organizzazione dell'Onu 'e' ormai in atto un graduale abbandono del petrolio. Nei prossimi 15-20 anni e' probabile che assisteremo a un maggior impiego di biocombustibili, che potrebbero arrivare a coprire fino al 25% del fabbisogno mondiale', afferma Alexander Muller, direttore generale dell'organizzazione Onu.

girocampa
26-04-2006, 08:43
Il secondo problema è l'Iran, cui il mercato pensa un giorno sì e uno no e che però continua a costruire la sua bomba anche nei giorni in cui il mercato non ci pensa. Immaginiamo un Iran attaccato che sospende, insieme al Venezuela, le esportazioni di petrolio e manda centinaia di sha'id a farsi esplodere in America e tira missili all'impazzata sugli oleodotti sauditi. Non è lo scenario più probabile, ma immaginiamolo lo stesso.
Alla fine, mettendo insieme l'espansione che continua, l'inflazione che morde il freno, il carico speculativo e l'Iran, il portafoglio raccomandato rimane pur sempre quello che andiamo suggerendo da molto tempo. Niente bond, niente dollari (o dollari coperti), meno leverage possibile. Metà cash, metà azioni. Delle azioni, la metà in titoli dell'energia. L'altra metà può essere investita, a scelta, nei paesi che crescono (nel 2004-2007) del 4.8, del 15.2 o del 44.4 per cento. Vedete voi quali preferire.

SE LO DICE FUGNOLI

girocampa
26-04-2006, 08:46
Enel verso l'addio all'Opa Suez


Quotazioni

Banca Intesa Spa
BIN.MI
4.73
+0.00%


Capitalia Spa
CAP.MI
6.76
+0.00%


Mediobanca SpA
MB.MI
17.51
+0.00%


San Paolo Imi
SPI.MI
14.82
+0.00%


SUEZ SA
SZE.PA
31.50
+0.32%



MIB 30 Migliori & Peggiori

Da Il Sole 24 Ore: E' destinata a chiudersi con un nulla di fatto l'Opa Enel su Suez (Parigi: FR0000120529 - notizie) . Tra venti giorni infatti scadrà il contratto di finanziamento da circa 50 miliardi organizzato da diverse banche, tra le quale Banca Intesa (Milano: BIN.MI - notizie) , San Paolo-Imi (Milano: SPI.MI - notizie) , Capitalia (Milano: CAP.MI - notizie) e Mediobanca (Milano: MB.MI - notizie) . I tempi tecnici sembrano esserci ancora, ma dal mondo finanziario trapela pessimismo. La fase di transizione post elezioni avrebbe infatti tolto al colosso guidato da Fulvio Conti quel sostegno politico necessario a risolvere una situazione che sull'asse Roma-Parigi era già diventata tesa. L'empasse sul fronte italiano avrebbe portato altri soggetti a farsi avanti nei confronti del colosso energetico francese, come il finanziere Vincent Bollorè, che alcune indiscrezioni vorrebbero interessato ad alcuni asset di Suez

girocampa
26-04-2006, 09:13
INQUINAMENTO
CERNOBYL: GREENPEACE, DOPO 20 ANNI MANCA ANCORA SOLUZIONE
(ANSA) - ROMA, 25 apr - ''A vent'anni dalla catastrofe constatiamo che non esiste ancora una soluzione, che quella intermedia e' in ritardo e con costi crescenti e che le conseguenze dell'incidente non possono essere gestite adeguatamente'': e' quanto denuncia Pippo Onufrio, direttore delle campagne di Greenpeace, a proposito della messa in sicurezza del sito nucleare di Cernobyl. Onufrio si riferisce in particolare sia al ritardo del completamento del 'sarcofago' che copre il reattore 4 a Cernobyl al centro della catastrofe nucleare del 26 aprile 1986 (e che attualmente e' stato eliminato perche' ritenuto in un secondo momento non idoneo) sia all'annuncio della costruzione di un nuovo 'sarcofago' che per almeno cent'anni dovrebbe evitare pericolose fughe di radioattivita' del reattore 4. ''E' una saga senza fine. Il completamento della struttura, previsto in questi anni - commenta l'esponente di Greenpeace - e' spostato ora nel 2011. I costi, inizialmente valutati in 768 milioni di dollari, oggi sono stimati in un miliardo e 91 milioni, un aumento del 40% e siamo lontani dall'avvio dei lavori. Uno dei motivi del ritardo nel consolidamento delle strutture, riguarda il reperimento del personale, che ha tempi di rotazione in funzione delle dosi di radioattivita' assorbite. Le preoccupazioni sul fatto di esporre i lavoratori a dosi maggiori dei limiti si sono gia' rivelate fondate''. Secondo Greenpeace un eventuale collasso della struttura attuale avrebbe come conseguenza un rilascio di radioattivita' significativo fino a distanze di 50 chilometri e oltre, mentre le conseguenze potrebbero essere gravi in un raggio fino a 20 chilometri. ''Soltanto nel dicembre 2000 - ricorda Onufrio - gli altri tre reattori di Cernobyl sono stati spenti definitivamente. La giustificazione del tenerli accesi era legata al fatto di poter finanziare in parte il sarcofago con la vendita di elettricita'; oggi si pensa di rivendere i pezzi dei reattori ancora utilizzabili per finanziare misure adeguate di sicurezza. La visione dell'Aiea, che vuole presentare l'incidente di di Cernobyl come meno grave del previsto - conclude - e' tendenziosa e fuori dalla realta': rimane il dubbio se una soluzione verra' mai trovata, viste anche le resistenze che emergono in Ucraina che teme di esser lasciata sola col problema del recupero del materiale radioattivo una volta costruito il secondo sarcofago''.(ANSA). TS
25/04/2006 15:55


FATE DUE CONTI QUANT'E COSTATA QUESTA ENERGIA

girocampa
26-04-2006, 09:57
IMPIANTI FOTOVOLTAICI ALIMENTERANNO GLI ACQUEDOTTI A CREMONA
(ANSA) - CREMONA, 25 APR - Sono state tutte approvate le domande di ammissione alle tariffe incentivanti presentate da societa' Padania Acque di Cremona nello scorso mese di ottobre. Padania Acque gestisce il servizio di erogazione dell'acqua potabile nella maggioranza dei Comuni della provincia di Cremona. Il GRTN (Gestore del Sistema Elettrico Nazionale) ha comunicato il proprio benestare ai progetti preliminari per la realizzazione di pannelli fotovoltaici ed il riconoscimento del relativo contributo economico per ogni kWh prodotto. Grazie a questa nuova tecnologia Padania Acque produrra' energia elettrica per far funzionare i propri impianti acquedottistici, sfruttando direttamente l'energia solare e non piu' ricorrendo alla combustione dei prodotti petroliferi. Gli impianti realizzati saranno cinque: uno presso la sede di Cremona; gli altri nei comuni di Pescarolo, Sesto ed Uniti, Capergnanica e Isola Dovarese. Complessivamente avranno una potenza elettrica di 145 kW, per una produzione di 190mila kWh l'anno. L'investimento di circa un milione di euro godra' di un contributo di 0,45 euro per ogni chilowattora prodotto dai pannelli fotovoltaici, per un periodo di 20 anni. Oltre a un contributo annuo di circa 85.000 euro, Padania Acque risparmiera' altri 28.000 euro l'anno sull'energia elettrica autoconsumata per i propri fabbisogni. L'analisi economica degli uffici dell'azienda prevede un tempo di rientro dell'investimento in dodici anni e un tasso di redditivita' dello stesso di 9,5%. Entro il prossimo mese verranno presentate al GRTN i progetti esecutivi e, poi, saranno appaltati i lavori. (ANSA). N11
25/04/2006 18:28

girocampa
28-04-2006, 19:00
NEWS

ASSALTO A FOTOVOLTAICO, 30.000 LE DOMANDE
(ANSA) - ROMA - Un vero e proprio assalto al fotovoltaico da parte degli italiani. Questo quello che emerge dal bilancio presentato dal Grtn, soggetto attuatore delle politiche nazionali di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici, dei primi mesi di applicazione del conto energia. In tutto sono circa 30.000 le domande presentate da settembre a oggi, 16.000 solo nei primi tre mesi del 2006. A scattare la fotografia l'ingegnere Gerardo Montanino, Direttore operativo del Grtn al convegno ''Il fotovoltaico in Italia: obiettivo 500 MW'' organizzato alla fiera Solarexpo di Vicenza. Numeri da capogiro, e' stato affermato, che nessuno certo si aspettava al momento del varo della legge sugli incentivi. Finora, infatti, ha riferito Montanino, sono state gia' presentate 3.688 richieste e ammesse 2.914 nel primo trimestre di applicazione degli incentivi; nel secondo trimestre (ottobre-dicembre 2005), su 8.247 richieste le domande ammesse sono state 6.207 mentre ben 16.000 sono le domande presentate nel primo trimestre del 2006 per un totale, dall'inizio del piano incentivi a oggi, di circa 30.000 domande. Grazie al 'Conto energia', ha riferito il Grtn, anche l'Italia accelera decisamente nello sviluppo della produzione di energia fotovoltaica ''e si avvia a diventare il secondo Paese in Europa, dopo la Germania, in questo settore''. ''Non mi aspettavo una sala cosi' piena di operatori e cittadini interessati al conto energia e allo sviluppo delle fonti energetiche alternative - ha dichiarato Montanino - ho trovato una platea attenta e preparata che mi ha rivolto domande tecniche a cui possono dare risposte solo il ministero delle Attivita' Produttive, di concerto con il ministero dell' Ambiente''. ''Per il momento l'incentivo previsto, per una durata di venti anni - ha proseguito Montanino - e' compreso tra 0,45 e 0,49 euro per ogni kWh prodotto, a seconda della taglia dell'impianto (compresa tra 1 e 1000 kW). A esso si aggiunge il ricavo derivante dalla vendita dell'energia o il risparmio in bolletta nel caso l'energia venga utilizzata per alimentare la propria utenza''.

I decreti prevedono, rispetto a un obiettivo nazionale di potenza fotovoltaica installata di 1.000 MW entro il 2015, di incentivare inizialmente una potenza di 500 MW, con un limite annuale di 85 MW. In particolare l'ultimo provvedimento prevede la possibilita', per gli impianti di potenza non superiore a 20 kW, di optare per il servizio di scambio sul posto oppure per la cessione in rete dell'energia prodotta. Nel primo caso l' incentivazione e' riconosciuta solo all'energia prodotta e consumata in loco, mentre nel secondo caso viene incentivata tutta l'energia prodotta. ''Molti - ha detto ancora il direttore operativo del Grtn - si lamentano che le regole da seguire sono un po' farraginose e che occorrerebbe cambiare il meccanismo degli accrediti del conto energia magari investendo il gestore locale. Certo gli 85 MW annui indicati dai ministeri sono molto al di sotto delle richieste finora arrivate ma dobbiamo considerare che tali previsioni erano state fatte in conseguenza della limitata produzione di pannelli fotovoltaici in Italia, di circa 15MW/anno (Enitecnologie 3-5 MW/anno, Helios 4-5 mw/anno e altri 5MW/anno da piccoli produttori) e sul fatto - ha aggiunto Montanino - che siamo costretti ad acquistarli dalla Germania e dal Giappone, i maggiori produttori al momento sul mercato. Speriamo che questa richiesta abnorme decida di far fare investimenti sull'industria italiana del settore''. Il via agli incentivi risale al 28 luglio 2005 quando il Ministero delle Attivita' Produttive, di concerto con l' Ambiente, aveva firmato il decreto sull'incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici, poi integrato e in parte modificato dal decreto 6 febbraio 2006. Successivamente l'Autorita' per l'Energia Elettrica e il Gas, con la delibera 188/05, aveva nominato 'soggetto attuatore' per l'incentivazione del fotovoltaico il GRTN, la societa' pubblica che gestisce gli incentivi per le fonti rinnovabili. In virtu' di questo ruolo, il Gestore del sistema elettrico-GRTN S.p.A. aveva promosso azioni e campagne informative finalizzate a favorire la corretta conoscenza del meccanismo d'incentivazione del solare fotovoltaico. (ANSA). Y72-GU

L'ENEL NON PRODUCE PANNELLI FOTOVOLTAICI, PERO' VUOLE IL NUCLEARE POVERI NOI

girocampa
28-04-2006, 19:04
SOLE IN CASA, RISPARMI PER 500 EURO L'ANNO A FAMIGLIA
(ANSA) - ROMA - Il sole in casa e bolletta piu' leggera. E i risparmi sono consistenti: dai 400 ai 500 euro l' anno per ogni famiglia italiana installando al posto delle normali caldaie elettriche o a gas un piccolo impianto domestico. In 20 anni di funzionamento dell'impianto il taglio sul bilancio familiare sarebbe di 10.000 euro. E questo e' solo un primo assaggio. Con pannelli su 100 mila nuove case, il pacchetto-risparmio sarebbe ogni anno di 50 milioni di euro con un taglio di emissioni di Co2 di 180 mila tonnellate. Questi i calcoli di Legambiente che, domani, alla fiera di Vicenza Solarexpo, lancia la sua nuova campagna ''Mettiamoci il sole in casa'' per informare i cittadini sugli sconti, sui risparmi, sugli incentivi, sulle installazioni e sui vantaggi di scegliere i pannelli solari. ''Le potenzialita' del solare termico in Italia, la ricetta piu' economica e a portata di mano per realizzare un concreto risparmio sulle bollette, di ridurre consumi energetici e emissioni di CO2 sono praticamente infinite'', ha detto Edoardo Zanchini, responsabile settore energia e trasporti di Legambiente. ''Ad esempio - afferma - installando al posto delle normali caldaie elettriche o a gas un piccolo impianto domestico, che costa 2-3000 euro, si permette ad una famiglia di risparmiare in bolletta circa 4-500 euro ogni anno per 20 anni di funzionamento''.

Quindi l'appello al nuovo Governo: renda obbligatoria l' installazione dei pannelli solari termici su tutte le nuove costruzioni e sulle ristrutturazioni. Lo ha gia' fatto la Spagna e da poche settimane anche Roma. ''Considerando un intervento su 100mila case, spiega Zanchini, si puo' stimare un risparmio annuale di 355 GWh di energia elettrica non consumata (che corrispondono al contributo di una centrale termoelettrica per 50MW), di 50milioni di euro nelle bollette dei cittadini, di 180mila tonnellate di CO2 immesse nell'atmosfera''. Insieme a questa campagna, Legambiente lancia anche un accordo con le aziende del settore che consente di usufruire di sconti di almeno il 5%, aggiuntivi rispetto a quanto gia' previsto dai rivenditori, e di approfittare di altre opportunita' come l'estensione della garanzia sui pannelli, la manutenzione gratuita, l'installazione di un conta calorie. (ANSA).

girocampa
28-04-2006, 19:09
NEWS

27/29 APRILE - VICENZA: SOLAREXPO
- Vicenza: tutto il sole minuto per minuto a Solarexpo dal 27 al 29 aprile

PENSATE FRA 10 ANNI QUANTO COSTERA' SCALDARE

girocampa
28-04-2006, 19:18
16-19 MAGGIO - AMBURGO: WINDENERGY 2006
- Amburgo (Germania): WindEnergy 2006, Salone Internazionale dell'Energia Eolica


MEGLIO 10.000 PALE A VENTO CHE UNA CENTRALE NUCLEARE. IL VENTO E' GRATIS GRATIS GRATIS

girocampa
28-04-2006, 19:25
Ras: utile primo trimestre 351 mln
Proventi finanziari netti +44%
(ANSA) -MILANO, 28 APR- Ras Holding ha registrato nel primo trimestre un utile netto consolidato di 351 mln, in crescita del 60,9% rispetto al primo trimestre 2005. Il risultato e' stato ottenuto grazie a proventi finanziari netti incrementati del 44%. I premi contabilizzati sono aumentati del 2,8% a 5.037 milioni, la raccolta premi Danni del gruppo e' salita del 2,3% a 2.506 milioni, quella Vita del 3,3% a 2.531 milioni.

girocampa
28-04-2006, 20:34
EOLICO
ECO-ENERGIA: TAGLIO CONSUMI 20%; IN 5 ANNI TRIPLICARE EOLICO
(ANSA) - ROMA, 18 apr - Boom del petrolio e caro-bollette: contro l'emergenza energetica l'Italia ha bisogno di ''una politica nazionale e regionale sostenibile che deve puntare con decisione entro i prossimi 10 anni alla riduzione di almeno un 20% dei consumi e fabbisogni termici ed elettrici''. Cosi' Legambiente che presenta il suo piano anti-black out e salva bollette. E lo fa dalle pagine di un libro dedicato ai 20 anni dal disastro di Cernobyl. Produzione del 25% di elettricita' da energie 'pulite' e aumento dell'efficienza, le ricette proposte da Legambiente per fermare la voglia di nucleare e rispondere in modo ecologico alla crescente domanda di energia. Il piano eco-energetico messo a punto dall'associazione prevede lo sviluppo straordinario, nei prossimi 5 anni, dell' eolico triplicando gli impianti gia' installati; del solare fotovoltaico (al ritmo di 50 Mw l'anno); del solare termico (500 mila metri quadrati l'anno''. ''A oggi, infatti, fonti rinnovabili come l'eolico e il solare sono gia' mature per essere 'sbloccate'. Hanno solo bisogno di regole chiare per l'integrazione e di incentivi trasparenti, come il 'conto energia' per essere avviate'', affermano Stefano Ciafani, coordinatore ufficio scientifico di Legambiente, ed Edoardo Zanchini, responsabile dell'area politiche ambientali dell' associazione. In generale, in merito allo sviluppo delle energie pulite, sono soprattutto le 'nuove' rinnovabili a marciare a pieno ritmo: dal 2000 - riferiscono i due esperti di Legambiente - il solare fotovoltaico nel mondo si e' diffuso con un tasso medio annuo del 60% mentre l'eolico e' cresciuto a un ritmo del 28% l' anno. E, nelle proiezioni dell'Agenzia internazionale per l' energia, le rinnovabili possono arrivare a soddisfare il 20% della domanda di elettricita' mondiale al 2020 e il 50% di energia primaria nel 2050. In questo scenario l'Europa sta giocando un ruolo da capofila. Ecco la situazione fotografata da Legambiente per singole fonti: - EOLICO: Europa vera potenza industriale con 40.000 Mw (75% dell'installato nel mondo) e una produzione annua di 60TWh che soddisfa il fabbisogno di 35 milioni di abitanti. Nel 2004, l' eolico ha contribuito al fabbisogno nazionale del 20% in Danimarca, del 6,4% in Germania e del 6% in Spagna (nella regione della Navarra copre fino al 50% della domanda). Senza contare le ricadute sull'occupazione: in Ue il lavoro diretto e l'indotto nel settore eolico e' cresciuto tra il '98 e il 2002 del 188% superando i 72.000 occupati. Nel mondo sono sempre di piu' i Paesi che stanno investendo sull'eolico: dalla Cina, all'India, agli Stati Uniti. - FOTOVOLTAICO: Grande la crescita a livello mondiale negli ultimi anni. In Germania sono stati installati - riferisce Legambiente - 800Mw (quasi tutta la produzione dell'Europa dei 15 che ammontava al 2004 a 960Mw); in Giappone 640Mw e in Usa 212Mw. Notevoli i progressi tecnologici con costi che si dimezzano tendenzialmente ogni 8-9 anni - SOLARE-TERMICO: Negli ultimi anni anche questo settore ha ripreso a correre con una crescita annua del 25%. La Germania nel solo 2003 ha installato 750.000 metri quadrati di collettori vetrati raggiungendo nell'anno successivo un totale di 5,6 milioni di metri quadrati mentre la Grecia ha superato i 2,8 milioni di m2. Terzo posto per l'Austria con poco piu' di 2 milioni di m2, quarto per l'Italia che al 2004 (anno di riferimento per i dati forniti da Legambiente) aveva 444.285 m2 installati. (ANSA). GU

MariaDehoz
28-04-2006, 20:46
Ciao, Giro ^__^ !
Sempre di grande interesse i tuoi post, specialmente la "serie sull'energia" :D

girocampa
28-04-2006, 20:48
Marzotto, Valentino deve crescere
Lezione in cattedra alla sapienza per dg gruppo
(ANSA) - ROMA, 28 apr - Il marchio 'Valentino ha una grande capacita' di sviluppo, per questo il gruppo Marzotto lo ha acquistato nel 2002', dice Matteo Marzotto. 'Dal 2005 - avverte il dg - fa parte di un nuovo gruppo quotato in Borsa, ma siamo solo all'inizio del suo successo'. Insomma, Valentino, punta di diamante del quarto gruppo del lusso mondiale, secondo il suo dg 'e' solo all'inizio dell'ascesa'. Il manager e' salito in cattedra alla Sapienza dove si tengono incontri con i protagonisti della moda.

MariaDehoz
28-04-2006, 20:53
Matteo è quello che si tirava i piatti con Naomi Campbell ? :D
Me li ricordo in tv : lui venti centimetri più basso di lei [:p]
Ovviamente non entro nelle teste maschili ma non "vi secca" andare in giro con una che vi fa sembrare nani ?! [^]

girocampa
28-04-2006, 20:54
ECO-ENERGIA: EOLICO; L'EUROPA GUARDA ALL'INDIA
(ANSA) - BRUXELLES, 26 APR - Gli investimenti europei potranno trovare un interessante mercato in India nello sviluppo dell'energia eolica. Oltre una cinquantina di rappresentanti di banche, di produttori di turbine, di esperti in tecnologia, di promotori indiani ed europei si sono ritrovati a New Delhi intorno al tavolo della Confederazione Industriale Indiana per discutere sui possibili mezzi per sviluppare l'energia eolica in India. Sono stati analizzati ostacoli e vantaggi derivanti da un investimento nel settore eolico e presi in considerazione e discussi differenti possibili tipi di finanziamento. Cosi' come si e' parlato della struttura delle tariffe, dell'integrazione all'interno della griglia di trasmissione e del trasferimento di tecnologia tra l'Europa e l'India. Secondo Subramanian, Segretario del Ministero per le Fonti di Energie non Convenzionali, sara' necessario creare un complesso di regole che disciplinino il settore eolico per poter attrarre gli investimenti. La tavola rotonda e' stata organizzata nel quadro della 'Rete Unione europea-India per l'energia eolica', voluta e sostenuta dalla Commissione europea. I risultati della discussione verranno illustrati in un rapporto 'Finanza dell' energia eolica, mobilizzare gli in vestimenti europei nel settore eolico indiano', che sara' pubblicato nella primavera del 2007. Nel frattempo,a seguito della presentazione in India del GWEC, Consiglio Globale per l'Energia Eolica, e' stato presentato il rapporto generale che analizza la situazione dei mercati internazionali dell'eolico nel 2005. Il messaggio contenuto nel rapporto e' chiaro: ''L'energia eolica e' diventata un'attivita' commerciale globale e si sta sviluppando come fonte dominante di energia nei paesi sviluppati e in quelli in via di sviluppo'', ha commentato Angelika Pullen, responsabile per la comunicazione del GWEC. ''Mentre l'Europa e' ancora leader nel mercato dell'energia eolica con 40 GW di capacita' installata, altri continenti come il nord America e l' Asia si stanno sviluppando con un ritmo sbalorditivo'', ha aggiunto la Pullen. L'india, secondo i dati del 2005, con i suoi 4430 MW di energia eolica e' il quarto paese a livello mondiale, dopo la Germania, la Spagna e gli Stati Uniti, per capacita' di energia eolica istallata. YFZ-GU

girocampa
03-05-2006, 18:46
Piaggio: Ricavi Primo Trimestre +20%; Utile Supera 10 Mln

(ANSA) - MILANO, 3 MAG - Il gruppo Piaggio ha chiuso il primo trimestre dell'esercizio in corso con ricavi in crescita del 19,8% a 374,2 milioni di euro e un risultato netto positivo per 10,2 milioni, a fronte di una perdita di 10,9 milioni registrata nell'analogo periodo del 2005. Lo riferisce una nota.
Il margine operativo lordo è cresciuto del 75,3% a 43 milioni di euro, con un'incidenza sul fatturato cresciuta dal 7,8 all'11,5%. In calo l'indebitamento del gruppo, che si è ridotto a 397,7 milioni dai 411,4 milioni registrati a fine 2005.
Oltre ai conti trimestrali, il consiglio di amministrazione di Piaggio ha deliberato, in seduta straordinaria, di aumentare il capitale sociale da 194,827 a 205,941 milioni di euro, con l'emissione di 21.372.771 nuove azioni, da 0,52 euro ciascuna, da offrire ai titolari delle opzioni assegnate nell'ottobre 2003.(ANSA).

BUONE NOTIZIE PER IMMSI:):D[8D][:p][^][^][^]

girocampa
03-05-2006, 19:00
Citazione:Messaggio inserito da MariaDehoz

Ciao, Giro ^__^ !
Sempre di grande interesse i tuoi post, specialmente la "serie sull'energia" :D

SPERO SIANO DI TUO INTERESSE PER ORIENTARE AL MEGLIO I TUOI INVESTIMENTI . SONO SICURO CHE L'ENERGIA RINNOVABILE E L'EFFICIENZA ENERGETICA FARANNO' CORRERE LE BORSE I PROSSIMI ANNI[:X][:X][:X][:X]

girocampa
03-05-2006, 23:26
Bmw: l'utile sale a 948 milioni
La crescita ha superato le attese degli analisti
(ANSA) - FRANCOFORTE, 3 MAG - La BMW, nel primo trimestre del 2006, ha aumentato profitti e fatturato. L'utile netto e' arrivato a 948 milioni di euro. Prima delle tasse, l' utile e' stato di 921 milioni di euro (+12%), senza tener conto degli introiti straordinari derivanti dalla vendita delle partecipazioni a Rolls Royce. Le vendite (332.923 auto) sono salite del 14%. L'amministratore delegato Panke ha confermato l'obiettivo per il 2006 di voler realizzare un utile netto di 4 mld di euro.

girocampa
03-05-2006, 23:39
Mercoledì 3 Maggio 2006, 15:11
Saras: da produzione energia 33% degli utili I trim. 2006



Il contributo complessivo delle jv Sarlux (55% Saras, che a fine aprile ha però vinto un arbitrato che le dovrebbe consentire di acquistare il 100%) e Parchi Eolici Ulassai all'utile netto consolidato del primo trimestre 2006 risulta pari 19 milioni di euro (14 milioni nel 2005) su 56 milioni totali, pari quindi al 33% del risultato. L'ebitda di Sarlux risulta pari a 63 milioni di euro per il primo trimestre 2006 e 59 milioni di euro nel primo trimestre 2005. L'ebitda di Parchi Eolici Ulassai risulta pari a 8 milioni di euro nel il primo trimestre 2006.


MA SARAS HA PURE DEI PARCHI EOLICI? QUESTA NON LA SAPEVO!!!!